Skip to main content

Full text of "Follie religiose : poema in ottava rima scritto in lingua piemontese con note italiane dell'autore"

See other formats














—r 









FOLLIE RELIGIOSE 










FOLLIE RELIGIOSE 


POEMA iM OTTAVA RIMA 

SCRITTO IN LINGUA PIEMONTESE 

con note italiane 

DELL’ AUTORE . 



BRUSSGLLE 

1847 


























svaaji smm 


■ ■■ ti*;--* • * 


Con sincere e replicate istanze voi mi persuadeste a 
terminare il libro di mie FOLLIE RELIGIOSE * voi mi 
feste sperare, che la mia Canzone destando dall’ infausto 
letargo le menti de’ Piemontesi turpemente abbagliati 
dal Fanatismo religioso, verrebbe alfine a diradare la 
misteriosa nebbia, con cui V Ipocrisia e la Frode copri¬ 
rono la luce della verità, errante dopo tanti secoli nel 
sagro laberinto della corte di Roma. 

Voi voleste il mio scritto, eccolo, amici... Qualunque 
ei siasi, a, voi lo dedico e lo presento ,* fra tanti turbini, e 
fra gli scogli, che incontrerà vagando per l’oceano delle 
opinioni, ritrovi in voi la mano amica, che il guidi a 
salvamento : forte dell’ egida vostra ei mostrerà sua 
fronte, e impavido sosterrà lo sdegno dell’ idra santa, 
che spumante di rabbia e di livore moveralle insidiosa 
guerra. 




C @5- 


Abbandonato e solo, resistere non potrei al furore 
dei nemici di mia opinione, e certo ne rimarrei oppresso, 
se non verranno i fidi amici in mio soccorso ; nè crediate 
già di potervene schermire, o di ritrarre il piede dall’ 
intrapresa carriera ; chè segnati a dito, ed osservati tutti, 
continuo vi guata il mostro, che giammai perdona. 

Guai, se Fortuna si mostrasse avversa ! svenati a 
mille cadreste voi pure sotto il ferro fratricida; i campi 
del Piemonte si vedrebbono rosseggiar di nostro sangue ; 
e in quello ancora godrebbe a guazzarsi, il Fanatismo 
santo : tale si è nostra sorte, e tale è pure il cuor del 
Fanatismo ; egli si pasce di sangue, e formano sua delizia 
le stragi e la morte degli amici della verità. 

Or dunque, perchè staremo noi inoperosi e fiacchi, 
mentre d’ ogni intorno echeggia il grido di Libertà ? per¬ 
chè silenziosi e muti aspetteremo noi, che ad uno ad uno 
venga nel bujo il mostro ad ingojarci? perchè taceremo 
noi la frode e Pesca ingannatrice, da cui furono amma¬ 
gliati i nostri fratelli ? perchè dovremo ancora con mano 
tremante celare la verità al guardo de’ Subalpini? 

No.rompasi una volta quest’ indegno silenzio : 

possa codesto scritto rinfacciare a tanti il loro errore, e 
mostrar loro quai vane fole ; e quai fantasmi vestiti di 
religione essi adorarono ; scopra loro la frode e il truce 
cuore di quelli, che abusando della pia credenza de’ Su¬ 
balpini bellicosi, alzando i puerili stemmi di lor magico 
potere, riescirono a trasformare i figli del Piemonte in 



carnefici, in satelliti, in fratricidi ! Possa in fine distene- 
brando la caligine de’ misterj e de’ prodigi, distruggendo 
la faragine dei dommi, v dei riti, e de’ pregiudizi, che quai 
steccati dividono dopo tanti secoli le menti ed i cuori de¬ 
gli uomini, rendere la calma e la ragione ai sedotti e 
creduli agricoltori, al superstizioso e deboi sesso, ed in¬ 
spirare a questi un religioso orrore per le micidiali mas¬ 
sime di tanti fanatici e crudeli ministri del Dio di pace ! 
trionfi solo l’amor di patria, di libertà ; ed abbian fine 
un giorno le guerre di religione : tale è il mio voto. 








ddh rustie /V '<h^u^> 

U-~~ "?) 


k 


(TVm'^O |£. I’ctAaaM^ 

\VlM <*t\M/1l 

M<r ** fc"T k tM 

j irli- 215^t 2L2 


; ' ' Vi .1 . I 

' ■ 


■ 












POEMA PIEMONTEIS 

Non cui vis lcctori, auditorive placebo; 

Lector et auditor, nec mihi quisque placet. 

OVID. 


i 

S’j’ aitre volle an luìt i ghicc a j’ era 
1)’ Profeti e d’ scrittour d' teologia; 

S’tuit i schiribis , ogni chimera 
As’ podìa stampesse, cs’ pretendìa, 

Ch' ’1 mond a pieiss tut-lò pr roba vera , 
Prchè podraine nen, a mi m’ smìa, 

I 1 !' amusòj’ amis e feje rie, 

(lanteje an Piemonlcis mie Foulìe? 

r 




2 


A T è r unic soliev eh’ al mond i treuva, 
Quand son seca dai crussi e dai sagriti 
L’ andò virand ta storia antica e neuva, 

E vdde com’ ’l mond l’è buratìn ; 
Quantunque voi lo sappie già pr preuva, 

S’ veule ancour sciairelo pi davsin , 

Senza serchè d’istorie misteriouse. 

Sentì ste mie Foulìe Religiouse. 

3 

Ma mentre eh’ an riand i vad parleve 
I)j’ abus di fanatism d’accecameli t, 
Penseve nen eh’ i serca d’ anganeve 
Con l’arma di sofìsm e dj’ argument: 

No, fieui . . . . i parlo mac pr dsvieve 
Da coul stupour profond eh' a ten le meni 
E l’anima tramhlanta e sepelìa 
Dal vel di’oscurità, dia letargìa; 

4 

E ben lontan dall’ inlachè , d’ offende 
La Religion d’ natura e la consciensa, 

D’ protege l’Ateism , d’ voreje estende 
Le massime danose all’ innocertsa, 

1 veui con sto me serit leve comprende 
I gran inconvenient e la licensa, 

J' abus, le assurdità, le gouffarie , 

Prtau eli’ ji riconosce, e eh’ i na rie. 



zsesjh 


—=$ ^ i @>- 

5 

Così mentre eh’ i sciaire r impostura, 

Ch’ i vdde ’1 fanalism, conosse ’l mal, 

J’ avrì na guida facil e sicura 
Prtan podei distingue la moral, 

Coula eh’ a n’ ha detane la natura , 

Coula eh’ sul coeur uman sola a prevai, 
Ch’ an’ mostra i nostdover, eh’ a ten unìa 
La società, eh’ sensa a s’ disperdrìa. 

6 

Prchè quand pr prinsippi un peul pinen 
Fè stima die virtù, schivò i difet, 

Quand un conoss pinen ’l mal dal ben, 
Quand tult L’ è necessari e 1’ è perlel; 
Quand nost caprissi a treuva pi gnun Cren, 
Ch’ un bada nen al fin, mac ai effet : 

J’ è nen mac la moral eli’ peussa guidóne, 
Traltnine dal fè d’ mal e consoléne. 

7 

Prchè le leggi umanne e la giustissia, 

I Giudes, ’l Senat, ’l Tribunal 
v A podran mai prevnì nostra malissia, 
Podran mai impedì eh’ un fassa d’ mal, 

E ognun farà an segret ogni nequissia, 

S’ a le nen artenù da la moral, 

Sa F ha nen ant ’l sen eia serta spinna 
Ch’ a puns ’l coeur uman quand à traviima. 


-<© <2 

8 

Con lo veui appoggiò sull’ imporlansa, 

E’1 bsogn eh’ j’ avouma tuit d’ na religion (1) 

Pr moderò i costura e labaldansa, 

Prtant contnì le geni e j’ opinion ; (2) 

Prlant che ’1 raond eh’ a viv ant 1* ignoransa 
Conossa ì so dover, soe obbligassion ; 

Prtant eh’ la legge e i drit sio uguai pr luti, 

Gli’ i vivo da onest om, e nen da bruti. 

9 

Ma peui mentre eh’ i crdo necessaria 
Na religion, un culto a le Nassion, 

Otant i crdo perfida e incendiaria 
La vampa d’ fanatism, d’ superatissimi : 

Prchè 1’ è na vrità irrefragaria, 

Ch’ ’l fanatism a buia an perdission 
1 popol, le sità, le tere istesse, 

Prtutt dov’ ai riés d’ anradisesse (5) 

10 

Pr-tal-effet guardò ! . . . . tute le guere, 

I mai, i terremot, le pestilense, 

Le leggi pi birbante e pi severe, 

Le crudeltà di Re, soe prepotense, 

’L fulmine, le vipere, le fiere ; 

Insemina tutti i mai eh’ i treuve o pense, r 

Pià tuit ansem, sigur a 1’ han nen fané 
I dan eh’ ’l fanatism a n’ ha portane. 





<■> £=- 

11 

Così s’ è vist j’ Ebrei an Palestina 
Parland a nom di Ciel cosa l’ han fait; 

Al Messico i Spagneui, che bela mina, 

Che gran esempi al rnond hanne mai dail ! 

Ant nostre Vai, a Napoli, a Messina, 

A Londra, an Portugal, e da noi-ait, 

L’ oumne pa vist d’ milion d’ Religionarj 
Portaud ’l Crist an man a fè i sicarj ! (4) 

12 

A 1’ è fait e finì-j’ è gnun rimedi, 

di’ a peussa pi scasse, guarì coul mal ; 

A j’ è nè feu, nè bombole, nè assedi, 
di’ a bata 1’ opinion sacerdotal ; 

Dai pare a passa ai fieui, peni ai eredi, 

E soens a 1’ è da un temp immemorial, 

Ch’ una tal opinion a s’ è spantiasse, 

A 1’ ha fait di progress, s’ è conservasse. 

15 

La geni rifleto pa, peulo pa vdde 

Con n’ ocui dsinteressà lut-lo cip a san ; 

A beivo con ’l lait, amprendo a crde 
Le massime eh* a sento dai ansian ; 

Sensa timor d’ falisse o d’ stravdde, 

A resto Musulman, Ebreo, Cristian, 

Second a 1’ è ’l pajis eh’ j’ a visi a nasse, 

Second j’ han cducajc dant le l'asse. (h) 



Così chi adora Giove, e chi Latona, 

’LSol, un Cocodril, un Tor, un Lama; 

Chi adora un Vilel d’or, chi va an Ancona 
A vdde bougiè j’ceui a la gran Dama; 

Chi cred pr positiv, eh’ sia la Madona, 

Ch’ a distrìbuis le grazie a chi je ciaina, 

Chi cred eh’ na statua d’ bosch o na pitura 
Peussa cambiò le legi dia natura. 

15 

Chi veul eh’ a sia Maomet ’l gran profeta, 

Chi dis eh’ a lè Giusù cusin d’ Batista, 

Chi cred eh’ a sia già vnù, e chi lo aspeta, 
Chi cred eh’ a torura prest a dè 1’ arvista 
Pr amnesse via con chiel la gent eleta ; 

Tuit veulo avei di Sant, tuit 1’ han na lista 
D’ gent canonisà, bon da miraco, 

Pr fé guarì i stropià, o coui eh' as fìaco. 

16 

Così pr l’opinion, pr la speransa 

D’ andò mangiò d’ poum d’or an paradis 
D’ gode dia bell’ ombra e di’ abbondansa 
An mes ai campi elisi con j’ amis, 

D’andè nt ’I sen d’Abram con soa Piolansa, 
As treuva d’ mamaluch pr i pajis, 

Ch’ as lasso scortiè viv, gavé le buele, 

E pio de dmoure lì pr bagatele. 



17 


Così pr té la court a la Dea Vesta , 

Oppura pr dventé spouse d’ Nosguour, 

Tante creaturinne as fico an testa 
D’ lassò i parent, j’ amis, e i genitour, 

Pr andesse soutrè vìve, e as fan na festa 
D’ bandì da so bel cceur '1 feu di’ amour, 

Pr vive mediland sul legendari, 

E perde tante neuit a dì d’ breviari. (9) 

18 

A 1’ è pur trop così ! la rassa umanna 
Conland da bel prinsippi fin adés 
A V ha sempre bvù 1* eva d’ eia fontauna 
Ch’ a fa dventè cojon fin all’ecés; 

A 1’ ha sempre sona com na campanna : 

Pr dì eh’ a j’abbio dit a l’è l’istés ; 

L’ ha sempre prstà fed a mila cagne, 

E 1’ ha compra le favepr castagne. 

19 

L’oni l’è crea parei, basta eh’ a senta 
Contò quaich’avventura stravagant, 

Qualunque storia-maira eh'un s’ anvenla 
Die streghe, di dmòni, o di gigant, 

Di mori, di dnè strmà, di’ombra lusenla, 

Die cabale, d’ Vision, d’istorie e d’ sani; 

Chìel sensa pensò d’ pi, sens’ aulra tara 
A pia tut loti pr or an bara- 




20 


E così quanti ’l temp, e ’l Sol s’oscura, 

Eh’ a soffia l’aquilon e la tempesta, 

Ch’ ’l fulmine rimbomba e fa paura, 

E fina j’erbo istès chinno la testa ; 

La gent allora a cred cosa sicura 

Gli’ ’l Giel a sia sdegna, eh’ a s’ manifesta 

Con tut coul gran terror l’ira divinna 

Conira la rassa umanna già meschinna. (10) 

21 

Così s’figura ’l mond eh’ a sia l’eclisse 
Un combat, un duel tra doui pianeti : 

Ansi la lunna, ’l sol, le steile fisse, 

La luce, j’element, fin dai Poeti 
Son fait divinità ; a s’ son prefisse 
Le deità di mar, le ninfe, e Teli, 

E Diana e Baco e Cerere e Fetonte, 

Proserpina, Plulon, Stige e Caronte. (i l) 

22 

Così la losna, ’l feu, la geni crdìa, 

Ch’ a fusso deità eh’ a s’ nutrieisso 

Di coinbustibil, eli’ a porteisso via 

J’ anime ai vivent, eh’a consumeisso 

F offerte e i sacrifissi ch’ai fasia 

’L mond superstissious pr ch’a s’placheisso; (12) 

Così da ste fandonie e sii negossi 

A j’è sartie fora ’l saccrdossi. 



-=g 17 §=- 

23 

E cousti sacerdot fasend scciode 

Biu soens quaicb bucatili, quaich Dio neuv, 
L’avìo un boa pretest pr podei gode 
Le vittime, ’l fougasse, e ’l vin e j’ ceuv ; 

Trovand eh’ a l’era facil coula frode, 

Vdend eh’ la novità sempre a commeuv, 

A l’han empì d’divinità profanne 
I bosch, i camp, i iiuni e le fontanile. (13) 

24 

Ansi 1’ han pretendù eh’a j’ esisteisso 

1 Genj tutelar bon e cativ, (4 4) 

Ch’ a fusso fait con j’ale, e eh’ a s’ bateisso 
A prò dia gent pi brav tant eh’ a son viv, 

Pr nen eh’ i (’enj neir a j’ offendeisso ; 

L’ han dit eh’a 1’ ero dcò vendicativ, 

E stavo maeh con coule tai prsonne, 

Oh’ sentìo dall' odor eh’a 1’ ero bornie. 

25 

L’ bau dit, eh’ i Genj neir die bele vote 
Sul fé dia mesa iieuit, o sla matin, 

S’ andavo a strojassè su le matote, (15) 

Fasìo dco lour-sgnouri ’l birichin ; 

Fasìo i rìssolin e le papiote 
A le cavale soens e ai madamin ; 

Siouli d’ ste balade, pr cambieje, 

Fasìo manche ’l fià a le povre veje. 



-<§ <8 

26 

Insomma a l’han conta mila fandonie, 

Di seugn da feve rie tani eh’ i caselle; 

A 1’ han trouvà d’segret e d’ sirimonie, 

Ch’ a son equivalent a coui die masche ; 
Eppura d’ milion d’ om pi gof eh’ le monie 
Tramolo a sentì lo com fusso d’ frasche ; 

E pien d’ coule idee dia magia, 

A sparmo eh’ Satanass a j’ porta via. 

27 

Ma i ver Cristian eh’ a 1’ han la tede pura, 

Ch’ a son illumina dal Spirit Sant, 

D’ eie fandonie lì V han nen paura, 

E lor trato Ioli d’ stravagant ; 

Disend eh’ a l’è i Gentil, la gent impura, 

E coule teste veuide d’ Proteslant 

Ch’ a son mars aut l’errour, ani l’eresia, 

Ch’ a guardo tut Ioli con maravia. 

28 

(Lor-ait a dio così) Lo eli’ i crdouma, 
t canoni, i misterj, i brev sacra, 

A son tuit approva, manda da Roma 
Stampa su d’ brgaminna e sigila ; 

E peui oltre d’Ioli l’è eh’ noi savouina 
Ch’ a son cose sicure e rivela, 

Deli», registra an Ciel dal Segretari, 

Ch’a ten i liber-meist e j’ arlichiari. 


( 16 ) 


18 <£>- 

29 


1 lo savouma bin, a Y è bin vei 

(Dis ’l Cristian), eh’ a s’treuva d’ bele teste, 

D’ cousti spiritin, d’ sbarbatei, 

Ch’ a van pignanch a Mssa al dì die leste, 

Gli’ a spantio la zizania ant i srvei, 

E fan prevarichè le gent oneste ; 

Ch’ a preuvo con d’ sofismi e d’andvinaje, 

Ch’ ’l diao ai sarà mai, e j’ è mai staje. 

30 

Ma tuta sla-gent-si, nta-pà stupisse, 

Ch’ a tenno d’ ste sort d’ proposission : 

Lor crdo d’ esse dot, e d’esse plissé, 

Ma sciairo pa eh’ a van an prdission : 

’L diao lo fa esprés pr divertisse, 

A j’ galia li—bel—bel con d’tentassion, 

Ma peui s’ a j’ ven na frev o la diarrea, 

Giamo ’l Confssour, e strenso la courrea. (17) 

31 

Prchè eli’ a san nen subii dsgilfreje 
I misteri profond, le professìe, 

0 le rivelassion, le carte veje, 

Le cose maraviouse e mai sentie : 

Sta sgnouri a s’ fan na gloria d’inepriseje, 

.E dio ancour eh’ a son mincionarie : 

Guardò fin dov’ arriva la uequissia, 

La tentassion di Diao e la malissia ! 







52 


1 lo savouina prò, eh’ gnun pcul capije, 

Prchè i capìo gnanch coui eh’ a j’ han seriie 
Lour l’han scariboucìa lo eh’ a j’ha dije 
’L Spirit Sant, e se a son nen bin ditte, 

S’a smijo d’ cose assurde al prim sentije, 

A 1’ è eh' le nostre teste a son trop peitte, 
DI rest, giusta prchè son nen probabil, 

A son pi sacrosante e venerabil. 

33 

E peui : subit eh’ ’l Ciel j’ha rivelaje, 

Cos’ an-na falò a noi s’as’è falisse? 
Crdoumie com’ a l’è eh’ j’ouma trovaje, 
Senza saveine d’ pi, sens’ anmatisse ; 
Guardò un pò quanti dsordin a j'è staje, 
Eppura Cesa-santa a s’ è sostnisse, 

(E drochrà mai, cousta l’è cosa vera, 
Prchè 1’ è sta fonda sna bornia pera.) 

34 

E ’l Papa eh’ a l’è peui nost cap visibil, 
Padron di ciel, di infern, d’tutt'l mond, 


Ch’ a l’è beat e sant e infallibil, 

A sa bin tut-lolì dan-sima an fond : 
Eppura chiel a dis, eh’ a l’è credibil, 

Che i nost rasonamenl a son immond 
Ch’ a guasto niacli la fede e la consciensa, 
Ch’ a j’ veul nen d’intelet, ma d’ ubidiensa 


“*=© 21 §5- 

35 

E peui s’ a s’ved eh’ Nosgnour a s’è adatasse 
Pi-prest a nostr’umor eh' a la vrità ! 

E la rivelassion s’è pà inventasse 
Prlant eh’ ’l mond a fussa illumina ; 

Ma r è prtant eh’ a tneissa j’ale basse, 

E eli’ a viveissa mach parei di Fra; 

Ch’ a feissa com’ i Mui, coui dia farinna ; 

di’ a san andè al mulin forsa d’ routinna. (18) 

36 

Così s’ Mosè l’a dit, che initio Mundi 
A j’era già la seira e la matin 
Prima eh’ a j’ fussa ’l Sol : nla-nen confondi 
’L ver con ’l profetich e 1’ divin ; 

Se a dis eh’ ’l Sol a vira pr diffondi 
La luce sula tera, a dis dco bin ; 

L’istess com quand Nosgnour a porta via 
Le coste a Adam an-mentre eh’ a durmia. (19) 

37 

S’ a dis, eh’ ’l Padre-eterno an sirimonia 
A l’è surtì dal Ciel, cala ant st-mond, 

Pr vdde la gran Tour d’ Babilonia, 

E poudeila squadrò dan-sima an fond : (20) 

Crdve pa-nen eh’ a sia na fandonia 
Copia dal gentilesim gabamond, 

Ch’ a dis eh’ barba Giove era ’n compare 
Ch’ a vnia ant st-mond-sì srchè d’ comare : 


-=£ 22 ep- 

58 

Così se i sente a dì eh’ i tre Re-Magi 

L'ìian pia l’impresa d’ coure aprés d' na steila, 

La qual dal fond di’ orient pr tut so viagi 
A l’ha sempre servije pr candeila (21) 

A lor, ai so carnei, a tutti i pagi ; 

Se i sente a dì, che ’l Diao al temp eh’ a geila 

Al’a porta Nosgnour su un colonato 

Pr feje rinonsiè so patronato; (22) 

39 

Lolì v’ smiirà fors na slravagansa, 
l savrì nen comprendlo e dont butelo : 

Ma Noi eh’ i na vdouma l’importansa, 

(Dis ’l Cristian) savouma dcò spieghelo ; 

Ànsi, noi a n’ fa rie a erpa-pansa 
A vdde i Protestant com’ a s’ gabélo 
Volend interpretè l’essensa pratica 
Dia nostra Religion tuta dogmatica. 

40 

Così parlo i Cristian ; ma s’i voreissa 
Srchè j’opinion dj’ ait e scrutineje : 

S’ mi podeiss descrive, e se i v’ conteissa 
Le religion moderne, e coule veje ; 

S’j’aveiss nen pour eh’ ’l mond a s’ figureissa 
Ch’ an publicand j’errour veuja spantieje 
Y avria, mei amis, da dive d’ cose 
Ridicole, istruttive e bin curiose. 



41 


Prchè voi i sauri, di’ j’è sempre staje 
D’gent a st mond eh’ l’avìo la manìa 
D’ crdse anspirilà fin ant le braje, 

E d’ possedè ’1 don dia professia ; 

E le fandonie eh’ lour avio sognaie, 
Oppur eh’j’ero sautà nt la fantasia, 

A s’ butavo pr scrit, e s’ promulgava, 

Ch’ a l’era ’l He di Ciel eh’ a i je detava. 

42 

Così Maomet pr vende soe balote, 

E dè na gran idea di’ Àlkoran 
Ai povri Turch, a j’anime divote, 

A l’ha copia i Profeti di Cristian ; 

Disend che a s’incontrava tante vote, 
Parlava da quatlr’ ceui con Dio sovran, 

0 eh’ l’angel Gabriel vnia a trovelo 
Pr deje la becà, pr illuminelo. 

43 

Ghiel l’ha dit lò, prchè eli’ Mosè contava, 
Ch’ andava sna montagna an mes al tron, 
Ch’ a stava là di meis, e eh’ a parlava 
Ansem al padre eterno an ginojon ; 

E mentre un quaich fouricc a travajava 
A fè sle taule d’ pera d’ gran litlron, 

Chiel (conforma a scriv la sacra storia) 
Codia ansima un roc l’eterna gloria. 



44 


Così vedenti eli’ a l’era necessaria 
Una rivelassion pr contnì i gnoc, 

Prtan eh’ gnun miscredent a s’ deissa d aria 
D’ scrutinò j’affò nè-prou nè-poc : 

Maomet a l’ha dcò fait pr via somaria 
Na lege, con la qual a buta i scroc, 

Ch’ a crdran nen soa bibbia a prima vista, 

Di reprobi e danà su la gran lista. 

45 

L’istésdis’i Cristian; ansi a vorrìa 

Ch’ a j’ fussa di rigour pi d’lo eh’ a s usa 
Pr contni da na pari l’idolatria, 

E tni ant i sere ’1 mond, e nen eh’ a abusa 
Di dogmi e di misteri a fantasia; 

Àdès ogni bel spirit a s’amusa 
A eritichè le bibbie e ’l vei sistema 
Con d’argument eh’ a spusso l’anatema. 

46 

Disend pr esempi, che qualunque a sia 
La religion che un popol a professa, 

A l’è ugualment al Ciel cara e gradia ; (27) 

E eh’ la moral prtutt a l’è l’istessa, 

Che i culti a son l’effet dia fantasia, 

Ch’ la volontà di Ciel s’è mai espressa, 

Ch’ a l’èna verità trop manifesta, 

Ch’ a s’ salvran tùli coui eh' fan na vita onesta. 


-<§ 2B (gn=- 

47 

(Starlo fresch ! e guai $’ a fussa vera 
Na massima csì perfida e infernal ! 

A j’elo un sol tra noi, eh’ veuja fè cera, 

Suffrisse dnans a cliiel, o crdsse ugual 

IV n’ Indiali, d’un Ottentot ch J l’ha la pel nera, 

D’un Turch, o d’ un Chineis? L’è naturai, 

Gli’ a j’ sria an Paradis nen eh' d’ gentaja, 

E gnanc un sol Cristian pr poc eh’ a vaja.) 

48 

1)1 baratro infernal ant la caverna, 

An mes di feu, die fìame, e di spavent, 

Caria d’ cadenne, d’ mai, ant coul’ eterna 
Vita d’orrour, d’ smanie e d’torment; 

Souta al flagel d’ Lucifero eh’ ai goerna, 

Ciamand la mori con d’urli e con d’lamerit, 

Sti nostri bei-lalent dovran purghesse 
D’tute le empietà eli’ l’avran comesse. 

49 

E dcò.... Maomet isiésj’ha condanaje 
Tuit all’ infern j’Eretich, j’Ateista, 

E coni eh’ i so precet j’han dsmentiaje, 

Ch’ a fan d’ogni erba-fass, j’Origenisla, (28) 
I lader, j’omicida, e coui eli’ j’han faje 
Di tori ai so soget, i Pirronista : 

A dis dcò chiel, eh’a podran nen scapéla 
IV friso coni’ i pess ant la padéla. 



-agl 26 

50 

Ma i Musulman a j’ damo purgatori 

All’ infera, e a lo fan d’giassa e d’ vent, 

Ch’ a l’è lo eh’ a l’ha dii Papa Gregori, (29) 
E eh’ a 1’ è stait cambia dal susseguent, 

’L qual n’ ha fané un pedo, un scaldatola 
Dov’ a s’ buia rusti la povra geni; 

L’c chiel '1 fondatour, e ’l prim eh’ s’è adassne, 

E prima d’ chiel a s’ n’ era mai parlassne. 

51 

(Lo eh’ l’è d’ sicur, s’j’aveissa carta-bianca 
Coni’ a l’han tutti i Papa da San Pè 
D’ comandò all’ infera con faccia franca, 

D’ spedì d’ passaport e d’ agiotè, 

Ani quat-sing-dì al pi-lung vorrìa pi-gnanca 
Che là i resteissa un rat a brusatè ; 

Yorrìa fé pra-nat e libereje, 

Fichéne an Paradis lò eh’ a peul steje.) 

52 

Ma vnouma a nost discours : com’ i v’ disia 
L’ è neri mac i Cristian, ma a l’han dco lour 
I Turch l’infera, e venta eh’ lolì sia, 

Prchè a mi m’l’ha dimlo me Confssour 
Un dì eh’ i spassigiavo an compagnia ; 

Ansi, piandole pr man.... me car dottour, 

Chiel a m’ ha dit, se i l’eve piasi d’ ne, 

I vad conteve ancour quat drolarie. 








-=© 27 §>- 

53 

Venta savei, che i Turch 1’ han ani la testa 
Ch’ a j’sia lagiù d’ serpeut gros coni d’ somol, 

Di mostri, di scorpion, n’ odor eh’ infesta, 

Un feu eh’ a ramiss Anna i diavolot, 

Ch’ senza vdlo a fricciola e molesta 
Le anime sarà drint coui casot, 

E quand la cara già chceuita a par eh’ a s’dreuva, 
A crdo lour eh’ a j’torna la pel neuva. 

54 

Noit-ait i nostri diao a l’han la eoa, (31) 

A l’han i corn, e a gomito d’lìaine ; 

Die vote a son cativj a stan sla soa, 

Ma d’ vote a van a spass con le madame; 

,l’è Anna chi pretend eh’ a fan la roa 
A le foumne pi beie, e a forsa d’ trame, 

I dio nen d’ pi, ma coule eh’ son lassasse... 

A fan un pecà douppi d’ prima classe. 

» 55 

I Turch ciamo l’infera, com’ j’ai già dive. 

Purgatori Sehmna, e leu d’ supplissi ; 

Prchè venta eh’ i sappie eh’ a son pive. 

Ch’ a crdo d’ stè mac fin al giudissi, 

E peui che Maomet a i fassa scrive 
Ansém ai veri elei e sensa vissi; 

Ch’ a i lava, a i lustra bin Anna ’1 parpeile, 

E eh’ a restran luséut com’ tante steile. 


~<é 28 

56 


Lolì a n’ fa rie noi.coni’ dsgrasseje 

IV gent caria d’ pecàtuti mortai, 

Ch’ a son fora dia fede? a peul laveje, 

Ma i pecà gros (pr dsmentiè i veniai 

Ch’ ji’ passo ansima, e eh’ i veui nen conleje) 

Disia ine Confssour, a podrà mai 

Laveje tant pr eh’ a paresso niente, 

Prchè l'han nen la grassia sufficiente. (32) 

57 

Tanto meno V avran la gratis-dala , (33) 

E meno ancour coula santificante; (34) 

E coula prova geni a s’ cred e s’ fiala ; 

Gli’ a forsa d’ fè di bin, d’opere sante 
Godran un dì la gerarchia beata, 

E V aspét luminous di gran tonante ! 

Oh povra gent chilè pur col’ impresa, 

S’i sé fora di grembo d’ santa Cesa ! 

58 

Le ciav di Paradis a j’ len ’l Papa, 

E sensa so consens gnun fica ’l nas ; 

Adés guardò s’ chiel farà la sapa 
D’lasseve antrè voi-ait prchè eh’ a v’ pias? 

S’j’aveisse almen un Sant eh’ l’aveis la capa. 

Un Sant parei di nost, o d’ coui al càs : 

Jusomma quaich griouè eh’intercedeissa, 

Peul desse che san Pietro a s’ contenleissa. 





Ma pr-aut parlottala ciair, ventrìa promette 
D’ crde fedelment eh’ ausi pare Àdaai 
A 1’ ha mangia di poum pi d’ doue fette ; 

E eli’ tuit i discendent, l’istès Abram 
L’ ha mai podù guarì, podù dsmelle 
La colpa origiaal, eoul rusìi grani, 

Prchè la colpa originai 1’ è d’ coule 

Eh’ a s’ fico drint ai oss, drint a le inioulc. 

60 

Quantunque peui pr soa spessial clemensa 
Vedend ’l grand disordin e ’l gran mal, 

Ch’ a dvia suffrì tutta la discendensa , 

Pr causa di pecà originai ; 

La divina suprema Providensa 
Abbia manda ’l diluvi universal, 

Eh’ a T ha inonda l’Europa, p l'ala dserta, 
(Essend pa ncour l’America dscuerta.) 

61 

Tul-un Noè eli’ a l’era un Patriarca, 

Ehi sa pr che niotiv, un Io sa nen, 

Ma 1’ ha salva ’l pecà drint ant soa barca, 

E n’ ha trasmés a noi 1’ antich velen, 

La macia originai, l’antica inarca; 

Ma siccom ’l diluvi a l’ha fait nen, 

E eli’ nostra rassa umanna, i lìeui d’Iddio 
Andavo ancoura jtuit cà d’ fiarabìo; 


-<£» 50 (£>“ 

62 

Nosguour Tha volsù vnì cliiel an prsonna, 

Pr rompe i corn al diao e finì alle, (40) 

Ma lut-un coula rassa scontradonna 
D’Ebreo, d’Farisei, e coui Giudè, 

Oltre eh’ a j’han mai faje cera bonna, (41 ) 

L’han volsù crucifige e lapidò : 

L’han nen cognssulo, a n’han nen lane stima, 

E noi souma resta corn’ j’ ero prima. (42) 

63 

E lì tuit i miraco e ’1 maravie, 

Tut lò eh’ l’a dii e fait d’strepitous (43) 

A l’ha servì,nen aut mac a fè rie 
’L diao eh’ l’è resta ancour pi glorious, 

Vedend eli’ al Re di Ciel j’è nen riussie 
D’ partì da cousta tera vilorious ; 

Vedend che con soa forsa e soa sapiensa 
A l’ha però manca d’ previdensa. 

64 

Ma pr-aut a n’ ha mostra corn’ a s’ dev l’esse 

Pr sterminò d’aututt Fan deh delit, (44) 

Talment che dop d’anlour s’ peulo salvesse 
Tanti milion d’nossent eh 5 ero proscrit 
Pr un fotù poum, che sensa gnanc adesse 
Adam a l’ha mordù con bon aptit ; 

(Se chiel j’avéis dritura perdonaje, 

J’avrìa nen costà lò eh’j’è costaje.) 


( 45 ) 




—31 g=— 

65 

(S. Uomuald...... un di mei Sant di’ a j’ sia, 

L’ha scrit ani un massiss volum in feui, 

Ch’ ani ’1 gariot d’Adam pr maravia 
J’ èstaje una gruméia, la qual peui 
Quand cliiel l’è mort a l’è subit fiourìa, 

E P ha prodot coul erbo eli’ i so fieui 
Ossia i Giudè dop qualr e pi mila ani 
L’han pia pr fè la Crous eh’ Phan i Romani.) (46) 

66 

’L gran segrét eh’ hai dive e ’l Ibi-molari 

A l’è veuideje d’acqua sul cupiss (47) 

Disend dontré parole di breviari ; 

A j’è chi a j’ giunta d’oeuli, e un peit sliss 
D’ sai sui dent, e visca un lampadari ; 

Ma lò eh’ voi-aitri forsi a v’ stupiss 
A P è che tanta geni eh’ s’ero bagnasse, 

Eppur con lò gnanc-un fussa salvasse ! 

67 

Ma sì cos’ mai ! a P è fait e finì, 

N’affè da nen, na peita circostansa 
A fa eli’ la cosa a peul, peul nen riussì ! 

E tante vote a smia na stravagansa ; 

Così (ni’ disia ’l Confssour) sentiend a di, 

Ch’ unse i garatt a un om, ’l uas, la pansa 
Con le debite forme e i modi usati 
A scassa Ila j’arlichic dei peccati ! (48) 




32 

68 

Voi lo crdrie nen.pur a l’è vera. 

Coni’ a l’è vei che un scroc, un omicida, 

Un eh’ giura ’1 fauss, l’autor d’ n’ingiusta guera. 
Un adultero, un eh’ a roba, un paricida, 

Un profan, un birbant degn dia galera 
A resta assoli d’tuli, pur di’ a s’ decida 
A dì seti pater nost , fè d’aslinense, (40) 

E compra pr seti ani d’indulgense ; 

69 

Com’ a l’è vei eh’ a basta n’ scopass 
Pr fene anlrè nt ’I corp ’I Spirit Sant, 

Lassò tre dì dia smanna d’ mangè grass, 

E fè d’limosna ai Padri soccolant; 

Tachesse al col un agnus fait d’ strass 
Pr andesne an Paradis d’ sbals volant ; 

Com’ a l’è vei eh’ le trute a son permesse, 

E nen la cara d’agnel se un veul salvesse; (50) 

70 

Com’ a l’è vei, che ’l diao a scapa via 
Fasend ’l segn dia crous an brbotand, (51) 

Viscand una candeila al noni d’Maria, 

0 con d’ sira-pasqual, o sprgissand 
Con d’l’erba hisop,e d’eva benedia, 

Oppur con l’esorcism, oppur criand 
E (fata immunda bestia et creatura, 

E ’J diao a scapa d’lung, a l’ha paura. 


1 


(52) 




Così con dontrè stisse d’acqua-santa, 

Con un librass an man e qual parole 
1 fouma scomparì, massouma d’ pianta 
I giari, ’l gate, i givo e ’l coussairole, (53) 

Fouma guarì le frev a pi d’ sinquanla, 

La ruffa, i verno, le piattole e le scroie, 

Finnale nebbie, ’l Ironie la tempesta 

Toucà dall’ Esorcism chinno la testa. (54) 

72 

Eppur con tutt Ioli chi lo dirla ! 

Con Pascendent che i Sacerdot a Phan 
Su Satanass, e tutta soa fainìa, 

Con lutti i formolari e i nost gieugh d’ man, 

Pur, con regret a venta eli’ io lo dia, 

La maggior"part di nost fedei a van 
Bei-e-ouit, comunicà, pten d’indulgerle 
A ca d’ Bergniff e s’ peulo nen tratense ! 

73 ' 

A P è d’ seni un coui eli’ pio la slra bonna, 

E son già tanto pochi i veri elét; 

Eppur tanti eli’ a dio la couronna, 

Ch’ a giunno a s’ strivasso con d’ foét, (55) 
Ch’ a mastio d’ Agnus-Dei sempre eh’ a sonna 
L’arlogi j’ore, e son sensa difét, 

Ch’ a tenno i so oeui bass, fan sempre ’l inouro,(56) 
Ch’ a penso ai quat novissim e peui piouro : 



7-4 


Tut-un ’l pi die vote a van dcò lour 

Bele a dispét di Sant a la cà ardenta, (57) 

Prcliè giust coui eh’ T han osserva ’l rigour, 

E eh’ a l’han fait na vita penilenta, 

Pr proveje ancour pi d’vote Nosgnour 
Permet, che an punt d’mort ’l diao a i tenta : (58) 
La meni caria dal mal, indebolìa 
A ced, e ’l diao a i ciapa e i porta via. 

75 

Adés guardò s’ voi-ait j’avri ’l couragi 
D’lassò ’l vostr Àlkoran, e ’l vosi Talmult 
Pr piè nost catechism, e i nostri usagi, 

E crdde eh’ tutt Ioli l’è vera tutt? 

Eppur, mia cara gent, l’è ’l sol passagi, 

J’è eh’ noi, eh’ j’ abbio ’l oravi n passa-prtutl : 

Criè tant eli’ i vourè, erpéve ’l goutre, 

Ma d’ Paradis pr voi a i na j’è un foutre. 

76 

E gnanca i vosti Sant, i vosi Profeti, 

Sii vosi legislatour Turcli e Pagan, 

An paragon di nostri Anacoreti, 

Trapila, Gapussin, e Francescan, 

Ch’ a van sempre scarous, caria d’inseli, 

Ch’ a canto a tute j’oure e sempre an van, 

Gli’ a odio tutt ’l mond, e fan na vita 
Da mal, da cioucli, da crin, da parasita : 



77 


Gli’ a j’ riva mincapoc d’avei d’vision , 

Ch’a senio an Paradis sonè i violili, 

Gli’a stan di Irsent agn a fè’l cojon, 

Sentì cantò nt un bosch un canarin ; 

Cir la Vergine a j’ven vdde d’nascondon, (59) 

Gh’a j’porta die couronne e dji abitin, 

Gh’ a T han tant poc servel ant la sicoria 
Pr esse possessour di’ eterna gloria I 

78 

Guardò... s’a j’ n’è quaic-un ch’abbia Y onour 
D’tuli i vost sant e semidei 
D’ramasseje le scarpe e stè all’ odour 
Di nostri servitour servorum Dei ; 

E peui conchiude vaire a j’ veul ancour 
Pr avni beat e gode ’l regmm Dei, 

D’fasson, che i podi propi rinunsieje, 

Prchè sè già sigur d’ nen anireje. 


(Guardò mei cari amis che toleransa, 

Che spirit d’ umiltà, che sort d’moral : (60) 

Che toch d’erudission, che consonansa, 

Che bela persuasiva naturai ! 

Mi crdo eh’v’avrà fait mal a la pansa 
’L Prono d'me Gonfssour originai ; 

Eppur mi l’hai gnun tort, e voi medesim 
Neghè eh’ a sia la fiour di Cristianesim?) 




(Sass aa 

Ipsa caput mundi venalis Curia Romee, 

Prostat et inflrmat caetera membra caput : 

Sacrum cerne nefas, quo non atrocior unquam; 

Venditur in turpi conditione foro. 

Crisma sacrum, sacer ordo, altaria sacra, sacrata 
Dona : quid hsec ultra, venditur ipse Deus ! 

• Hist,, Poet. medìi avi. 

80 

Scoutè mei cari amis, a l’è lut-un, 

Se’l diao a v’ ha da pieve i scape nen ; 

I vdde, eli’a s’na salva ogni sent un, 

E’1 liber di destili gnun lo ved nen ; 

Voi-ait j’avì mai fait di mal a gnun, 

1 serche lan ch’i peule a fè del ben ; 

Quand j’avì’l coeur an pas a venta beive 
E rie d’j’imposture d’nostri Preive. 

Sì 

Starlo fresch, se i dveisso piè pr bonne 

Tute le baliverne eh’a s’invento; (61) 

A bsogna scandajè dcò le prsonne, 

E fè che tuti i group a venno al pento; 

Nosgnour v’ha dà’l servél pr ch’i rasonne; 
Scoutè la gran lession eh’ a v’ dà ’1 memento , 
Lassè ch”l mond a v’caria d’invettive, 

Stè alegher, mangè bin , e pensè a vive. 


-=©■ 57 -S>- 

Se ì veulc peui finì d’disanganeve , 

Guardò cosa l'han lail, cosa I’ han scritt, 

1 ireuve pr dabon d’che amuseve 
Vedend com’a son goff, com’a son pcitt; 
S’j’aveissa neo paura d’anojeve, 

1 v’ ripetria sì lò eh’ a m’ha diti 
Un Preive eh’l’avia l’anima sincera, 

’L qual a m’ ha parla d’ s.ta manera : 

85 

« E gnanch noi Sacerdot, a dila seria, 

Savrìo nen predi coui eh’a saran 
I veri elei a la gran sedo eteria ; 

J’ è gnun eh’ peussa savéi coui ch’j’andaran, 
Prchè coust l’è n’ articoul, na materia , 

Che tutti i Previ ansem mai decidran , 

E l’ha da restò sempre sepellia 
Pr causa di gran scisma e di’eresia. 

84 

« A son tante le arforme e i cambiamene 
J’abùs, le novità eh’son adotasse; 

Son tante ancour le dispute al present, 

Son tanti j’errour, eh’a s’son stampasse, 

1 canoni e i decret contradicent, 

E i scisma religious eh’a son spantiasse, 

Ch’la religion d’ades quantunque vera 
l’è bin dì (Perenta d*lò eh’a l’era. 


(62) 



-=© 5* §>" 

85 

Tulle le gran aggiunte eh’a j’lian faje, 

1 scritt, le decision, le scuerte neuve, (65) 
La serie di precell eh’ a j’ han giuntaje , 
t dogmi eh’ l’han trouvà sensa le preuve, 
L’autorità dia geni eh’j’han contrastaje, 

E tanti, eh’ al dì d’oggi voi na treuve, 

Ch T a veulo nè admetle nè concede 
Die cose ch’d’autri a erdo degne d’fede! 

86 

V è coula la rason , eh’ a s’peul nen disse 
Dov’ a eomensa ’l ver, dov’ a linissa, 

Perchè s’è nen ancoura stabilisse 
Na regola pr tuit eh’ sia ferma e fissa ; 

1 Previ quand son caud san nen contnisse ; 

A son sempre an gabela, e sempre an rissa : 

A smenno d’ division, tutt s’anvelenna, 

E povra religion porta la penna ! 

87 

Così pr esempi a s’son-ne pa vedusse 
Di Previ eh’a l’han ditt eh’la Trinila 
J’è nen ant la scrilura, e son crdusse 
Oh’ ’l Fieul, ’1 Spirit Sant sìo sta crea , 

E veulo ancour (guardè dov’son perdusse) 

Gli’a l’abbio niente affali d’autorità, 

Gli’ a sio sogett al pare , e sio d tadoni, 

Ch’a stari dacant a ehiel pr testimoni. 


( 65 ) 


88 


E <ì’miri hanne pa dit eli’ a l’è nen vera 
Ch’a sio ire prsonne fica ant mina ! (66) 

Pretendne pa eh’a sia ima chimèra 
’L dì ch’a son eterne, e eh’ ognidunna 
Sia sta crea prima che’l ciel, la tera, 

Le sleile, ’l firmament, ’l sol, la lnnna, 

Sortì dal nen fusso dventà qualcosa 
An grassia d’ na parola portentosa ! 

89 

Pretendne pa serti-un, eh’ le doe nature 
L’umanna e la divinna problematica 
A constituisso dcò doui creature ; 

Ch’a s’daga nen l’union ver^ ipostatica (67) 
E eh’l’ostia e’1 sacrament sio mac figure; 
ChTessensa d’un ubià sempre panatica 
Prehè faita con d’eva e con d’farinna 
A peussa nen dventè polpa divinna ! (68) 

90 

Mentre j’è chi pretend eli’noi mangiouma 
Fica drint ant l’ubià’l corp di Messia, 

L’istés coul e ’l medem eh’ noi crdouma 
ChT è fieul di Spirit Sant nà da Maria ; 

E eh’ ant coul poc vin bianc che noi bevouma 
J’è ’l sang miracolous, coul eh’ a surtìa 
Dal Redentor istés cusin d’ Batista, 

Ch’a l’ha guarì Longìn, daje la vista, (69) 




9i 


A disile pa die ’l fructus ventris tiri 
Uè nen legumi fieul di Padre eterno , 

Essend che ’l verbo a s’è lassa prodùi 

Dal paracleto ant 1’ utero materno 

Sine ulla conceptione patris sui ; (70) 

E d’ait pretendne pa che’l sempiterno 

A fuss nen pi eh’un om fait da so mare, (71) 

Ch’T meist-da-bosch Giusep a fuss so pare! 

92 

Chi veul chc’l Padre eterno a sia’ncarnasse 
Prima di fieni vestiend’l corp d'Abram; (72 

Chi dis che’l Crisi s’ è mac appropriasse 
La pel, la carn e j’oss di fìeui d’Àdam; 

Oppur ch”l spiritual s’a s’è trouvasse 
Fuss sensa senliment e mut e gram ; 
di’ la volontà fuss unna, e dcò la forsa, 

Che’l verbo a fussa l’anima dia scorsa; (73) 

93 

E d’ait pretendne pa che ’I nosl Messia 
Essend pare di Spirit venerand, 

Pr età , pr succession, pr drit d’famia 
’L Padre eterno a j’resta pare grand ; (7 h) 

E d’ aitri veulne pa che an ciel a j’sia 
(Sentì che enormità, che errour nefaqd) 

Tre fieui, tre spirit sant, e tre nature, 

Ch’a sio pi-nen tre, neuf creature! 


( 75 ) 




-=3g HI 

04 

« Sol coni di Spi rii Sant n’ hanne foùrgiane 
I Previ d’ nullità, d’ faule curiose ! 

A i n’ elo pa sta d’coui eli’ a l’han coniane 

di' ’l paraclet ’l spirit son doui cose ; (76) 

A i n’ elo pa ancour d’ait eh’n’han insegnane 

Ch’ a i son die diflerense prodigiouse 

Tra la sostansa, ’1 drit, l’abit interno 

DI Fieul, di Spirit Sant, di Padre eterno ! (77) 

95 

« A son pa tute sì le stravaganse : 
y elo pa staine d’coui eh’ a consacravo 
An lei di pan, di vin, d’aitre sostanse; 

Mac d’acqua pr esempi (78), e d’ait eh’ a piavo 
Na gran fetta d’fourmag(79); contro j’usanse 
Fasìo ’l foumne Vscou, e j’inchinavo ; 

E pien d’un enlusiasm, di so deliri 

Scoutavo i so sermon , so panegiri ! (80) 

96 

i E pr lassò darò coui dromedari 
Ch’ a dis eh’ '1 Spirit Sant l’è na lumela : (81 ) 

I lasso ancoura j’Anti-trinitari (82) 

I mai eh’ a l'han porla ;. l’aulra sequela 

Di Triteista golf, e dji Unitari, 

Ch’ansem al Fra Noét son an gabela , (83) 

Essend persuas, eh’ le tre personne a sio 
Sinonimi, e nan pari d’ un istés Dio ! 



97 

« 1 parlo gnanca d’coui di’ veulo saveje 
La stra eh’ fa ’1 Sacrament ani ’l ventricoul, 
Cioè se ’l Re di Ciel seguita a steje ; 

Disend eh’ a smia quasi un po’ ridicoul 
Ch a s’lassa digerì, e pitost d’vouleje 
Chitè l’ubià, eli’a s’buta ant’l pericoul 
D’esse fica ani le sausse o con la mnestra, 
D avei da andò dco-chiel pr la gran fnestra. 

98 

« Guardò (m’disia coul Preive con la bile) 
Che d’couje a l’han studia, son inventasse 
Lo eh’ i v’ hai dit l’è nen, a son a mile 
Le laule e le betise eli’son spantiasse ; 
Eppura’i mond a i cred cose sutile, 

L pr sostnie soens a son scanasse ! 

Basta, parlouma d’aul, chiel a m’ha dime, 
Mi son stouflì d'parlò, voi d’sentirne. 

99 

llaine rason? risponde voi dogmatic 
Teologi scolastic e casuista, 

E di se a T è nen vei eh’ a sio d’fanalic 
Ipocrita, impostour i catechista? 

Ma l’hai nen studia lo, mi son nen pratic, 
Ma pur elo nen vei eli’ a prima vista 
Tuli coui vost librass d’teologia 
A smio'l dissionari dia follia? 


« & 

100 

Con»’venie mai clic un oui pr poc di'a pensa 
A peussa crde d’seugn così bagiau , 

Mentre eh’ a touca e ved all’evidensa, 

(di’ voi-ait i sè parei d’coui ciarlatali, 

Ch’a n vendo i so sirot, la quint-essensa 
p r fene vive un secoul sempre san , 

E peui con i so balsami e soe grasse 
Lour poso all’ ospidal soe carcasse. 

101 

Voi-ait sensa pensò eh’ la scieusa infusa 
Nosgnour a l’ha mac dala a Salomon, 

1 parie con un’ aria eh’ a m’amusa 
DI ciel, di paradis, die tradissiou, 

DI diao, di torment, di leu eh a brusa, 

Dia Trinità, d’Adam, dia creassion , 

Dia flii di niond, die trombe, e di giudissi, 
L’istés co in s’i parleisse d’un caprissi. 

102 

E i pense peui ch’noi-ait sio tant badola 
l>r nen conosse lò vaire eh’ a vai ; 

I crde nen eh’ i sciairo eh’ vostra stola, 

Le tonache, T manipoul e’1 pivial 
Al’è tut impostura ant na parola , 

E eh’voi fè niente d’pi ch”l papagai, 

Chi n’vende ’1 paradis e ’l don dia lede 
Pr dominò su noi, e fè d’monede‘1 


4,i @5- 

103 

A son pur adsadess mila-oeut-sent agn, 

Ch’j’avì sempre mantnune an caponera ; 
Superbi e Iraditour parei di’ aragli, 

J’avì tendone d’iass d’ ogni manera ; 

E tnend ’l fi! an man da stà su un scagn, 

I tnie an suggission tuta la tera 

Con d’ frotole, d’istorie, e d’indulgense, 

D’concilj, di decret, d’boule e d’dispense. 

104 

Ma fouma punto-sì, l’è mei eh’ i tasa, 

Ch’ i lassa coure l’e va pr ’l pi bass , 

Se i veui ncn friccioulè, rustì sla brasa , 

0 vdde a fè na gioia a sto librass ; 

( preive a seufiro niente eh’a j’ dspiasa , 

L mond a 1’ è un tambourn, a l’è un tabass 
Ansi l’è un can pi fier che V Idra d’Lerna , 
A mord chi a j’fa di bin, e chi lo goerua. * 

105 

Emich’veui nen crussieme d’j’opinion, 

E nen moltiplicheme j’inimis, 

1 lasso le invettive ani un canton , 

E i torno sul discours di paradis, 
Serviendme die parole e d’j’ espression 
IV un gran Predicatour, d’coui di barbis, 
Ch’a l’era nominà pi eh’padre Boria, 

’L qual irata ex-professo sta materia. 


im 





- - -gl 4S 

IOB 

A s’ciama Fra Vincens , l o uu Missionari 
Ch’vorria battesè Anna i Caluiuk; 

S’fica va da pr-tult parei di giaci, 

Fasìa an predicand argrignò i pluk 
Ai Turcli, ai Protestant refigiónari, 

L’avrìa fait tremò fui Abacuk, 

Prchè i so panegiri terminavo 
Pr mandò tutt’l mond a ca di diavo. 

107 

Un lontre d’paradis pr coui dia China, 

Un foutre pr j’Indiali di Paraguai, 

Un foutre pr i fieni di Re d’ Medina , 

Un foutre pr i gentil e pr i sarvai, 

Un foutre ai abitant dia Carolina, 

Al rest dj’ American meridionai ; 

Cousla gineuria sì, second san Luca, 

Vincens l’ha dala al diavo eh’a s’Ia cuea. (90) 

108 

A veul gnauca concedie la dispensa 
D’anlresue an paradis ad animelle 
Ch’ a l’han pura com’ l’eva la consciensa, 

E eh’ a sarìo d’bellissime augelette 
S’a 1’ eisso mac nen tanta renilensa 
Pr fesse batesè, e pr admetie 
Diversi pcili dogmi, e varie inessie, 

Ch’a son couje da nen, pure facessie. 



-cg -(fi $>- 

109 

Oh si... che allora i Saul a s’la godilo, 

E cli’a fario un bel balaridon 

An mes a coule Indianne pienne d’brio, 

Anserò a le melresse d’Salomon , 

Che adés a fricioulran ca d’barabio : 

Podrio giughè a scak con Ciceron , 

Con Socrate , Licurgo, Epaminonda, 

Aprés avei disnà taula rotonda. 

HO 

Oh se i saveisse un po’voi Protestali! 

(Disia predicand ’l fra Yincens) 

Che bel ciarì-van fan tnit coui Sant 
Lassù an Paradis ani coul immens 
Spassi tuli luminous, an mes ai cani, 

Ai bai, al feste, ai son, ai fum dj’incens, 

An mes a tanta geni, a eie brigade (91) 

IV Sante d’bon umour eh’ a (an d’balade! 

Ili 

Lassù j’è gnun faslidj, e mai gnun guai ; 

Ognun a dis e fa tutt lo eh’ a j’pias : 

Ln è pi-nen sogét a nissun mai, 

A s’viv alegrament e an santa pas ; 

A s’ mangia di pouin d’or, e a s’beiv d’bucai 
Sensa limour che ’l vin a daga al nas. 

(A l’è un vin eccellerli fait con d’lambrousca, 

’L nost davsin a coul a sinia d’ pousca. ) 



-<$ <7 S» 

112 

Eoli voi-aitri Turch lo stenle a orde , 

E 'I nora di vin a v’ fa grìgnè i barbis ; 

S’j’aveisse un po’ pi d’ fede, e andeisse a vdde 
Sant’Ireneo di vin cosa na dis : 

(I in’dirè pa eh’ un Santpeussa stravdde) 

Ani soa descrission di Paradis 

A scriv, che ansem a j’aitre maravie 

A s’ciucia di bon vin, d’bonne boutie. (92) 

115 

DI rest soa descrission a l’è l’istessa 

Gom’ coula d’vost Maomet ani l’Alkoran ; 

A dis dcò chiel, che an ciel sarà concessa 
La poligamìa Turca ai nost Cristian , (95) 

Prchè eh’ a la geni sant a j’è permessa 
Una moral diversa dai profan ; (94) 

(In somma predicand la fede pura 
Vincens contava d’baie eh’ fan paura. ) 

114 

Ma praut quant-bin a smio d’baliverne. 

E d’faule da fè rie lìn le grue, 

1 Previ a san conosse e san discerne 
Se al mond a piasiran , saran crdue ; 

A forsa d’vendie d’nespo pr d’lanterne 
L’ bari vist com’ venta fè pr fè d’ arcrue : 

Gli’ a l’è spaventò i sens con d’cose alfrouse, 

E peui conteje d’faule prodigiouse. 



-^1 <S gp- 

415 

E tanti pr eoul fin d’ podeje gode 
Di bai, di carlevè così giojous, 

D’seulì j’aitri camrada a carnè d’iode, 

D’andè con tuit coui Sant miracolous, 

Guariti d’ pietà, d’virtù massisse e sode, 

S’angigno d’man e d’pè pr aviti virtuos, 

E mastio luti’ 1 dì d’ave e d’coronile, w 

Fasend consiste ant lò j’opere bonne. 

116 

1 Previ a veulo pa che an Ciel a j’ sia 
D’coui omini dislint, e eh’ a l'bau fait 
A forsa d’bele assion parlò la cria, 

Ch’a l’itan fonda d’sità, e eh’a son stail 
I pi gran inimis dia tirannia, 

Ch’ a F han versa so sang, e eli’ a l’han dait 
La vita, i ben, e quant a possedeisso 
Pr agiutè i so frei eh’ a s’libereisso ! 

117 

L’è pa coula sort d’ gent, sti eroi da storia, 

Ch’ a peulo cassò ’l nas an paradis ; 

Coui nom tan strepitous , tapissà d’gloria 
1 Sant a i gavo gnanca dant ’l mnis; 

A venta avei un zero ant la sicoria, (95) 

Portò la cola bianca e ’l man tei gris £» 

Con ’l cordoli, le sandale e la cappa , 

Esse ver Francescan , o Fra dia Trappa. 


118 


DI paradis per aut chi a s’fa un’idea 
di’a sia un gran giardin luti bel fìourì ; 

La gent eh’ a penso nen a la plebea 
A dio eh’a l’è un veuid mai pi finì; 

D’aiiri pr seguitò la storia ebrea 
A veulo eh’a sia ’l centro di piasi ; 

Tuit l’han rason, ma sensa deve neuja 
Sentì cos mi l’hai vist su na bigeuja. (96) 

119 

’L paradis a l’è com’na colinna 

Arionda e faita d’sercc tuit a scalili ; 

Sul bas a son pi largii, e pi un s’avsinna 
An vers la punta , a resto pi davsin , 

Pi streit, pi peit, a smia eli’a declinila , 

L’istés coni se un vdeissa un cupolin, 

L’ è fait com' na piramide ossia un cono , 

E su sla bela punta a s’ved ’l trono. (97) 

120 

Quanti son i scalin e le stagere , 

A son dcò tanti i rang, le gerarchie ; 

E 1’ è pa-nen permess a certe sfere 
D’Sant pi da bon pat, d’anime pie 
D’andè virami pr lì com’an sle fere, 

D’ ciaciarè con tuit, nè gnatica d’rie : 

No. ma coui lai eh’a godo pi d’stima 

A son di man in man pi sula sima. 



SO g>- 

121 

('.osi prima a j’è i sant, peui i beati, 

E peui a venne aprés i venerabil - 
Confssour , Saeerdot e i riformali, 

E peni tuli i profess nen imitabil ; 

Coui eli’ porto j’abitin, i centuriali, (98) 

E peui coui eh’ son visti da miserabil 

Eh"a l’lian nen fait di bin, d’opere sante, 

E pur l’han vù ’1 favour santificante. 

122 

I Sant chT han fait d’miraco pr esempi, 

E coui eh’a l’han la festa e la vigilia ; 

1 inartir convertì dj’antichi tempi, 

1 fondalour d’a religion eh’a brilla ; 

Coui eh’a E han predica la fede ai empi, 

ChT han scrii di gros voium su na vetiglia; 

Coui di martirologi e die tanie 
A formo tante specie d’gerarchie. 

125 

An proporsion di merit e di grado 
A l’han dcò pi d ’audivit an capitoul, 

E i Sant pi maladour basta eh’ a vado 
A ciamè d’grassie; ognun secoud so tiloul 
A l’è sigur d’outnì coule eh’ j’aggrado ; 

E tanti a 1’ han pr scrit donlrò capitoul 
Pliant concede d’grassie e dispenseje 
Proprio motti , e sensa pi ciameje. (99) 




) SI 

124 

Così sanla Polonia pr i dent, 

Oppur sanla Lussia pr la vista ; 

Sani Giasint a le foumne parturieul ; 

Santa Margrita, o soa sentura d’ risia ; 

Santa Rosa d’ Viterbo a Y è eccellenl; 

Pr la goula a j’ è san Bias, e pr la trista 
Maladia eh’a s’ ciama dolor colie 
A 1’ è mei sant’ Erasin eh’ 1’ nnguent catolie, 

125 

Pr coul gran mal dia pest a j’è san Roc; 

Pr fè guari le frev son luti bon ; 

Sant’Agata a le foumne a j’ rend nen poc, 

A i n’ è eh’ son bon da rat c pr i trapon ; (400) 

Antoni a serca e treuva mincapoc 
Le cose eh’ son andaite an prdission, 

E peui tute ’l bigieuje e j’arlichiari 
A servo d’ elexir, d’elettuari. (401) 

426 

J’è un Sant eh’ a 1’ ha pia an grassia i Ciavatin, 

Un aut s’è fasse amis con i Sartour : 

Un aut con i Fournè, j’ Scardassin ; 

J’è coul ch’a len la pari mac di Brindour, 

Di Meist-da-bosch, Vlutè, di Vilurin, 

Di Frè, di Meist-da-mur, e di Courior : 

Pr serte foumne a j'è Maria Madlenna, 

E i na saria ancour na cantilenila. 



127 


Adésvoi altri eretici» protestarli, 

Pagai» e musulmaii e miscredetti 
N’avreve da mosirene un aulr tant? 

N’ avreve un sol eh’a sia competent 
Con ’l pi gran» e frnst di nostri Sani'? 

(Così parlava sempre’l Fra Vinsent 
Ai Lama, ai gran Kaliff, e dcò ai Leviti 
Pr convertie, e fene d’ proseliti.) 

128 

Quant-bin i vost Sanfon, vostre Moschee 
A l’abbio dcò di brass, die gambe d’ sira, 
(Vinsenta j’soggiunsia) a son idee 
fi fanatism di popol eli’ a delira ; 

Noi-ailri sì ch’i n’ouma da empì d’ cee, 

D’ miracolon eh’a peiso pi dia lira, 

Ch’ a son lan strepitous, e eh'a son smiaje 
Assui’d e stravaganta coui eh'j' faan faje. 

129 

E s’ vost Maomet a 1’ ha tajà an doui toc 
La Luuna eh’ a s’è peui Ionia giontasse ; 

Giosuè 1’ ha ferma ’l Sol, v’ smilo poc? (102) 
(E dop d' anlour s’è un po mai pi bougiasse) 
Mosè 1’ ha sciapa ’l mar, e ani eoul pacioc 
Ses-sent e tranta mila a son salvasse ; (103) 

Sansou passa i Filistei, senti sto caso, 

A lil d’ spa con na mascella d’aso! (104) 





130 


Gregori Taumaiurgo eli’ a 1’ ha fait 
Caniinèle montagne das-pr-lour, 

’L gran profeta Gionas eh’ a l’è stait 
Tre dì fica ant un Pess sens’ avei pour; 

San Laser eh’ a l’è mort, e eh’ a l’è andait 

Ai regni bui, e peui l’è lournà dsour; (103) 

Alessi pr set agn souta na scala 

Ch’ a vdia la foumna, e eh’ a 1' ha mai toucala ! 

131 

Un san Domini, eh’ l; ha savù anfilé 
Da chiel sent e sinquanta ave-marie, 

Ch’a s’ è servì di Diao pr candlè, 

E eh’ a j’ gavava i pluk così pr rie; 

Ch’a l’è stait porta an Ciel, gnun sa ’l prchè, 

Dov’ a 1' ha visi d’ railion d’ maravie, 

E varii di so Fra mentre a i sercava, 

J’ a vist sout la Madona eh’ a i couava ! (106) 

132 

E ’l nost Vincens Ferreri coul gran Sant, 

Ch’ a l’era già beat dnans d’esse nà, 

’L qual pr otlnì ’l prdon a un gran birbanl 
A scriv a la santissima Trinità, 

E dop a s’ved avnì dan Ciel volani 
Na litra scrita d’or e sigila, 

Dorila la Trinità d’ pianta accordava 

Al nost gran Fra Vincens lò ch’a j’ ciamava! (107) 


159 

E san Simon Stilila.... coni brande 
Ch’ a monta sna colona, e sta vingl agri 
Pianta sna gamba sola a fè ’i morte ; 

Giusep eh’ a s’è schiva pi presi d’ n’ aragn 
Pant j’ungie a Putifar pr nen pechè, 

E peui a dventa Prinsi e monta an scagli ; 

Tobia eli’a peni nen vdde le stelle, 

Prchè cn’ n’ osel a j’ caga sle parpeile ! 

140 

La i'oumna d’Lot eh’ a dventa un grumo d’sal : 

’L Diao eh’ va ani ’l cui a tanti crin ; 

Zechiel eh’mangia d’m.... e a j’i’a nen mal; (112) 
Coul Re eh’ a dventa un barn pr so deslin ; (113) 

Golìa com’ un babi ani un fossal ; 

1 Filistei eh’a perdo l’intestili ; 

Aronne pr punì coui eh’ a s’arviron 

Prfond Kore, Natan et Àbiron! (114) 

141 

’L nost san Paul eh’ l’è andà fin al ters Ciel ; (113) 

Santa Catlinna sposa d’ Giusu-Crist; 

Fransesch ch’ andava an barca sul mantel ; 

’L Diao eh’ l’è com pars sout forma d* Crisi ; 

La Vergine eli’ dà ’l lait a un san Fedel ; 

Elia, Enoch, che gnun j’ha mai pi visi : 

Son cose slrepilouse, ma son vere, 

Coni’ a P è vei che ’l Sol scauda le pere. (11 (5) 





sasss saa 

Ergo religio ped.ibus subjecta vicissim 
Obterltùr : noi exmquat victoria Copio. 

Luctikt. 

142 

E bin mci cari fieui cosa na dive? 

J’ni fave sghignassè pr doi quallrin ; 

Ma '1 me progét a 1’ era d’ diverlive 
Pr feve dsmentiè i vostri sagrin ; 

A l’è pr voi-ait soui eh’ i ni’ buio a scrive : 

1 parlo con j’amis eh’a in’ veulo bin, 

E peui se ’l popolas veul criticheme 
Ch’a dia lò ch’a j’ pias, veui nen crussiemo. 

143 

Ch’a dia eh’ i son danà, eh’ son Ateista, 

Ch’ i son ’l distruttor dia religion, 

Ch’ i son la pi gran bestia eh’ a j’esista, 

Che ’l Diao a ni’ veul travonde ani un bocon : 

Eoli farà giamai che mi desista 
Da scrive la vrilà, mia opinion ; 

E mi son trop content, se pr mia gloria 
J’amis a m’ conservran ant soa memoria. (117) 


-=§ 58 g>- 

144 

Ma vnouma a nost soget, a nostr’ istoria : 

’L diacono Vincens tuli’ iufiamà, 

Con tuli coui rairaco ani la sicoria, 

A smiava un ver ossess, n’anspirità ; 

Parlava a coui Indian con tanta boria, 
Disendie mila ingiurie all’ us di Fra, 

E peui vedend ch’a sudavo d’ teste d’ pera, 

A s’buia a declamè d’ sta manera : 

445 

« Oli potensa ! oh miraco ! oh verità ! 

Oh gran bontà di Ciel, oh maravie ! 

Com' elo mai che un om a resistrà 
( Coni’ elo eh’ a farà pr tnisse d’ rie ) 

Senliend, che sti miraco a son riva 
A d’ gent ch’a son an Giel, d’ anime pie? 

A resistrà pìnen.... A cousta mira 
A T ha bel fè, bel dì, venta eh’ a vira. 

146 

« S’a fussa fait d’ marmo, oppur d’assel, 

A venta eh’ l’om s’ arvenna e eh’ s’amolissa ; 
Fuss bin un scellerà, ’1 pi gran crudel, 

A venta eh* ant ’l fond s’ intenerissa ; 

Quand 1’ è pi-nen ’l mond, ma eh'a Pè ’l Ciel 
Ch’ a parla al coeur uman, e ch’ai lo tissa, 

I ciorgn a sento tutt, i borgno a sciairo, 

A torno sul sentèj’om ch’a s’ sgairo. 


147 

u Risponde.... feve anans, poyri Kaliff, 

Bonzi, Derviss, Fouquir, LamaeRabin, 
Risponde, i ; v’ torno a dì, fè nen ’l grilli 
(’L Diacono a j’ disia an pur latin ) 

Speteve la parola da Berguiff? 

Prchè parleve nen e steve chin ‘t 
Volive avnì ’nt ’1 grembo d’ santa Cesa, 
Gaveve la calota eli” i v’ batesa. » 

148 

Oh ! rassa d’vi rimami, bestia da stola, 

( Un Dervis anrabià da sta leggenda 
Rispoud al nost Vincens piand la parola ) 

E ti T peule pensete ch’i m’arrenda. 

Eli t’ pretende ancour d’amneme a scola 1 ' 

1 t’ veule eh’ mi j’ arnega e eli’ j’offenda 
La mia religion eterna e santa 
Pr crde d’ sle baie da sessanta 1 ! 

149 

E da peui quand ’l pare dia natura, 

La man eh’ l’lia fait ’l sol, ’l ciel, la lera, 
Po udrà tnisse sarà, tnisse an captura * 
Ficà drint an ghicett, na tabachera t 
E d^a peui quand un diacono a s’ figura 
1)’ podei con qual parole a soa manera 
Ciamè ’l motor di Ciel, e fè eh’ a trota 
Pr avnì drint ani n’ubià, ’nt una pagnota ? 






150 

Chi elo ooul giùgàdòur da bussolo!, 

Ch’a l’ ha mostra ’l segrete la duirinna 
TV fè stè ’l sang di Signour ant un goblot, 

E d’ feje ’l corp con d’eva e con d’ farinna 
L’istés com’ se un voleis fè d’agnolot ? 

E chi eh’a t’ ha contà eia faula fìnna, 

Che un om peussa mastiè l’ente increato , 

E tnilo ant '1 gariot, tacà al palato ! 

151 

Com’ elo mai podute entrò ’nt la mlonna, 

Che l’ente onnipotent fus an tre lodi, 

E eh’ tre prsonne a feiso una prsonna; 

Ch’ la tersa, idest ’l spirit mincapoc 
A dvenia colombol, e a svolastronna ; 

Ch’ la sconda, cioè ’l fieul fuss tantfabioch 
11’ avnisse fè ampichè coni’ un om reo 
Pr conservò’l prepuzi ai povri ebreo 1 ? (118) 

152 

E in vece d’ finì presi le sue faccende, 

E d’libereje presto da eia penna. 

L’abbia vivù trant agn mac pr ampi fende 
A fabricliè d’ crdense da douseona ; ( bl 9) 

E peui lutt ant un boti daga d'antende 
A dontrè Farisèi, a soa Madlenna, 

Che chiel l’è ’l Re di ciel e ’l ver profeta, (120) 
Ch* l’è fieul di padre eterno eli’a lo speta? (121) 


61 

153 

1)’ ste faudonie-sì, povr animai, 

Ti t’ porte dant 1’ Europa ai bravi Indiati, 

Al Lama eh’à 1’ è sant e V è immortai, 

Ai Dercis, ai Fouquir, ai pur Brachman ! 

Se ’1 Dio di Europei l’è tant trivial, 

Se a peulo esse tant foi i vost Cristian : 

Ariirte, e vaje a dì eh’ i proibiouma 
D’antrè sul leritori eh’ j’ abitouma. 

154 

Eppur com’elo mai, coin’ peulo desse, 

Che an mes a tanta luce, e tanti fait, 

An mes a d’ cose eh’ parlo pr se stesse, 

CU’ a son facil a beive pi eh’ Tiait, 

Ch’ a j’ sia d’gent eh’a s' veuio nen pieghesse. 
Ch’ a veujo nen convive con noi-ait! 

( ’L Diacono stupì con n’ aria mouca 
Disiva an brbolaud a mesa boucU; ) 

455 

A l’è pur trop parei (disia ancour), 

A s’ treuva ai nostri temp d’ geni ignora ni 
Ch’ a 1’ han pi car danesse e andè ’n malora 
Pr vive da scismatici) protestai)!, 

Pi tosi d’avnì con noi a la-bon-ora, 
D’ambrassè nostra Tede e fesse Sant! 

Ma j' è pa gnun mojan pr dì che un dia, 

Ch’a vèujo abandonè coul’eresia. 



E sì eh’ noi-ait Cristian j’ «urna liraje 
Pr luti lo eh’ s’è podù su la stra vera ; 

J’avouma manda d’ gent eh’ j’ an predicai e, 

Ch’ a j’han spiegaje tuli’ 1 bon eh’ a j’era, 

J’avouma fuma piane e peui brusajc, 

Faje sulfrì d’torment d’ogni manera : 

,1’ avouma massacra tutt lò eh’ i vdio, 

E sempre predicand l’amour di Dio! (122) , 

157 

Pensanti eh’ fussa ’1 demoni ch’ai tenteissa 
,Favouma butà d’ Fra eh’a s’occupavo 
A sterminò coui tai eh’a s’suponcissa 
Ch’ T aveisso quaicli comersi con ’l J '-ino ; 

Pr ’l pi peitt indissi eh’ un aveissa 
À s’squartavo viv, o eli’a s’ brusavo : 

Eppur con tutt loti n’è mai riussine 
1)' podeine guadagnò, d’ convertine ! 

158 

Così 1’ ha peui finì la gran gabéla 

Tra ’l Dervis e Vincens nost missionari, 

’L qual s’era fìcasse ant la servela 

D’andò predichè ’nt j’ Indie a coni bragari, 

Sto Diacono voulia fè ’l beigliela, 

Pr vende i so mirace e j’arlichiari ; 

Ma i Dervis e j’Indian eh’ son geni ch la antcndo 
L’han dait la pala al cui al Reverendo (125) 


•<§ 03 

159 

\ venta dunque dì eli' a j’è die cose, 

Di dogmi ed’ religion eli’a podrau mai 
Persuade le conscìense scrupolose, 

Prcliè eh’ a venia vdie con j’ociai, 

Piche di’ son irop oscure e misteriose, 

Pieune d’ eontradission nen naturai, 

Le quai s’un je ved nen conj'oeui dia lede 
A sinio i gran problemi d’Archimede. 

160 

Ma coni ’l misterious a serv a nen, 

Prtant persuade ’l coeur e fè eli’ a s’ me uva ; 

E coni’ la verità l’è un seri velen, 

CIP a s’ fica da-pr-tult, e eh’ un la treuva ; ( 124) 

E coni’un porla sciita drinta al sen 
Grava da la natura a tuta preuva 
La religion eh’a fa nostra fortunna, 

Gli’ i la sentiouma tuli dant la cunna ; (125) 

161 

E coni’ madre natura a noi so fioeui 

L’ ha dane a luit parei un coeur sensiliil, 

L’ha dane a tuit na meni, n’ ha dane j’ ceui, 
a fané a tuit di bsogn irresistibil ; 

Coni’j’ omini comenso nen ancheui 
A vdde eh’ a j’è ’l mal, e eli’ l’è impossibil 
CIP ’l mal a dventa bili, e viceversa, 

CIP n’assioli pietosa onesta a sia perversa! (126) 




G-l 

•162 

E com 1’ islés passa soeus basta gitane 
Pr fene un’ impression, e tnine an beila : 

V idea d’un futur, eh’a s’ved an biane, 

Sogna da quaicli Profeta, o quaich Sibila, 

Poudrà fene paura ancora mane; 

Così l’idea d’ n’ aut mond vanna e Buttila 
Quantunque predica, quantunque scrita, 

L’è bonna pr fé pour a quatr’ armila. 

165 

Prehè siceom la Fede a l’è già un don 

Ch’a n’fa Nosgnour prtant eh’ i peusso cede 
Le cose eh’ son contrarie a la rason ; 

Com’ la Speranza a l’è, da lò eh’ i vdde, 

Fonda sla fede islessa, e si’opinion 
Ch’is’peusso nè falisse nè stravdde, 

E eh’ l’Angel scriva tut lòdi’noi i fouma, 

Finna i pi peit pensè, tutt lò eh’ i diouma ; 

164 

Pensand che al (in di mond peui san Michel (127) 
Con so scandai an man e soe balanse 
A ciama tutti i mort con un rapel (i28) 

Pr feje presentò soe quitanse 
D’ aveisse slrivassà, fìacà la pel, 0 ^9) 

E d’ nen avei mangia pi d’tre pitanse ; 

Pensand che an Paradis l’Ari gel a scriva 
Si j'avouma tasta d’earn o morta o viva; 





—ob é>- 

465 


Siccom’ a j’ «’ è neo un assicura 

D’ podeisse salvò pr onest eh’ a sia, (430) 

Essend eh’a son già tuit predestina 
Coui eh’ a saran elei dal nost Messìa ; 

Siccom ’l prim furiant e scelerà 
Convint dia pi birbanta scrocarìa 
Essend predestinà dovrà salvesse, 

E soe iniquità a j’ saran rimesse, 

166 

Siccom basta l’errour d’un peit moment 
Prtant dovei suffrì n’ eternità ; 

Ch’ a j’è gnanca d’ prdon pr j’inossenl, 

Pr coui eh’ a meuiro prima d’esse nà ; (151) 

Siccom ’l Dio pare onnipotent 

À T ha sensa prdon sacrificà 

Tutta la rassa umanna drint ant l’eva 

Pjr na galuparìa d’ madre Eva ; 

167 

E nen content d’Ioli l’ha ancour volsù 
Pr vendichè soa bile e so dispét 
Sacrifichè so tìeul, vdlo pendè 
Quant bin fuss impeccabil e perle), 

Etera, onnipotent, tutta virtù ; 

Eppur prchè eh’Adam l’è stà indiscréta 
Lo manda via dan Giel, a smania e braja, 

Lo fa perì s’ na crous coro’un eanaja ; 



-sg 66 g>- 

168 

Siccoin a dio eh’a s’ pias vdde su tiri, 

di’a veul che noi i'rinunsio a nost boneur, 

À nostre inclinassion, ai nost piasi, 

Pr eh’ i s’ nutrisso sempre con d’ maleur; 
Ch’ a veul eh’ i giunno e piuro tutt ’1 dì, 

Ch’ i lasso j’amis car al nost coeur, 
di’i s’ vado a sepelì ’nt na caverna 
Pr podei gode un dì dia vita eterna ! 

169 

Guardò se a son nen coui i ver motiv 
Ch’ a P han discredita la religion, 

Ch’a 1’ han guasta i costum, fanecativ, 

Gli’ a 1’ han butà l’Europa an prdission ; 

L’è an causa a cousti errour eh’ i souma pnv 
D’moral, d’ rasonament, e d’ cognission, 
di’ i souma intolerant e sanguinari, 

Ch’ i fouma a nom di Ciel fina i sicarj ! 

170 

E ciucio d’ noi eh 1 a geila nen d’orrour 
Pensand a le vicende di’ an passa, 
Considerand l’origine e ’l l'urour 
di’ a T ha viscà ’l Piemont dsnaturà ! 

’L manto d’ religion l’è sta ’l motour 
Di mai, die vessassion, die crudeltà, 

Ch’ la stola e ’l dispotism, pr vendichesse, 
Sui povri patriot a l’han commesse. 



_<g 67 (g>- 

171 

Chi peul descrive i mai eh’ a I 1 bau solìert 
1 nostri povri Irei sarà an prson ; 

Le vite eh’ a Phan fait pr i desert 
Perseguila da luit sensa prdou : 

A son ancour pr i camp j’oss dscuert 
Die vittime scauà pr religion 
Dai mostri sacrosant pi fier dj’ arpie 
CIP a Phan pur desola tante famìe,! 

172 

A basta contemplò P immensa lista 

Dia gent eh’ a son perì pr onor di Dio ; 

A basta avei present la scena trista 
Die crudeltà, dj’ orrour eh’ a cometlìo 
Pr propaghè la fede i Catechista; 

A basta vdde d’ gent, cip a esorto e crìo 
CIP le opere pi bele e le pi sante 
A son d’ massè d’ persene protestante ! 

173 

A basta vdde un Irei su sua cosciensa 

Dispost a sbranò P ant pr convertilo ; (132) 

A vdde esterminè sensa clemensa 
D’ pajis antregh prchè eh* ’i Ciel P ha diio ; 

A vdde brusè viv a la presensa 
D’ una Nassion (eh’ a l’ha lanl coeur d’ suffrilo) 
Un om eh’ Pha gnun delitt, ctP a serv le legi, 
Prchè clP Pò sta accusa d’un sortilegi! 



174 


A basta vdde i scisma, e j : eresìe, 

A vdde ’I fanatismi, le serimonie, 

J’abus di Sacerdossi, e le foullìe, 

A vdde ’l mond borgnà da ste fandonie! 

Pr na lumia, na crous, robe da rie, 

Vrsè di fium d’ sang, rasò d 1 colonie ; 

Cornette d’ crudeltà le pi terribil 
A noni dia religion santa infallibil ! 

175 

Prtan sentisse ’l coeur viscà dall’ ira, 

Prlan sentisse meuve a compassion, 

Vdend com’ l’univers tult a delira; 

Vdend tuli i gran mai eh’ le religion 
L’bau fail al’ om !.... ’l coeur a cousta mira 
A peul nen arfudesse a la rason, 

La qual a n* dis eli’ le sette religiouse 

Son all’ umanità tute danese. (133) 









MìfonÀ 


( 4 ) 

Se i Romani ed i Greci ebbero delle religioni ridicole e 
scandalose; se erano abbastanza sciocchi per esplorare il 
volo degli uccelli, e consultare gli Àuguri prima di tentare 
una battaglia, od un’ impresa qualunque ; se i Greci nei 
tempi ancora di Aristide, di Temistocle, e di Cintone con¬ 
sultavano l’oracolo d’Apollo in ogni evento; se Siila uno 
de’ più illustri Capitani ha scritto, che un Generale deve es¬ 
sere fedele nell’ eseguire le cose di cui egli viene avvertito 
in sogno : non si può pertanto negare, che in mezzo alle 
superstiziose loro idee di Religione non abbiano oprate 
delle cose le più ntaravigliose e grandi, e non abbiano 
fatti li più generosi sforzi repubblicani, di cui non fu¬ 
rono più capaci in altri tempi, quando ebbero cangiate le 
idee religiose. Quindi non si dee condannare come inutile o 
dannosa una religione qualunque, la quale promettendo una 
ricompensa, una sorte diversa ai vizj ed alle virtù in una 


-<§ 70 @=— 


seconda vila, assicuri così, e promuova le virtù sociali e la 
probità, locchè non prometterebbe l’Ateismo adottato dal 
popolo, mentre quantunque sia un male, che egli si abbia 
delle nozioni erronee di probità, di giustizia, e di dovere, 
sarà però sempre un male peggiore, dice Mably, <d ,e ^ po¬ 
polo non ne abbia alcuna, e che pensi tutto essere beu fatto, 
e necessario, e per conseguenza irreprensibile, giusta 1 prin¬ 
cipi degli Atei, i quali non ammettendo la libertà nel pen¬ 
siero, e nelle azioni umane, e non potendo riguardare niente 
come vizio, diventano incapaci di apprezzare nissuna virtù, 
riducendo così le affezioni dell’ animo loro ad un segreto 
egoismo, funesto sempre al disinteressamento, ed all ener¬ 
gia repubblicaua. 

Onde convien distinguere quello che si è credibile, da 
quello che importa di lasciar credere al Popolo. 

(*) 

Lex et religio junxerunt foedera, pruvas 

Ucce hominum mentes, comprimit illa manus. 

Il dimenticare intieramente una religione, c * guida a 
dimenticare i nostri doveri. (Mably, Science de la légis- 
lation.) 

( 3 ) 

Bayle ha dimostrato, che il fanatismo è più dannoso dell’ 
Ateismo ; mentre l’ateismo non produrrebbe mai le scene 
d’orrore, che furono fomentate dal fanatismo religioso. 
Sul quale oggetto si osserva essere il fanatismo inseparabile 
dal cullo di quasi tutte le religioni (il puro Teismo eccet- 




luato), ma vi si risponde, che nissuna religione si cange- 
rebbe in fanatismo, se da questo non tirassero i sacerdoti, 
i ministri del culto le loro più grandi risorse ; e secondaria¬ 
mente se questi fossero sommessi ai tribunali civili, e non 
facessero, come dappertutto si osserva, un nuovo stato, una 
differente popolazione nello stato medesimo 

.{*) 

Per la sola parola consubstantialìs fuvvi una guerra civile, 
che durò circa 300 anni, ed in cui trecentomila Cristiani per 
lo meno perirono ; nella guerra del Giappone eccitata dai 
Gesuiti vi perirono quattrocento mila circa; lo scisma d’oc¬ 
cidente nel XIV secolo ne fece perire sessanta mila; le 
orribili stragi di Las-Cas in America ne distrussero 12 e 
più milioni ; le crociate sante ne scannarono due milioni a 
dir poco : e finisse pur qui la lista delle vittime scannate 
dal fanatismo ! Ma quante ancora non ne troviamo noi di 
queste sacrosante stragi nelle istorie de’ tempi non tanto da 
noi remoti ! E così quante non furono le sollevazioni e le 
guerre eccitale nella Germania, e nell’ Italia contro d’En¬ 
rico IV dal maniaco Gregorio VII? Non si fu forse il santo 
zelo, che consigliò a papa Clemente IV la morte di Conra¬ 
dino? che indusse Clemente V ad avvelenare nell’ ostia santa 
l’Imperatore Enrico VI? che armò Carlo IX nella giornata 
di santa Brigida contro i Danesi sparsi nella Gran Bretagna? 
che accese più di trenta guerre civili in Francia, in Olanda, 
nelle Fiandre, in Inghilterra? che nella guerra di Gio. Huss 
fece perire 130 mila ffussiti? e ciò per la sola quislione 


della transubstanziazione, della predestinazione, dell’ ac¬ 
qua santa, ecc. ! 

Non si fu forse in obedienza della penitenza impostale dal 
suo Confessore, che l’Imperatrice Teodora, vedova di Teo- 
filo, fece scannare nell’ Impero Greco cento mila Manichei; 
perchè non si voleva, che questi miseri credessero all’ esi¬ 
stenza dei due principii Benefico e Luminoso, Malefico e 
Tenebroso? Per ristesso fine, cioè per onore di Dio, non 
furono già scannati centomila pacifici Albigesi? Non fu or¬ 
dita ed accompiuta l’orrenda giornata della s. Barthélemy , 
la strage di Cévennes, il massacro des Templiers , di Merin- 
dols, di Cabrières, in cui si contano 22 borghi ridotti in 
cenere, e 18 mila ragazzi solamente abbruciati vivi? Non 
dobbiamo noi forse a questo santo zelo il secondo massacro 
degli Albigesi, che spopolò P Irlanda, e che distrusse i bravi 
nostri Valdesi? Al qual proposito ecco uno squarcio di 
quanto trovasi nell’ Histoire des Eglises Vaudoises, liv. 2, 
chap. 9, p. 1 IO : Slrappavansi, dice, i teneri bambini dal 
seno della madre, e si schiacciavano contro de’ muri, o delle 
rocche; squartati vivi, geltavansi ai cani per trastullo, e le 
teste di quegl’ innocenti lanciavansi a tutta forza contro i 
sassi, per goder lo spettacolo di vedervi le cervella accollate 
e pendenti ; gli ammalati, i vecchi, le donne venivano ab¬ 
bruciali vivi nelle loro case, o fatti a pezzi, oppure legali 
nudi colla testa fra le gambe, si precipitavano dalle rocche; 
empivasi alle donne, ed alle figlie il ventre, e la natura di 
sassi, oppur di polvere, e vi si metteva fuoco, per rimirare 
così nello spalancato ventre le palpitanti interiora ; empivasi 


75 g>- 


ad altre di polvere la bocca eie orecchie, e vi si faceva bal¬ 
zare il cervello in aria ; gran quantità di donne furono impa¬ 
late vive pel ventre, ed esposte così nude in sulla pubblica 
strada; ad altre se le tagliavano il naso e le mammelle, 
che quei carnefici a nome di Dio facevano arrostire, e si 
mangiavano. Furono a centinaja mutilali gli uomini, o scor¬ 
ticati vivi nel mentre che vedevano sotto de’ proprii occhi 
squartati li suoi figli, e le loro tenere membra servire di 
trastullo ai Cristiani, che scherzavano dibattendosi tra di 
loro con quelle! Quante furono le donne incinte sventrate, 
ed i loro teneri parti affissi in punta di alte picche, e portati 
in trionfo ! 

Questi sono gli orrori, le atrocità e le barbarie, a cui 
giunsero gli uomini invasali dal fanatismo religioso : per non 
rammentare più oltre le sanguinose scene della Vendete 
della Svizzera, di Napoli e del Piemonte, che pesano ahi ! 
troppo sul cuore di qualunque uomo sensibile ed umano. 
Tantum religio potuit suadere malorum ! 

( 5 ) 

Se gli uomini, diceva un Filosofo, avessero ascoltato so¬ 
lamente ciò che Dio inspira al cuor dell’ uomo, non vi sa¬ 
rebbe stata, e non vi sarebbe al mondo che una sola Reli¬ 
gione.... Ma appunto se fra tante che vi esistono una sola 
si è la vera, e quella che ogni uomo dee seguitare esclusi¬ 
vamente sotto pena di dannazione, egli è chiaro, che con¬ 
viene passare, e consumare la vita a studiarle, e verificarle 
tutte : niunp essendo esente da questo primo dovere, ed 
essendo tutte ricolme di miracoli, di profezie, di rivelazioni, 


—cg T4 §>- 

e predicandosi ognuna infallibilmente Ortodossa. Quindi se, 
al dire dei Teologi, ogni Cristiano fa bene a seguitare cie¬ 
camente e senza esame la religione de’ suoi padri, perchè 
un Turco farà egli male? Se il paese e la nazione ci danno 
questa o quella religione, perchè castigare un uomo per es¬ 
sere nato in questo od in quell’ altro paese? 

( 6 ) 

Allusivo alle deità infinite de’ Romani, ed alla ridicola 
superstizione degli Egìzi, che adoravano dei crocodilli, dei 
serpenti, delle scinde, dei cani, dei galli e dei buoi : così il 
famoso bue Apis, in cui si incarnava la divinila; così il gran 
Lama, ossia Pontefice dei Tartari, da essi creduto immor¬ 
tale, perchè invisibile ed inaccessibile a tutti quelli, che non 
sono addetti. 

0 ) . 

11 dogma della Metempsicosi si è certamente uno di quelli, 
che siansi di più conservati e sparsi non tanto presso ai po¬ 
poli civilizzati, che ai meno colli ; i Simoniti, i Marcioniti, 
i Valentiniani, e tutti li Gnostici professarono la stessa opi¬ 
nione sulla .metempsicosi. In Oriente, dice Darne t, ella è 
così>autica, che si crederebbe venuta dal Cielo. Herodoto la 
trovò iq gran credito presso gli Egizi; essa forma la base 
della teologia.Indiana; ella è dappertutto ricevuta nel Giap¬ 
pone; si trova nei popoli,Kalmucchi, e nel Mogolio. 

Maaes, parlando della trasmigrazione, pretende, che le 
anime dot più grandi peccatori siano dopo morte confinate 
in corpi d’animali più vili o più schifosi, piu nobili o perfetti 



a misura che si distinsero in virtù od in vizj. (In quali 
animali passerebbono mai tanti Prelati, e quei dell’ allo 
clero?) 

I nostri Dottori al!’ incontro inventando la legge di grazia, 
abolirono le metempsicosi, per farci di preferenza arrostire 
nell’ altro mondo 

( 8 ) 

Ricaul.... Histoire de l’étai presali de l’Empire ottoman, 
tom. I, c, 14, racconta d’aver veduto suppliziare un Turco 
chiamato Maomet-Ejfcndi, che era un Ateo, il quale quan¬ 
tunque non avesse alcuna ricompensa a sperare dopo il 
sofferto martirio, tuttavia ainò meglio morire, che rinun¬ 
ciare alla verità della sua opinione. Se la povera verità trovò 
dei martiri che perirono in di lui nome, quanti non doveva 
egli trovarne il fanatismo? 

(9) 

I Gentili non meno che i ( ristiani ebbero lutti delle ver¬ 
gini destinate al culto delle loro Deità ; così i Romani ave¬ 
vano le Vestali, e noi abbiamo pure le Monache destinale 
ad un simile uffìzio. Gli abitanti del Tonquin sono sorpresi 
in sentire, che vi siano dei paesi, in cui si onorino coloro, 
che fanno il voto di castità, dicendo essi per loro ragione, che 
egli è un delitto così grande il negare la vita ad un essere 
che ne è privo, come il levarla ad un vivente. Questi si¬ 
gnori Tonquinesi abbisognano di essere ditenuti per un 
anno almeno nei nostri Seminar}, se debbono imparare a 
ragionar meglio. 


—35 7(i g>- 

( 10 ) 

agitala malis, acrique exercita cura, 

Ad tristes vertit gemitus , durosque dolores ; 

. attoniti quod non contingere crebro 

Id videant , et mira pavent, humilique frequentes 
Curii prece solemnes adeunt, et vocibus aras , 
Pi'odigiumque atrox credunt, lacrimisque piandum. 

Scip Capic. de principiò rerum. 

(Il) 

Così Isaia parla dei centauri, e delle sirene; i poeti par¬ 
lano del cerbero, della chimera, e dell’ idra ; Virgilio rac¬ 
conta l’istoria di Caco; l’Ariosto quella dell’ Orca; e la 
Spagna ha prodotto Gerione di tre corpi. Gli Apologisti 
Cristiani seppero trar partito da questa mitologia ancorché 
poetica : così Bacco avendo sposato il zeffiro, ossia aura- 
placida, essi ne fecero santa Laura, a santa Placida ; così dal 
saluto latino perpetua felicitas nacquero santa Perpetua, e 
sapla Felicita ; così da un’ inscrizione, dicente vera-eycon 
fu creata santa Veronica, e così dicendo. 

m 

Quasi tutte le nazioni avendo diviso l’universo, ossia la 
natura iutiera con le sue leggi e le sue operazioni, in causa 
attiva e passiva, ed avendo altresì divinizzata la causa attiva, 
divisero ancora questa in due principi, di cui supposero, 
che uno fosse l’autore del bene e della luce, 1 altro del male 
e delle tenebre; così nella Genesi di Mosè vi ha un Dio au¬ 
tor del bene e delta perfezione chiamato Adonay : rivale a 



questo vi esiste un altro principio chiamato Salari, Dcmon, 
Diabolo , il quale rovina e corrompe il bene adopralo dal 
primo, e che si fu l’origine del peccato c della morte sulla 
terra. Questa cosmogonia fu rubata, o copiata dagli antichi 
Persiani, e dai libri di Zoroaslro, che ammette due principj 
Qromaze autor del bene, ed Àhrimann del male; così gli 
Egizj avevano Osiris, e Tiphone; gl’ Indiani hanno Ganga, 
e Gournatha ; i Peruviani Pacha-Chamac , e Ctipay ; gli iso¬ 
lani di Giava, delle isole Filippine, delle Molucche, e dell’ 
isola di Formosa hanno un Dio buono chiamato Ishy, ed un 
cattivo Chouy; sacrificano sempre allo spirilo, ed al Dio 
maligno perchè non faccia lor del male. I più antichi Per¬ 
siani, ed Egizj, come altresì i Greci, e quelli di Madagascar 
conoscevano un principio buono chiamato Jadhar, ed un 
altro maligno, che veniva caratterizzato con tutti gli attributi 
di un serpente, come viene altresì dipinto nella nostra Ge¬ 
nesi, e nell’ Apocalisse. Gli isolani di Teneriffe ammettono 
un Dio Supremo chiamato Aguaya , ed un genio maligno 
chiamato Guayolta, che da quelli del Brasile vien chiamato 
Aguyan , da quei della Florida si chiama Toja; la religione 
dei Bonzi suppone ancora due principj. Vid. Dupuy, Origine 
des cultes. 

(13) 

Così i Lari, i Mani , i Panati , le Ninfe, le Nereidi, le 
Najadi, ec. presso gli antichi Romani, ed i Greci ; presen¬ 
temente ancora gli Indiani onorano Vayoo Dio del vento, 
Agni, Dio del fuoco, Varvog Dio dell’ Oceano, Sazanko 


-=§ 78 @>- 

Dio della Luna; Prajapateo Dio delle Nazioni : quelli dell’ 
Isole Molucche hanno degli spiriti, ed Angeli tutelari delle 
loro case chiamati Nithos; chiamano Lanito il genio dell’ 
aria ; e se i Greei ebbero il loro Apollo , i Persiani ebbero 
altresì l’Augelo Ehur , che dirigeva il corso del Sole ; ave¬ 
vano l’Angelo Bad , che presiedeva ai venti, Aniran alle 
nozze, Fervardin all’ aria ed all’ acqua, Curdud alla terra, 
ed ai suoi fruiti ; Mordati era l’Angelo della morte : i sa¬ 
pienti Gnostici avevano i loro Foni, e Geoni f , e gli antichis¬ 
simi Caldei avevano i loro genj tutelari come noi abbiamo 
eziandio gli Angeli Custodi, Esterminalori, Arcangeli, Che¬ 
rubini, Serafini, Gabriele, Rafaele, ec., ec. 

(14) 

I Caldei sembrano i primi, che abbiano approfondita, ed 
immaginata la distinzione dei due principi Benefico e Mali¬ 
gno; essi col loro sistema delle emanazioni veggendo che la 
terra ultima emanazione dell’ Intelligenza suprema era senza 
attività, e per sè stessa inane, supposero, che la formazione 
dei corpi umani, delle piànte, la produzione dei frutti, il 
movimento degli astri, e la vita degli esseri tutti si fosse 
opera e lavoro di qualche spirito più sottile dèlia materia, 
e che essi chiamarono Genj ; ma veggendo i terremuoli, i 
fulmini, le tempeste, gl’ incendj, le siccità, le malattie, ec., 
supposero dei genj cattivi nascosti nel centro della terra, e 
deli’ oscurità; credettero altresì, che i genj della luce si 
prendessero cura degli uomini, cui facessero da protettori, 
ed aggiunsero, che bastava invocare il nome del genio amico 




-<$ w < 3 >~ 

per scacciare il genio tenebroso; c pfir tal line lurono scritti, 
e scolpiti i nomi di tali genj, e si adottò per costume di poi- 
tarli indosso per essere preservati dalle disgràzie. Vid. His- 
toire de la Philosophie Orientale, par Stanley, ed il Voi. II 
del Commcnlaire Philosophique, de M. Le-Glerc. 

Li Gnostici, i quali al dire di S. Agostino, e di S. Epifaue 
erano i piùsapienti in materia di religione, riconoscevano un 
Ente eterno, sapiente, e perfetto, il.quale avea creato un 
altro Essere men perfetto di lui, affinchè questi potesse 
creare il nostro mondo imperfetto ; questi creò ancora degli 
altri Esseri meno perfetti, come gli Equi, i Genj, gli Angeli, 
il Nous , ossia V Intelligenza, il Logos, ossia il Verbo, la Phro- 
nosis, o Phronosia , cioè la Prudenza, Sophia e Dinanis, 
ossia la Saggezza e la Potenza; e questi erano tutti prodotti, 
e figli del loro Dio Barbelo , che dimorava nell’ ottavo Cielo ; 
quindi questi Esseri imperfetti, che erano stati gli autori de 
varj mondi, li governavano eziandio, e vi facevano da pa¬ 
droni : Vid- Epiphan. hàres. 26 ; Tertullian. àpolog ., 
cap. 36. 

I Kalmuc'chi sono persuasi, fche l’aria sla piena di Genj 
chiamati Tengrì, de’ quali alcuni' sono benefici, ed altri 
maligni. 

Basilide , Simone, Monandro , e Saturnino credettero 
tutti, che 1*Ente supremo avesse create dellfe Intelligènze 
sefeondarie,' le quali fossero l’origine de nostri mali, pèrchè 
creatori degli Angeli, da cui era stato fabbricato il mondo ; 
dicevano inoltre che èssendo stala'divisa la terra in varie 
dominazioni, il governo dèlia Giudèa èra tofecalo in sorte al 


—g£| so 


capo degli Angioli, che fece infiniti miracoli a prò degli 
Ebrei, a cui lento di sottomettere le altre Nazioni : V. S. 
Ireneo; lib. 1, cap. 50, num. 5, Epiphan. hoeres. 24. 

(15) 

Demonj incubi, demonj succubi. Pico della Mirandola nel 
suo libro depromotìone dice, che egli conobbe un uomo di 
80 anni, il quale aveva dormito la metà di sua vita con una 
demoniessa : questa era probabilmente succuba a mente di 
S. Madre Chiesa. 

Origine , Athenagoras, Tertulliano , 5. Giuslino, S, Ci¬ 
priano , e S. Ambrogio assicurano, che gli Angioli celesti 
innamorati delle donzelle umane, colle quali essi ebbero 
dei soliloqui, diedero origine ai Giganti. La Scrittura Santa 
dice, che di là ne sortirono i Demonj. Quidquid sii, V affare 
è un po’ sporchetto. 

(16) 

Per quanto riguarda l’autenticità, e l’ uniformità dei libri 
santi, degli evangelj, delle profezie ec. non puossi eccitare 
il menomo dubbio, e ci vorrebbe un cuore più duro di 
quello di Faraone per poter resistere alla persuasiva, ed al 
rispetto, che inspirano quelle sante carte; e difatti con una 
sorpresa veramente cattolica si osserva un S. Clemente Ve¬ 
scovo di Roma, e contemporaneo degli stessi Apostoli ad¬ 
durre per citazioni degli evangelj differenti dai nostri : Vid. 
Clement. num. 13, pag. 188. 

Ma ciò che sorprende doppiamente ancora, si è il vedere, 
che gli stessi antichi Padri, i quali appoggiandosi e citando 




-<© *» @=- 

frequentemente degli evangelj diversi dai nostri, e ricono¬ 
sciuti da noi per apocrifi, non vogliano ostinatamente mai 
parlare degli evangelj veridici da noi ricevuti ed approvati; 
difalti nè S. Matteo, nè S. Luca, nèS. Marco, nè S. Giovanni 
non trovansi mai citati nelle opere di S. Barnaba, di S. Cle¬ 
mente, di S. Ignazio ; mentre sentiamo un S. Girolamo, il 
qual ci dice, che la quantità degli evangelj apocrifi è lun¬ 
ghissima cosa il numerarla(Fid. Hyeronim. praifat. ìncognit. 
super Mathanim toni. 4, pag. lj; mentre un S. Eusebio 
nella sua Storia Ecclesiastica , lib. 3, cap. 25, ci parla degl i 
evangelj scritti da S. Pietro, da S. Mattia, da S. Giacomo 
minore, da S. Barnaba, daS. Bartolommeo, e da S. Taddeo, 
i quali non vennero purtroppo a nostra cognizione ; mentre 
sentiamo, che li Quarto-Docimanisti avevano degli atti par¬ 
ticolari sulla morte di G. C. (Vid. Epiphan. Scoi. 50, pag. 
120), e che i popoli Camiti possedevano perfino un evan¬ 
gelio di quel porco di Giuda, il quale viene tuttavia più volle 
citato da S. Epifaue ( Hom. 38, pag. 277); che finalmente 
i Marcionili, gli Ebionisti, gli Eucratisti, i Manichei, Basi- 
lide, Valentino, e Cerinto avessero degli evangelj proprj ad 
essi particolari. (Si noti bene, che Basilide ebbe per maestro 
Glaucia, discepolo ed interprete di S. Pietro; Valentino lu 
educato da Deodalo discepolo di San Paolo; Gerinto fu 
contemporaneo degli stessi Apostoli) Enrico Dodvvel (dts- 
* seri, in Ircncewn, paragr. 38, pag. 6d) soggiunse ancora, 
che i libri del nuovo testamento latilabdnt usque ad tem¬ 
pora Trajani et Adriani in privatarum Eccìesiarum, et 
hominum scriniis, cioè, erano nascosti ancora cento e più 



82 gn¬ 
aulìi dopo la morte di G. C., e la Chiesa cattolica, cioè uni¬ 
versale, si mantenne in pectore per ben quasi due secoli" 
l’embrione di nostra santa fede, prima di darlo, come poi 
fece, miracolosamente alla luce. 

(17) 

INessuno dubita di quanta importanza sia alla specie umana 
cattolica il Sagramento della penitenza, ossia confessione au- 
riculare : questa si è un' Àncora di salute, clic mandò in 
Paradiso milioni di persone, le quali certamente a quest’ 
ora abbrustolite, e colte avrebbero servilo di pastura all’ 
orrendo Belzebulte ; mi viene da piangere, quando penso, 
che prima dell’ anno 250 nella nostra Chiesa non vi erano 
ancora confessionali, e che Papa Innocenzo III sia stato 
il primo, che inventò la confessione, la quale al dire di 
Sozomene (lib. 7, cap. 6) era tuttavia ristretta a segno, 
che non trovavasi per ogni Chiesa, clic un solo Sacer¬ 
dote, a cui si potessero confessare le peccata. Ringra¬ 
ziamo pure l’Altissimo, che per singolare sua misericordia 
li abbia moltiplicali come le stelle del Cielo, eie arene del 
mare ! 

• ( 18 ) 

Sicut (equus et mnlus quibus non est intellectm, in vece 
di seguire la massima di quel Savio, il quale disse: 

Natura ingenuit ralionem provida nobis ; 

Naturata ratio , nos jubet ergo sequi. 

Di latti se la verità non è presso agli uomini clic la conso- 


nanza de’ sensi colla ragione, come potrassi mai distinguere 
il vero Dio e la vera Religione, se non coll’ uso della ra¬ 
gione , la qual cosa ci insegna a distinguere i caratteri de’ 
veri dogmi dalle imposture de’ se-dicenli Profeti, e dei Sel- 
larj? così per esempio veggendo la ragione umana, che li 
miracoli non polrebbono essere altro che una operazione 
contraria, una inversione delle leggi della natura fìssale da 
Dio stesso omnisapiente, ed immutabile ne’suoi decreti, 
dice a sè stessa t ma perchè tanti miracoli? Iddio che muove 
i cuori umani a suo talento, avrebbe egli bisogno di mira¬ 
coli per convertirli? e perchè dunque farà egli dei miracoli 
a prò d’una rivelazione particolare, mentre questo distrugge 
in noi l’idea di sue perfezioni? perchè dire, che Dio è pa¬ 
drone delle sue grazie, e che egli deve niente ai suoi figli? 
perchè dire, che la giustizia divina non ha alcun rapporto 
colla giustizia umana? perchè dire, che i decreti del Cielo 
sono superiori ad ogni umano intendimento? Questo si è un 
voler distruggere in noi le idee di bontà, e di giustizia, che 
coll’ ajuto di nostra ragione ci siamo di lui formate. 

Difatti se la sua onnipotenza lo dispensa dalle leggi d’e¬ 
quità, dettate da lui stesso al cuore umano; se Dio è giusto 
in un modo, in un senso differente dai principi di giustizia 
conosciuti dagli uomini ; se gli uomini non possono oprare 
il bene senza l’ajuto di sua grazia ; se egli non accorda questa 
grazia che a pochi eletti, quale idea potrà farsi la ragione 
umana di questo Dio giusto, misericordioso, sapiente, on¬ 
nipotente, infinito, e fallo tuttavia ad immagine, e somi¬ 
glianza di un animale composto di fango quale si è 1’ uomo! 
Coraggio Teologi qua no se cogliona !.... 




m 

Essa è veramente curiosa l’idea d’immaginare un Dio 
(che seppe con un fiat spremere dal nulla tanti milioni di 
Soli, di Stelle, e di Pianeti) con tanto di barba bianca, il 
quale si mette con sue mani eterne ad impastare un mucchio 
di terra rossa per formarne quindi quel meschino Adamo, il 
quale per pura inavvertenza riuscì poi a scomporre l’istessa 
Triade ammazzandone una delle tre persone ; è curioso , 
dissi, il vedere questo Dio a rubare le costole ad Adamo 
appena sortito dal divin modello per farne quindi nascere 
la femmina, dalla quale sortì poi ancora Abele, e Caino , a 
tutta la razza umana ! 

11 gran Zeuss, ossia Demiourgos dei Greci avendo altresì 
formati li pianeti, e la terra, aveva fatto nascere sul nostro 
globo gli uomini, e gli animali; il primo uomo, al dire di 
Ber osto il Caldeo , si chiamò Alor padre di Sarez , avo di 
Alaspare, il quale generò Amenone padre di Metalare, a cui 
fu figlio Daon padre di Evcrodach, ajo di Amphis , grand' 
avo di Oziarle, di Amfio, e di Kissurte Re di Caldea, a cui 
comparve poi Saturno per avvertirlo del diluvio prossimo ; 
dietro al quale avviso ei si costrusse l’arca famosa, che restò 
come pure quella di Noè dopo al diluvio sulle montagne 
dell’Armenia. 

Li Caraibi credono, che il primo uomo chiamato Longuo 
avesse un grand’ ombilico, da cui sortirono poscia lutti gli 
uomini ; questo Longuo aveva altresì bitta la terra, ma senza 
montagne, le quali furono poi create dal diluvio. 





( 20 ) 

Descendit autcrn Dominus ut rìderei turrim quarti wdìfi- 
eavcrant fitti hominum. Genes, 

( 21 ) 

Alcun istorico, eccettuato S. Mattia, non fece mai men¬ 
zione di questa famosa stella, la quale certamente prima che 
li tre monarchi dal fondo dell'Oriente potessero arrivare a 
Betlemme, avria dovuto brillare in Cielo assai lungo tempo 
per essere altresì veduta da Erode, e dal popolo di Gerusa¬ 
lemme. La cosa sembra conseguente; ma egli è altresì pro¬ 
babile, che quei miseri Giudei non avessero le bariccole della 
fede. 

( 22 ) 

Nel vangelo di S. Mattia, al cap. 4, v. 5, si legge: Time 
assumpsit eum diabulus in sanctam civitatem, et statuti eum 
superpinnaculum templi; ed al vers. 8: Iterum assumpsit 
eum diabulus in montem excelsum valde , et ostendit ei om¬ 
nia regna mundi, et gloriavi eorum, et dixit ei... Ucce om¬ 
nia tibidabo, si cadens, adoraveris me. Io per certo non 
sarei stato cosi buono da lasciarmi traghettar come un bam¬ 
bino, ed avrei regalato il diavolo di una decina di onnipo¬ 
tenti schiaffi per lo meno. 

(23) 

L’Scorano enumera 224m. profeti; Epiphanès Vescovo 
rapporta nelle sue note sui canoni degli Apostoli 173 pro¬ 
feti Ebrei, e dieci profetesse; così le famose sibille dei Ro¬ 
mani : difatti era comune nei primi secoli il pretendere di 


-=3. 80.'st¬ 
essere inspirato, o profeta; così dicesi, che S. Pietro abbia 
scritta una apocalissi ; e così pure S. Paolo, in cui erano de¬ 
scritte le meraviglie da lui vedute nel terzo cielo. Lo stesso 
Epiphanes parla di un’apocalissi scritta da Adamo (che non 
sapeva leggere); di un’altra da Àbramo c di una di Mosè: 
li Priscillianisti ne possedevano una d’ Elia ( Vid • Tillemont 
torri. 8); così i Pagani pretendono, che Gesù Cristo abbia 
inviati a s. Paolo dei libri di magìa, e così pure a s. Pietro 
(Vid. Augustin, de consensu evangelii lib. \, pari- II, cap. 
10); Gli Elccsaiti possedevano un libro caduto dal cielo , 
del quale a chiunque ne credeva il contenuto, erano rimesse 
le peccala. Vid. ThcoAorel hcereticor. fabul. lib- 2, pag. 222. 

Cicerone istesso dice, che sarebbe un rovesciare tutti i 
fondamenti dell’istoria negando la verità degli oracoli del 
Delfo; egli prova la verità della profezia con una faraggine 
di fatti, e con la credenza universale , la quale in tal caso 
proverebbe ancora la verità dell’opinione universale, chele 
anime dei trapassali ritornino a questo mondo. 

Cosi Àccio-Navio per provare l'infallibilità della magìa 
invitò Tarquinio a pensare fra sè stesso qualche cosa, che 
l’Àugure dovesse eseguire; e Tarquinio avendo pensato, 
che l’augure tagliasse una selce con un rasojo, questi senza 
far moto eseguì la cosa sul campo; e Tarquinio in memoria 
del prodigio fece elevare una statua sulla pubblica piazza. 

A’ giorni nostri ancora si contano a dozzine le santarelle, 
le bealuzzc, che vantano delle visioni, delle rivelazioni, che 
predicono l’avvenire e la fine del mondo. Ciò che mi sor¬ 
prende si è, che la divinità compiacciasi di visitare le eel- 





lule, e gli oratorj delle persone imbecilli, e nulle, e che siasi 
mai lasciata un po’ vedere da tanti uomini illustri, e grandi, 
che soli basterebbero a celebrare la di lei maestà, e luminosa 
gloria. 

(24) 

Per confermare la missione di Maometto, li suoi discepoli 
raccontano, che montato sopra dell’ Alborak sua cavalcatura, 
egli percorse li sette cieli, che ei vide l’Angelo della morte, 
ed il Gallo bianco, il quale lenendo i piedi sul primo cielo, 
nasconde la sua testa nel settimo ; dicono altresì, che il pro¬ 
feta fece zampillare delle fontane dalle sue mani ; che fece 
[tarlare degli animali ; e che si fece camminare appresso de¬ 
gli alberi, e delle selve ; che si fece salutare dalle montagne; 
che cibò trentamila uomini col fegato di una pecora; e che 
chiamò altresì in paradiso la propria moglie Fatima mentre 
essa era in vita. 

(25) 

Vedasi le Tableau de tuutes les religioni du monde , dove 
trovansi rapportati tulli questi fatti. I Filosofi ragionatori si 
vanno smaniando per indovinare come mai gli spiriti, e gli 
angeli, che qua e là comparvero a tanta gente, potessero 
rendersi visibili, mentre essi non li hanno mai potuti un po’ 
vedere; cessa subito lo stupore, qualora si consideri clic 
l’asina di Balaam vedeva distintamente 1’ angelo che slava 
colla clava in mano per ammazzare il profeta, il quale con 
lutti li suoi sforzi sapeva veder niente; in senso mistico 
questo sembra annunziare, che per vedere gli angioli, con¬ 
viene avere gli occhi d’asino. 


m 

Tinto il mondo, che ha Iella la Genesi, conosce quanta si 
fosse la confidenza di Mosè col Signore Adonay; quanti si 
fossero li colloquii e le apparizioni, di cui Tu onorato questo 
prediletto, il quale prima di fare il miracolo del mar rosso, 
venendo dal Madian, dove visitò il suo suocero, verso 1 E- 
gilto con la sua moglie Sephora e figli sopra di un asino, fu 
incontrato appunto dal Signore in un’ osteria, dove corse 
rischio d’essere ammazzato dalla collera divina; ma Sephora 
gli salvò fortunatamente la vita, offrendo al Signore Iddio il 
prepuzio di un suo ragazzo, che essa recise prontamente con 
una pietra tagliente (Esodo). Così Giacobbe strada facendo fu 
attaccato verso sera da uno spettro, col quale si mise a lot¬ 
tare fino al mattino ; lo spettro con una grave percossa rag¬ 
grinzò il nervo crurale al patriarca, il quale adunco viva¬ 
mente detto spettro per farsi benedire, e vide alfine che 
questo spettro si era Iddio (Genesi). Bisogna convenire, che 
niente al mondo è più proprio per inspirare un’ idea della 
onnipotenza e della maestà di un Dio, che questa bella Serie 
di aneddoti Mosaici. 

(27) 

Se Dio è padre di lutti gli uomini; se come infinitamente 
buono egli deve amarli tulli, così egli non deve offendersi, 
che gli uomini Y adorino in un modo pi» o meno ridicolo e 
stravagante, come non si offende un padre di famiglia , se li 
suoi figli nel salutarlo facciati bene o male la riverenza. 

(28) • 

Origène Egiziaco, detto l’ impuro, verso l’anno 290 disse 




«9 (§>- 

clie il matrimonio era una invenzione diabolica, e che a 
questo mondo era permesso di seguire tutte le inclinazioni, 
ed i capricci, che le passioni ci possono suggerire (V. d’Ar- 
gentré, Colteci. Judaiq. toni. 1, Epiphan. hceres. 65]. Quest’ 
Origène era per lo meno un Abate. 

(29) 

Non mi sovviene più quale siasi dei Grcgorj , il quale 
disse, che le anime dei condannati all’inferno venivano tor¬ 
mentate da un freddo intenso più del ghiaccio, e dell’ aqui¬ 
lone ; tuttavia so d’ averlo letto sicuramente. 

(30) 

I Maomettani ed i Persiani dicono, che dopo il giorno del 
giudizio universale le anime tutte passeranno sopra un ponte 
detto poul-serrho d’infinita lunghezza, e largo soltanto come 
una lama di spada; questo ponte passa al disopra di un 
immenso abisso, in cui precipitano tutti quelli, che essendo 
impuri per delitti commessi, non possono reggersi, e tra¬ 
versarlo. Cadendo nell’abisso vengono ingojati daU’orribil 
serpente, che abita l’oscura caverna della magion del fumo. 

( 31 ) 

Pare che li Diavoli, ossia gli Angioli ribelli abbiano adot¬ 
tata la coda dopo la prevaricazione d’Adamo, perchè siccome 
Èva, in seguito alla conversazione avuta col Demonio in fi¬ 
gura di serpente caudato, commise l’enorme delitto origi¬ 
nale, e ne fu per isconto condannata a partorire fra i dolori 
(contese i cani e i gatti partorissero allegramente), così il 
Diavolo serpente fu condannato in pena di sua seduzione a 



—»0 gp" 

ritener l'istessa spoglia, ed a strascinarsi sul ventre (come se 
un rettile senza gambe potesse camminare altrimenti) ; così 
dopo tal epoca un’ antica cronaca pretende, che gli alni 
Diavoletti abbiano pure inalberata la coda in memoria ed 
onore del Demonio fatto serpente. 

(32) 

Questa grazia sufficiente io la credo soltanto preparatoria 
o predisponente,senza essere coefficiente o coattiva; perché 
siecomd la Scrittura c’ insegna, che ninno può andare a Dio, 
se Dio non l’attira a sèjcosì la grazia sufficiente può servire 
di stimolo indiretto, e sarà il zero od il numero 1 della gra¬ 
zia santificante. 

(33) 

(ìrazia gratis data , cioè senza costo di spesa, si è quella 
special prerogativa, e quel singoiar favore, che 1 Ente su¬ 
premo accorda a chi le piace, e segnatamente ai predesti¬ 
nali, acciò possano operare il bene. Essendo teorema cris¬ 
tiano e teologico , che niuno può far del bene senza l’aiuto 
della grazia, e che niuno può aver la grazia senza aver fatto 
del bene; onde si scorge abbastanza quanto sia necessaria 
all’ uman genere codesta grazia. Eppure fra gli stessi teologi 
trovossi ancora chi osò negare la necessità di questa grazia! 
Questi fu segnatamente Pelagio monaco Inglese, il quale 15 
secoli sono (epoca fortunata, in cui la fede fioriva come i 
gelsomini e i gigli), per difendere il libero arbitrio così 
odiato da s. Agostino, il qual lasciava sempre agir natura in 
vece della ragione, pretese, che l’uomo nascesse libero di 






-=§■; tfr §>- 

operare il bene ed il male per elezione; e riconoscendo 
questo Pelagio dall’istes&a natura la facoltà di oprarlo, questo 
bene, dedusse, che V uomo ricevesse parimenti dalla natura 
le condizioni ed i mezzi per operarlo senza l’aiuto della gra¬ 
zia; perchè in. senso contrario avrebbe di bisogno di un 
ajuto estraordinario, e differente dalle qualità naturali rice¬ 
vute, e sarebbe sottoposto al fatalismo degli Atei. 

Pelagio volle ben concedere, che l’aiuto della grazia c 
faccia agire più facilmente ; ma credette seriipre, che questa 
grazia interna, e gratis data, fosse accordala al merito par¬ 
ticolare degli uomini. Questa proposizione assurda meritò 
che Papa Zosimo , ed il Concilio di Palestina dichiarassero 
Pelagio eretico e scomunicato. V. Garnier, Hìsioria Pela- 
gianw hairesis. dissert. II, pag. 171. 

I Semi-Pelagiani poi, più moderali, e meno ragionevoli, 
riconobbero la necessità di una grazia interiore provegnente 
da Dio in particolare per ogni qualunque nostra azione , e 
negala da Pelagio; ma tuttavia sempre fissi nel grammati¬ 
cale errore, che la salute o dannazione degli uomini dipen¬ 
desse dalle azioni loro, e dal loro libero arbitrio, pretesero, 
che Dio la concedesse a tutti gli uomini, ma vollero , che 
fosse di tal natura, che la volontà potesse resistervi od ac¬ 
consentirvi, dicendo pcrlor ragione, che Dio non deve con¬ 
cedere questa grazia piuttosto ad uno che ad un altro, es¬ 
sendo anzi impossibile ogni sorta di preferenza tra una massa 
di perdizione, ossia di esseri lutti eguali, quali sono gli uo¬ 
mini prima di nascere, e prima che abbiano fatta qualche 
azione personale, e con tal modo attaccavano la predesti¬ 



nazione 


Ma sani’ Agostino volendo fondare la gratuità e necessità 
della grazia, e la verità della predestinazione sulle rovine del 
libero arbitrio, rispose alle suddette difficoltà con f esem¬ 
pio del Vasajo, che fa con l’istessa pasta dei vasi d’onore, 
e d’ignominia; ora, dice egli,siccome gli uomini sono fatti 
tutti con l’istessa pasta ; perciò quelli, che saranno vasi di 
perdizione non dovranno lagnarsi, come non debbono insu¬ 
perbirsi quelli, che diventano vasi di predilezione e di mi¬ 
sericordia, perchè Iddio coronando in tal modo i meriti di 
pochi eletti, corona i suoi doni, e condannando gli altri, già 
stati predestinati ab eterno all’ eterna dannazione, ove questi 
non abbiano delitti particolari, saranno condannali in grazia 
della colpa originale, senza far torto alla divina giustizia. 
Così sant’Agostino cpist. 125, 226; Vossius, Ilist. Pelagio .- 
nism. lib, 6, pag. 538. Noris, idem, lib. 2, cap. 14. 

(34) 

La grazia santificante più potente della grazia gratis data , 
e grazia gratum faciens, si è quella che fa diventar santi p er 
forza; dimodoché ses. Agostino volesse concedere un tan¬ 
tino di libero arbitrio ad un qualche vaso di perdizione, e 
che questi o perverso per natura, o per proprio talento vo¬ 
lesse dannarsi, io tengo per certo, che avendo questa gra¬ 
zia, anche suo malgrado, si troverebbe in Paradiso. 

Per una simile magia io son persuaso, che s. Orsola, e le 
sue undici mila vergini siano state cangiate in tanti vasi di 
predilezione. (Libero arbitrio, necessità, gratuità della gra¬ 
zia, giustizia; misericordia infinita, e predestinazione: oh 
che bel santo pasticcio!) 


-=■£ 95 §=- 

(35) 

]^a natura poliposa, ossia la proprietà, che possiede il 
peccato originale di riprodursi da sè stesso, e di moltipli¬ 
carsi all’infinito, ha imbarazzato non meno i Filosofi divoti, 
ed i Teologi ; e difatti non vi è più amusante trattenimento, 
che il leggere la serie delle opinioni sulla genesi di questo 
peccato ; così fu supposto, che le anime tutte avessero pec¬ 
cato in una vita anteriore all' union loro col corpo umano 
(Vid . Recucil des poésies philosophiques de Morus; vid. Rust 
Discours sur la ve'rité); fu supposto, che tutte le anime fos¬ 
sero rinchiuse nel corpo d’Adamo, e che per conseguenza 
tutte avessero partecipato al peccato. 

Il gran Leibnilz suppone ancóra, che tutti gli uomini 
siano stati formati entro d’Adamo, e che questi piccoli cor¬ 
piceni fossero dotali di anime umane, e che fossero vivi al¬ 
lora egualmente che dopo la loro nascita; che questi pic¬ 
coli corpicelli tirassero il loro nutrimento dai parenti, coi 
quali per conseguenza essi avevano comunicazione, dimo¬ 
doché Adamo comunicasse con tutta la posterità, e che al¬ 
lorquando egli mangiò il pomo, il movimento del suo cer¬ 
vello siasi comunicalo ai cervelletti dei microscopici suoi fi¬ 
gli, i quali per conseguenza ebbero le stesse idee. 

Certi altri poi, i quali secondo lo spirito della Chiesa cat¬ 
tolica credono , che Iddio generi le anime quando vien ge¬ 
neralo il feto nel seno materno, si trovano imbrogliati a spie¬ 
gare come Iddio generi delle anime già colpevoli, e dicono, 
che allorquando Iddio diede la giustizia originale ad Adamo, 
ed al genere umano, Adamo promise eziandio in nome de’ 


94 $5— 


suoi discendenti di conservarlo, e che ogni suo errore ver¬ 
rebbe altresì imputato a' suoi Agli (Quest’opinione fu viva¬ 
mente difesa da Calharim nel Concilio di Trento). Altri 
pensano, che il corpo d’Adamo dopo il Slasi 

rotto, e che le anime umane sortendo pure dalle mani di 
Dio, ed unendosi ai corpi dei discendenti suoi già corrotti, 
abbiano contralta la corruzione come sarebbe ( e 1 acqua 
pura in un vaso immondo (Questo sentimento ^ 0 

calo da s. Agostino). Gregorio di Rimini immagino, che il 
serpente avendo diretto il suo soffio sopra di va, a bia 
corrotta, e che essa abbia poi corrotto Adamo. Altri dis¬ 
sero, che Adamo col suo peccato abbia peiduta a » , azi a oii 
ghiaie, e che allorquando egli generò un figlio* Ic 10 abbia 
unita a quel corpo un’ anima altresì priva della grazia origi¬ 
nale (Questo sentimento fu indicato da s. Ciri o eincar- 
nati™, ed adottavo da s. Anseimo de concepì» VMgims ). 

JWalfe&rancAe suppone eziandio tulli i discendenti nel seno 
d’Èva, la quale dopo il peccato era continuamente proclive 
al male; suppone altresì una immediata comnn,cartone tra 
il cervello d'Èva, e quelli de'suoi Ogli. Vid. Mallebranclte 
Rcchcrches sur la uriti, Hit- 1 , cap. 5. 

1/Alberano dei Turchi al capitolo intitolato Aaraff, dice, 
che Iddio avendo fatta uscire tutta la posterità dalle rem d 
Adamo, riunì tulli gli nomini sotto forma d, formiche do¬ 
tale d’intelligenza nella valle di Dahier all’ludie, e che in 
presenza di testimoni interrogò gli uomini se volevano tulli 
conoscerlo per Dio, e che lutti risposero d. sì. Vii. Kcrbe- 

lot Bibì. Orient. pa<j. 4,4- 


-cg 98 $>- 


Credono altresì, che tutti gli uomini ereditino da’ suoi 
jiadri un principio di corruzione, che sta nel cuore, sotto la 
forma di un grano nero, qual grano dall’Angelo Gabriele fu 
tolto a Maometto, che con tal mezzo restò impeccabile. 

(56) 

Trovasi interessantissima la traduzione del vecchio testa¬ 
mento fatta da Monsignor Martini, e singolarmente di quel 
versetto, in cui Iddio dopo d’essersi pentito della troppa 
sua severità verso de’ suoi figli annegati dal diluvio, dice : 
Ponam arcum meum in nubibus, et recordabor foederis sem¬ 
piterni. Si ricordino'anche essi gli uomini dell’ universa! 
castigo (dice il traduttore); e grazie rendano a Dio della 
misericordia usata con essi... Che grazia boggerona! diceva 
un assassino, a cui venne annunziato, che il Re gli aveva 
Cangiato il supplizio della ruota in quello della forca! 

(57) 

Celestio discépolo dì Pelagio insegnava, che siccome l’in¬ 
carnazione, e la risurrezione di un Dio non fu bastante per 
far risuscitare alla grazia, ossia salvare tutti i figli di Dio, gli 
uomini; cosi non essere possibile, che il peccato del solo 
Adamo possa perdere tutta la specie umana. 

(38) 

La Volgata fissa il diluvio all’anno 4656 dalla creazione; 
li Settanta Io assegnano all’anno 2262; ed il Pentateuco 
Samaritano all’ anno 2509. 

(59) 

L’ avventura della barca di Noè è interamente copiata dal 


L 



-<4> 'J6 ®>- 

Caldeo licrosio , il quale scriveva già ne’ tempi d Alessan¬ 
dro. Quivi trovasi l’istoria dell’arca del Re Kissurle, di cui 
abbiamo già parlato. 

(4°) 

Essa è quanto mai curiosa la lotta del divi» Verbo col 
Diavolo, che non vuol cedergli l’impero; e taluni difatti 
pretesero, che questa pantomima comprometta un tantino 
l’onnipotenza celeste; questo fece credere ad altri, come a 
Marciane , che il Dio dell’ antico testamento si fosse il prin¬ 
cipio malefico, perchè siccome Gesù Cristo venne al mondo 
per distruggere l'antico testamento, siccome il nuovo è pie¬ 
namente in contraddizione col vecchio; cosi egli conchiude, 
che il testamento antico e nuovo sono l’opera di due prin¬ 
cipi opposti, ed appoggia il suo errore, dicendo, che il Dio 
del vecchio testamento comanda a’ suoi fedeli di rubare agli 
Egiziani, di far la guerra alle nazioni vicine, di scannare le 
donne, ed i fanciulli stessi, di distruggere le nazioni intere 
ecc. (Vid. Theodoret. hceretic. fabula} Ub- cap. 25J; pe r 
tal effetto i discepoli di Marcione avevano in orrore la vita, 
ed il Dio creatore della materia; e Teodorelo racconta d’aver 
veduto un Mareionita nonagenario, il q uale era sensibilmente 
afflitto ogni qualvolta era costretto a cibarsi, epperciò a ser¬ 
virsi delle produzioni del Dio creatore della materia. Vid. 
Bayle, article Marcion. 

Manes adottò altresì l’esistenza dei dueprincipj contrarj, 
ed indipendenti; perchè s. Gioanni dice al cap. 8, vere. 44, 
che il diavolo è bugiardo come suo padre, Manes dice, che 
Dio non può essere padre del diavolo, che allora sarebbe 


—97 <§=~ 

consubstanziale a Dio, eppercid conchiude, che deve esis¬ 
tervi un altro principio coeterno di Dio, malvagio di sua na¬ 
tura, e padre del diavolo, Vid. Bossuet, histoire des varia - 
tions, lib. 2. Photius de Manicheis ripullulantibus. 

(«) 

Se gli Ebrei in compenso di tanti miracoli oprati da Ado- 
nay in lor favore, e della predilezione costante mostratagli 
pel corso di tanti anni, accarezzarono il Signore fatto uomo 
cori tanto garbo, che finirono per metterlo in croce: con¬ 
viene pur confessare essere non meno garbata la maniera, 
con cui il Signore trattò nel deserto gli Ebrei suo popolo 
eletto, avanti al quale egli rimase sospeso in una nuvola per 
40 anni oprando giornalmente dei prodigj ; e cominciando 
dalli ventitremila scannati per Y affare del vitello d’oro ; ven- 
tiquattromila per le donne Madianite ; quattordicimila iu- 
gojati vivi per la ribellione di Kore , Natan , e Abiron ; cin¬ 
quantamila morti per aver rimirato Y arca.Non è questo 

un evidente segno della predilezione divina? Absit a nobis ! 

(42) 

Gli uomini, al dire di Fréret , sono niente migliori dopo 
la venuta di Gesù Cristo , di quello , che essi fossero prima ; 
auzi ei pretende, che l’incarnazione divina non abbia ser¬ 
vito a niente , mentre quelli che sono riputati cristiani per 
eccellenza , sono la gente più scellerata, che mai vi esista 
al mondo ; mentre li tre quarti della popolazione del mondo 
vivono al servizio di Belzebutle; mentre non basta il dire, 
che siamo tutti degenerati dal nostro primo instiluto, e 


6 




—c£) 98 Or¬ 
dalia legge di grazia per provare, die li primi cristiani fos¬ 
sero giusti, pietosi, onesti, tolleranti, caritatevoli, ec. ; 
mentre queste particolarità furono anche comuni alle sette 
dei Luterani, dei Calvinisti, degli Anabattisti, dei Marcio- 
nisti, dei Quaccheri, dei Monlanisti, come l’attestano gl’ 
inimici stessi di queste sette particolari (Ved. Florymond- 
de-Reymond, de la naissance de Vliérésie, pag. 227 ; Grotius 
lib. 1 , pag. 117); e difatti i costumi religiosi de’Cristiani 
subito si cangiarono, mentre i Pagani ed i Semini serba- 
vansi sempre fedeli alle loro leggi, come ne convengono 
san Cipriano, san Gregorio Nazianzeno, e Papa Gregorio 
VII. (Fini. Varlicle 56 de la frequente communionde mon- 
sieur d’Àrnant); anzi se si dovesse prestar fede ai primi 
Apologisti della Chiesa, i primi Cristiani erano guardati 
come le prime birbe, ed i più scellerati che mai esistessero, 
dimodoché erano accusati di stupro, d'ateismo, d’incesto, 
e fino di mangiar carne umana ( Vid . Athenagoras p. 4; S. 
Juslinus pag. 55; Minutius Felix pag- 86; lacitus, Anna!. 
lib. 15.); e difatti san Paolo c’insegna, che nella società 
Cristiana vi erano pochi saggi, pochi potenti, e pochi no¬ 
bili ; e Gesù Cristo ringrazia Iddio perchè diede la prefe¬ 
renza al minuto popolo sopra i saggi, ed i prudenti. Le¬ 
dere , ed Abbadie confermano la verità di tal fatto; e 
Puffendorf (inlroduction à l’histoire, tom. ,6. pag. 174) 
appoggia lo stesso argomento. Il critico abate llaute-Ville 
(lettre 10, pag. 169) osserva, che non furono già i dotti 
Farisei, nè li virtuosi Esseniani, che sposarono il partito 
di Cristo; ma ben§ì de’stupidi pescatori, di gente grosso- 


—=43 99 


lana, ile’pubblicani senza lettere ed ignoranti, di donne 
libertine e pubbliche, che si fu composta la comitiva di 
Cristo; e tali, ci dice, erano gli apostoli, ed i ministri di 
Dio. — Una cosa di fallo si è, che malgrado tulli i mira¬ 
coli oprali da G. C. tuttavia gli apostoli si fecero seguire da 
una vile plebaglia facile a sedurre ; e tutte le persone di¬ 
stinte per impieghi, per talenti, e per riputazione li riget 
lavano con disprezzo : Ubique ei coniradieitur, dicono gli 
Alti degli Apostoli al cap. 28, v. 22. 

Una libra veramente cristiana non può a meno di corru¬ 
garsi , di raggrinzarsi, sentendo così sconciamente smasche¬ 
rala P origine del cuttolicismo ; ma questo non conchiude 
niente , mentre ciò sembra nell’ordine islesso della natura, 
che le prosapie le più illustri e chiare discendano tutte dall’ 
origine (chiamala oscura) di qualche Beccajo, Mugnajo, o 
Falegname. 

(43) 

S. Giovanni pretende, che furono tanti li miracoli operati 
da G. C., che volendone comporre l’istoria, si verrebbe a 
formarne un libro più grosso del mondo intero ; eppure ciò 
malgrado gl*Indiani pretendono, che il loro Dio Wischow 
risuscitasse de’morti, come fece il nostro Cristo; quelli di 
Siam pretendono , che il loro Dio Sommonakodon, nato da 
una vergine per opera del Sole, abbia avuto dodici seguaci, 
od apostoli, c fatti pure dei grandi miracoli ; Fò, appresso 
i Chinesi, fa tuttogiorno de’miracoli a prò di quelli che lo 
invocano colla solila preghiera O-myto-Fò, e quarantamila 
discepoli predicano di esserne stati testimoni. Cosi Bacco 


-=© 100 

fece dei grandi miracoli, e risanò degl infermi; così la 
tomba di Maometto opera ancora giornalmente de’ prodigi 
strepitosi. Ma però io conosco varii Teologi casuisti, che 
indiscriminatim negano tutto questo con il conseguente, e 
la conseguenza. 

(44) 

Quale importante verità ci abbia insegnato il Salvatore 
vegnendo in questo mondo ; qual nuova dottrina, quai nuovi 
dogmi ci abbia lasciati, si è T importante e perpetua que¬ 
stione che tuttodì ci muovono gli eretici, i quali sogghi¬ 
gnano nel sentirci vantare il nostro battesimo, la penitenza, 
l’eucaristia, il mistero della Triade, l’inferno, il paradiso, 
la passione e risurrezione, ec. Che bella novità ! esclamano 
essi : ignorate voi forse, che gli Egizj celebravano la morte 
e la risurrezione di Osiris; i Fenici quella di Adone; i hrigj 
quella di Atis ; i Maghi quella di Mitrha? Ignorate voi, che 
li primi apologisti della vostra religione ammettono, che la 
religion di Mitrha aveva li suoi sagramenti, il battesimo, la 
penitenza , e la consecrazioue fatta con delle parole misti¬ 
che? E non sapete, che i Persiani (al dire del sapiente scrit¬ 
tore Ilyde) avevano ancora la credenza del paradiso, e dell’ 
inferno, la qual favola si trovò pure presso i Greci ed i Ro¬ 
mani, cioè tremila e più anni addietro? Non sapete, che gl’ 
Indiani avevano aneli’essi la loro triade, di cui la seconda 
persona chiamata IVischow si è pure incarnata? Qual alti a 
verità avete voi forse imparata dal vostro Gesù, oltre di 
quelle, che il solo lume della Ragione quattro e più mila 
anni prima aveva già suggerite ai Chinesi? Con quale sfac- 



-c© tof g>- 


cialaggine osate voi dipingere l’Autor supremo immutabile, 
che comincia per dare una legge a Noè, per darne poi una 
seconda a Mosè all'epoca di Faraone aflìne di dover poi ve¬ 
nire egli stesso in terra al Lempft di Tiberio , per annien¬ 
tare di sua propria persona le altre due religioni da lui rive¬ 
late e comandate , e stabilirne così una terza allatto contrad¬ 
dittoria alle due prime? Chi vi assicura che un qualche 
giorno egli non cangi ancora la religion vostra, e che non 
vi danni eternamente per averla osservata, dicendovi, che 
essa non era la vera ! Prova del che : non trovasi forse nel 
libro dei Leviti al c. 18 v. 16 un precetto di Dio , con cui 
proibisce espressamente agli Ebrei di prendere in moglie la 
vedova del fratello , mentre l’islessoDio nel Deuteronomio 
al cap. 12 vers. 5 comanda appunto rincontrano? 

Se mai in vita mia m’assalse la tentazione di diventar 
Teologo, la si è certamente adesso, che inviperito ed ebbro 
per le intese bestemmie, mi scaglierei con cento secundum 
quid, mille distinguo contro l’insana truppa di questi sa¬ 
telliti dell’ Anti-Cristo. 

(45) 

Certamente se il Signore infinitamente buono e miseri¬ 
cordioso avesse da bel principio perdonato ad Adamo la 
ridicola fragilità d’aver mangiato il pomo, levandosi così 
dal cuore il perpetuo rancore, ed il desìo della vendetta, 
che egli nudassi per tanti secoli, sarebbesi altresì rispar¬ 
miata la doglia ed il rammarico di vedersi crocefisso in 
mezzo a due ladroni, e di finire così miseramente i suoi 
giorni. 


—ag 102 

Ma quello die faravvi raccapricciare, amici,mira leologi, 

« che faravvi imparare smuramene, se no» vi siete più che 
robusti nella controversia, si è il sentire lo scrittore Dupuys 
nella sua Oppine de<c«M, il quale pretende dimostrarvi, 
clic la vita e le avventure del Salvator nostro siano una 
mera favola solare copiala dai Fenici, dagli Egizj, dai Per¬ 
siani , dagli Assiri, dai Greci, ec„ e che il nostro salvatore 
Gesù non sia esistilo più che il Ilio Ercole aulete i, e 
12 imprese; come Bacco couquistalor dell’ Indie; coinè 
Osine in Kgillo; Mitrita in Persia; Mone tui Fenicia; 
come rn nella China; Odin nella Scandinavia; Sommo», 
kodon da quei di Siam; WUcImow nell’Indie, ec. ; pre¬ 
tende egli provare l’ardila sua proposizione dicendo , elio 
nella religione de’Maghi e de’Persiani, l'annua rivoluzione 
del sistema planetario veniva rappresentata simbolicamente 
con un novo («« mf) diviso in dodici parti, di cui sei ap¬ 
partengono al Dio amor del bene, all’ azione creatrice, cioè 
alla loco, e le altre sei viceversa alle tenebre ; egli osserva, 
ebe quando il Sole si trova nella costellazione del serpente, 
laseia il nostro emisfero : dcsce.ulil ad infero* ; e che ritor¬ 
nandovi di primavera nella costellazione dell’Ariete, ossia 
agnello coleste, ripara i danni, che la .erra ha Solfarli in 
sua assenza pel freddo; cosi appunto era nella stagi.,,, do 
perni, cioè all’equinozio d’autunno , che il genio malefico 
Ahrìmamu inimico della luce, veniva a spandere nel mondo 
la si,a Piste influenza, cioè il freddo, e la disorganizzazione 
delle piante; ed il serpente, che guida l’inverno, è altrcst 
che la Bilanciò u Ulna una delle costellasi. poste Ira . 



—agl 105 g=- 


limili, che separano i due priucipj Benefico e Maligno, cioè 
il Sole e le tenebre, Tesiate e l’inverno, ossia all’equi¬ 
nozio d’autunno. Difatti, se nella Genesi non è letteral¬ 
mente espresso, che il serpente abbia apportato Tinverno, 
essa dice però, che T uomo sentì il bisogno di coprirsi, il 
che corrisponde ali’autunno; ed il ritorno del Sole all’ 
agnello celeste, che ripara o scaccia i mali del mondo, 
viene espresso in senso mistico dalle parole : agnus Dei qui 
tollit peccata mundi ; e dilani la più antica forma, con cui 
veniva rappresentato il Dio nostro redentore, si era sotto 
la figura di un agnello ora accostato ad un vaso, in cui suo 
sangue colava, ora steso ai piedi d’una croce. Colai rap¬ 
presentazione od emblema durò lino all’anno 680, fino al 
pontificato d’ Agatone, ed al regno di Costantino Pogonate: 
a tal epoca nel sesto Sinodo di Costantinopoli al can. 82 
fu deciso ed ordinato, che in vece dell’agnello si rappre¬ 
senterebbe un uomo appeso ad un croce , che fu altresì con¬ 
fermato da Papa Adriano 1. 

1 Persiani nella festa del loro Dio cantano la rinnovazione 
della natura, e delle cose tutte all’agnello di primavera, e 
pochi giorni prima hanno altresì la festa della croce, e si¬ 
milmente come noi crédiamo, che il figlio di Dio sia stato 
erocefisso, i Frigj adoratori del Sole sotto il nome di Alys, 
lo rappresentavano nella loro passione sotto la figura di un 
garzone avvinto ad un albero, che veniva pomposamente 
reciso ; ai piedi dell’ albero vi era T ariete equinoziale di 
primavera; 

Così gT Indiani avendo personificala la potenza del loro 


104 § 5 - 


Dio, gli diedero Ire figlj, di cui il maggiore ha la facoltà 
di creare, il secondo di conservare, ed il terzo di distrug¬ 
gere ; ed inoltre credouo, che la loro seconda persona chia¬ 
mata Wischnow siasi incarnata, ed al mese di marzo os¬ 
sia dell’ agnello, chiamano Wischnow la loro immaginata 
Triade. 

Così il nostro Cristo trionfa, e ripara i mali del genere 
umano precisamente all’equinozio di primavera; e la Pas¬ 
qua dei Cristiani (come altresì quella degli Ebrei per singo¬ 
lare concordanza) è necessariamente fissata alla pienaluna 
di quest’equinozio; a tal epoca ancora il vago Apollo (os¬ 
sia il sole dei Greci), pieno della forza di gioventù, trionfa 
del serpente Pitone; a tal epoca ancora il bell’adone, nome 
dato al Sole dai Fenicj, e di cui fu fatto A'donay dagli 
Ebrei, risorge dalla sua tomba, dopo che le genti hanno 
pianta la di lui morte. 

Così MacroUo c’ insegna , che nel solstizio d’inverno si 
dipingeva il Sole sotto la forma di un pargoletto nascente, 
ed alla primavera sotto T aspetto di un uomo forte e vigo¬ 
roso, dice inoltre, che le feste della morte, e della risur¬ 
rezione del Sole all’equinozio di primavera, si osservano in 
tutte le Sette della Religion del Sole. 

Così gli Egizj celebravano il nascere del Sole nel solstizio 
d’inverno; i Romani celebravano i giuochi solari, o del 
circo nell’ottavo giorno prima delle calende di genuajo, os¬ 
sia alli venticinque dicembre ; i Persiani celebravano la na¬ 
scila del sole chiamato Mitrha nella medesima epoca ; e san 
Giustino dice, clic Mitrha nacque in una grotta, Bacco e 


~<^) foa 


Giove in un antro, e Gesù Cristo in una stalla; così i Ma¬ 
ghi , che vennero ad adorar Gesù Cristo adoravano il Sole, 
ed erano astronomi. Difatti furono avvertiti di tal nascita 
dall’ astronomia ; inoltre questi Maghi avevano altresì la 
vita del Capo della loro religione, la di cui nascila fu an¬ 
nunziata con prodigj ; che fu altresì nella sua infanzia per¬ 
seguitato da un Re; che fuggì per salvarsi in Persia come 
Cristo in Egitto ; che fu altresì tentato dal Diavolo, e perse¬ 
guitato dai Preti. 

Conviene inoltre riflettere, che nella sfera celeste di 
questi Maghi, veniva dipinta una Vergine, che teneva nelle 
braccia un pargoletto chiamato Cristo, o Gesù, che volea 
dire riparatore ; questa costellazione compare sull’orizzonte 
li 25 dicembre a mezzanotte ; ed il Sole, che nel solstizio 
d’inverno si leva nel segno celeste della Vergine , la cir¬ 
conda , ed infiamma co’ suoi raggi nell’ epoca stessa della 
nostra Assunzione, ossia dell’unione della madre col figlio. 

Con simile allegoria, senza mistero d’incarnazione si 
comprende come la Vergine diventi madre senza perdere il 
fiore verginale, e come vada ad unirsi col suo figlio in 
Cielo. 

Così pure il gran Giove, che veniva rappresentato sotto 
forma di montone, o di agnello, fu allevalo da Thevnis uno 
dei nomi della Vergine Celeste; il Dio Bacco simbolo del 
Sole, ed adorato per tale in Grecia, nella Tracia, nell’ 
Asia-minore, nell’India e nell’Arabia, fu allevalo da Ce¬ 
rere ; così il Dio Sommonakodon nacque da una Vergine 
per opera del Sole. 


E 1* istesso S. Girolamo si lagna, che i Pagani celebras¬ 
sero le feste di Adone, e di Mitrila nel luogo stesso dove si 
faceva nascer Cristo. Anzi Tertulliano, uno de primi apo¬ 
logisti Cristiani, accorda che nei primi tempi, in cui questa 
religione passò in occidente, le persone un po illuminate o 
distinte pretendevano , che essa non fosse che una setta 
della religion di Mitrha , e che il Dio de’ Persiani, come 
pure quello de’ Cristiani, si fosse il Sole. 

Per dimostrare inoltre l’analogìa tra le avventure di 
Cristo, nato come il Sole, nel solstizio d’inverno, e trion¬ 
fatore nell’ equinozio di primavera, sotto le forme dell’ 
agnello equinoziale che ristora i mali della terra, osserva 
ancora il Dxqmys, che nell’epoca islessa noi cantiamo l’A- 
gnus Dei qui tallii peccata mundi , che noi accendiamo il 
Cero Pasquale per dimostrare il trionfo della luce; che noi 
consacriamo l’acqua santa, ed il fuoco nuovo ; che noi rin¬ 
noviamo il tutto ne’nostri templi, come appunto tutto al¬ 
lora si rinnova nella natura. 

Egli osserva pure, che noi ad imitazione degli antichi, i 
quali si credevano, che il mondo fosse crealo dall anima 
universale chiamata Spiritus , il quale Spiritus si era la 
luce, hanno i cristiani altresì il Veni Creator Spiritus, ed 
il versetto , in cui Spiritus Dei ferebatur super aquas ; chi! 
aHi marzo, che corrisponde al giorno primo del mese 
Phamcnot degli Egiziani, Gabriele saluta Maria, e le fa 
concepire il Salvatore; ed Osiris fecondava la luna nella 
teologìa Egizia ; che gli antichi chiamavano Bacco e Giove 
col titolo di Salvatore, e che fin d’allora già si credeva, che 


-=© 107 

la divinità suprema in diverse epoche avesse inviati sulla 
terra i suoi figli o nipoti per occuparsi del bene degli uo¬ 
mini ; credevano appunto , che Ercole e Bacco fossero tali; 
difatti dicevano , che Bacco avea fatti de’ grandi miracoli ; 
che sanava gl’infermi ; che nell’ infanzia un Re gli minacciò 
la vita ; che nel suo tempio avea miracolosamente riempiuto 
tre vasi di vino ; che era figlio di Cerere o di Proserpina di 
lei figlia, la quale lo avea concepito ne’ suoi amori col Dio 
supremo metamorfosalo in serpente; che il Sole, ossia 
Apollo, sotto il nome di Horus, tìglio della Vergine Isis, 
era stato perseguitato dal serpente Tiphone ; che Apollo ve¬ 
niva altresì chiamato Salvatore; che ad Atene e Sparta si 
celebravano delle feste di gioia in suo onore nella pienaluua 
di primavera, ossia di marzo; che Ercole simbolo del sole 
per li suoi dodici travagli, che corrispondono esattamente 
ai dodici segni del zodiaco, avea la sua tomba in Cadice, 
dove sì serbavano le di lui ossa, come altresì quelle di 
Giove in Creta; che finalmente malgrado i pretesi miracoli 
oprali da Cristo, noi siamo costretti a ricercare cenlo anni 
dopo nell istorico 7 acito 1’etimologìa del nome cristiano, 
per provare l’esistenza di Cristo. Ved. Cernito, Basilide ee. 

Se mai fu desiderabile la rivelazione celeste, questa si è 
l’occasione, in cui la trovo necessaria, perchè senza di 
quella è impossibile di esternarsi da cotesto laberinto dia¬ 
bolico. 

(46) 

S intende, cioè, il legno di Santa Croce miracoloso, che 
taglialo a scheggie si riproduce, e cresce : Non citerovvi la 



pagina del libro di S. Romualdo, perchè mi fugg 1 (la * la me " 
moria ; posso per altro assicurarvi di aver letto questo mi¬ 
racolo in tale libro casualmente aperto nella Sagrestìa dei 
Monaci dell’ Ereme di Torino. 

(47) 

Oh facilcs nimium, qui (rista crimina cccdis, 
Fluminea tolli posse putalis aqua! 

diceva un Poeta Latino ; ed un Francese disse : 

C’est une dròle de maxime, 

Qu’une lessive efface un crime . 

Così per un simile estro poetico Pierre-de-Bruys inse¬ 
gnava , che non si dovesse dare il battesimo ai fanciulli ; 
condannava l’uso delle chiese, e dei templi, e li faceva 
demolire ; credeva la messa inutile, e ne proibiva la cele¬ 
brazione. Ved . Basnage, Histoire des églises réformees, 
tom. I. 

Così gli Anabattisti pretendono, che il battesimo non 
lavi il peccato originale, e non conferisca la grazia , dicono 
inoltre , che il purgatorio è un sogno , e 1* invocazione dei 
Santi un’ ingiuria fatta a Dio. Ved. Chartron, Bist. des Ana- 
baptistes. 

Così David de Dinant, ed Amami, pretendendo, che il 
regno di Cristo sia fluito, e che ora regni lo Spirito Santo ; 
pretendevano ancora, che gli antichi Sagrameli fossero 
senza virtù, e che perciò non si dovesse amministrare il 
battesimo. 



-=e '«'•> e>- 

Così Lutero , Socino, gli Ariani-Moderni , Teodoto di 
lìisanzio , i Pelagiani, ed anche Sabellio, tulli predicarono 
contro la futilità del battesimo, e non vi fu modo di per¬ 
suaderli , che l’anima tutta spirituale sia tuttavia soggetta 
ad essere contaminata, e che si purghi a guisa delle lenzuola, 
e delle camicie da ogni sua spirituale lordura. 

m 

L’estrema unzione, estremo antidoto contro i rimasugli 
de’ peccati, non è di minore conseguenza del battesimo, 
perchè questi, quantunque specifico perii peccato originale, 
fa altresi del bene al peccato attuale ove vi si trovi; con- 
vien però badare, che egli non agisce che una sol volta sulla 
noslr’ anima (come il vajuolo sul nostro corpo), e che in 
appresso agisce come l’acqua fresca semplicemente, mentre 
l’Olio Santo conserva constantemente la sua virtù; e pre¬ 
vie certe formalità da nulla, importantissime però alla riu¬ 
scita dell’ unzione, lava, purifica, deterge, ed assorbe 
quanto vi può restar d’impuro nell’ anima. Gli Indiani mo¬ 
ribondi attribuiscono l’istessa virtù alla coda di una vacca, 
che stringono fra le mani nell’ estremo , e fatai passaggio. 

(49) 

In tutte le religioni il numero sette e dodici, di cui il 
primo è simbolo de’ sette pianeti, l’altro de’ dodici segni 
celesti, si furono riguardati come sacri ; così erano dodici 
le graudi deità de’ Pagani, dodici gli apostoli, dodici i figli 
di Giacobbe, dodici le Tribù, dodici gli altari di Giano, do¬ 
dici le imprese d’Èrcole, dodici gli scudi di Marte, dodici 


i 


9 




—e© 110 &=— 

i Rettori dell’ universo nel sistema de’ Manichei, dodici le 
porte della città nominata nell’ Apocalisse, dodici li cuscini 
sacri, sopra cui si asside il Dio de’ Giapponesi. 

Sono pur sette i Sagramenti de’ Cristiani, sette li giorni 
della settimana, sette gli Arcangeli de’ Caldei e degli Ebrei, 
sette le torri dell’ antica Bisanzio, sette i pi ani di quella di 
Babilonia, sette le corde della lira d’Apollo, sette le ta¬ 
vole del libro del destino, sette le porte della divina Tebe, 
sette le porle dell’ antro di Mitrila, sette le branche del gran 
candelabro del tempio di Gerusalemme , sette le allegrezze 
de’ Cristiani, sette le opere di misericordia corporali, e 
sette finalmente i peccati, che commette giornalmente ogni 
uom giusto. 

(SO) 

Le distinzioni nel bere, e nel mangiare non sono per 
anco esclusive de' Cristiani ; così un Ebreo, od un prete 
Egizio moriranno piuttosto di fame, prima di cibarsi d ani¬ 
mai porchino ; un prete della Libia crede un eiror nefando 
il mangiar carne di capra ; vi sono degli Assirj, che per 
niun conto possono indursi a gustare carne di piccione, ec. 
ec. Noi Cristiani però dopo 1700 anni siamo superiori a 
tutte queste frivolezze, ed anzi abbrustoliamo vivi tutti 
quelli che vi credono ancora ; ma però guai a quel Cri¬ 
stiano, che in un giorno di Tempora, o Vigilia si bevesse 
un bicchier sol di brodo, si mangiasse un tordo, o fiutasse 
il fumo dell’ arrosto ! immerso costui per una eternità di 
secoli entro caldaje di liquefatto piombo , di acceso zolfo, 
di bitumi, e fiamme, espiando il fa 1,0 > e 1 ingordigia sua, 



servirà di pasto, e di diletto all’ orrendo, ed ignito Sata¬ 
nasso. 

( 51 ) 

Ben prima che comparisse il [cristianesimo, si credeva 
volgarmente, e quasi per tutto il mondo,'che vi fossero 
certe parole, o certi segni capaci di scacciare i diavoli, e le 
malattie. Tal chimera nacque nel famoso tempio d 'Efeso, 
quivi crebbe, e di là si sparse in ogni dove ( Ved . Basnage 
Histoìredes Juifs, lib. 3, cap. 24); prova del che, tali pa¬ 
role chiamaronsi lettere Efesine, od Efesiane, ed Origene 
istesso contro Celso pag. 19 c’insegna che li Sapienti d’E¬ 
gitto , i Maghi di Persia, i Bracmani ed i Samanei dell’Jn- 
die erano persuasi di tal verità; difatti le parole Abra¬ 
cadabra, Abraxas , Adonay, Sabahoth d’appresso l’auto¬ 
rità di S. Epifane all’omelia 36, pag. 160 ; di Clemente 
d’ Alessandria, al lib. 7 ; di Marcellus I)e medicamente 
Empiricis , lib. 21 ; di S. Agostino Tractatus seplimus 
in Joannem, erano specifiche contro ogni sorta di mali, 
e di diavoli. Basilide poi, avendo adottati li principi della 
filosofia piliagorica riguardo alla cabala, ed ai numeri, 
ed osservando , che il Sole compie suo giro in .366 giorni, 
credette questo numero il più grato alla Divinità ; ma sic¬ 
come li numeri venivano allora espressi con lettere dell’ 
alfabeto, ne risultò perciò la parola abraxas ; veggendo 
poi ancora, che li rapporti dei numeri non' soma punto 
arbitrarj , ma necessarj, e che li numeri hanno altresì un 
rapporto coll’ ordine od armonìa dell’ universo, si suppose 
nei numeri una forza capace di muovere l’intelligenza 


suprema, e si cercò quali fossero li numeri piu piace¬ 
voli, e grati all’ Ente supremo, e si scoperse essere il 
3, 1,7, ec. ; tale si è l’origine della cabala. Ved. Paulus 
Berger, Cabalismus Judaico-Chrixlianus ; Joannis Pici Mi¬ 
randola; Conclusiones cabalistica ?; Raucliri, de arte cabali- 
stica ; Venetus , de harmonia totius mundi', Agrippa, de 
occulta philosophia. 

(52) 

1 Giudei da un tempo immemoriale si vantavano di scac¬ 
ciare i diavoli con la radice di un’ erba chiamata liarath 
messa sotto al naso. 

(53) 

La scoperta dell’ importanza ed utilità delle Rogazioni, si 
deve interamente a S. Mamert, Fripier à Pontoise, e poi 
Curalo di S. Thomas du Louvre, e poi Vescovo di Babilonia ; 
prima di questo Santo la fecondità de’ campi, e della rac¬ 
colta si abbandonava alla grande provvidenza di Dio, e nis- 
suno s’immaginava certamente, che l’acqua santa unita a 
qualche parola masticata fra i denti, avesse tanta forza da 
scacciare i fulmini, i topi, le nuvole, le locuste e le tem¬ 
peste. 

(54) 

Ognuno conosce l’antichità dell’ esorcismo, talmentechè 
pare, che ei sia nato all’ epoca stessa, in cui il diavolo sortì 
dal guscio ; per tal effetto gli Ebrei avevano degli Esorcisti 
(F. le antichità giudaiche, lib. 8 , c. 22) ; anzi san Gerolamo 
al lib. 2, cap. 6, num. 2, pag. 122 dice, che vi riuscivano 
benissimo. 



m @5- 


L’iinperator Valentiniano fece morire una donna, perchè 
guariva le febbri intermittenti con parole, e fece tagliar la 
testa ad un garzone che pretendeva guarire l’epilepsia con 
sette lettere dell’ alfabeto. Le Sacerdotesse dell' isola For¬ 
mosa hanno la riputazione di scacciare i Diavoli (F. Candi¬ 
dili de la Compagnie des Indes, tom. 2, p. 207). Cosi l’a¬ 
sina di san Rieul scacciava i Diavoli facendo colla zampa ^ 
segno della croce nella polvere. I Chinesi hanno dei Monaci 
esorcizzanti (F. Vambassade des Hollandais au Japon , 
pag. 1 09 ; Chavagnas, Recueil de lettres édifiantes,pag. 346). 
Tertullianus de spectaeulis ì gap. 29 dice, che si debbono far 
morire i Cristiani, che non si sentono capaci di farsi rispon¬ 
dere dal Diavolo interrogandolo. Origine, pag. 20, 133, 
261, 534, dice che anche i perversi pronunciando inavver- 
lentemente il nome di Gesù Cristo, scacciavano i Demonj. 
Così Arnobius, pag. 27, Eusebius, demonstrationes evange¬ 
lica, lib. 3, p. 132 ; Gregorius Nazianz , N. 3, pag. 76,77 ; 
S. Hieronymus, epist. 44, ad Marcellum, tom. 4, pag. 550; 
Baltus, répome à Vhistoire des oracles, P. 3, pag. 314, fon¬ 
dano ed appoggiano tutti sull’ esorcismo la verità e divinità 
di nostra cattolica Religione. 

(55) 

Non è carattere distintivo dei Cristiani il soffrire dei tor¬ 
menti, delle privazioni, e la morte per diventar grati a Dio, 
per placare la sua collera, per essere zelanti nella sua reli¬ 
gione : mentre Lucas ci racconta esservi dei Turchi, i quali 
dopo di aver fatto il pellegrinaggio della Mecca, si crepano 
da per sè stessi gli occhi, per non più imbrattarli con degli 






sguardi impuri; egli dice d’averne veduto uno a Rosella 
(F. voyage de Lucas en 1714, pag. 190). Fuvvi altresì fra 
li Cristiani una setta chiamata dei flagellanti, i quali attri¬ 
buivano alla fustigazione, così chiamata disciplina , maggiore 
efficacia, che ai sagramenli stessi. 

(56) 

Fuvvi una setta d’eresiarchi chiamali passalorinchitcs, 
i quali pensavano di salvarsi osservando un perpetuo silen¬ 
zio. Sul qual proposito disse un Poeta : 

Plus aloes quam mellis habent in pectore tales, 

Quos Sanctis similes simplicilate putes. 

(57) 

Se l’angelo Lucifero diventalo demonio, punito dalla 
divina destra, e confinato negli inferni, non depose finora 
le armi ribelli, e dimostrasi più potente ed astuto dello 
stesso Cristo; se l’uonio creato innocente da Dio, di là ad 
un’ ora diventa preda del diavolo; se Iddio con l’universale 
diluvio non potè tuttavia annegare il peccato ; se malgrado 
che siasi deciso di venire egli stesso in terra per far duello 
col diavolo, tuttavia non potè ritornarsene vincitore; mentre 
fra cento giusti appena un solo si può salvare; tutto questo 
dimostra, che la potenza del diavolo, ossia spirito maligno, 
è tuttavia cento volle più grande della divina : quindi non 
devesi imputare a nostra colpa, se noi precipitiamo a turine 
nella bufera orrenda di Belzebulte ; ma bensì all indispen¬ 
sabile necessità di cedere al più forte, che li strascina. 



-<§ i"is @>- 

(58) 

Se l’uomo moribondo, od anche dormiente può offen¬ 
dere il suo Dio, che lo lascia peccare espressamente ; se il 
numero degli eletti è così scarso; se così pochi ottengono la 
grazia di poter operar il bene : ne segue, che la totalità del 
genere umano, pochi eccettuati, travagli continuamente ad 
offendere, e far soffrire il suo Dio Creatore, il quale in tal 
caso sarebbe un Ente mille volte più infelice dell’ uomo, e 
degli animali stessi. 

(59) 

Quanta sia la predilezione della Beala Vergine verso li 
suoi devoti fedeli, e quanti sian pure gli sforzi, che essa fa 
tutto-giorno per condurre in Paradiso con essa gli adora¬ 
tori della sua immagine, si può Porgere dal seguente fatto 
rapportato nell’ istoria dell’ Accademia delle inscrizioni e 
belle lettere di Parigi al tom. 18, in cui trovasi, che un Mo¬ 
naco vegnente dal far la cosa brutta , ed annegatosi nell' at¬ 
traversar un torrente, comparvero tosto due Diavoli per in¬ 
tascarsi l’anima; ma sul punto stesso arrivarono pure due 
Àngioli per rivendicarla come Cristiana. Nacque la zufla, ed 
i Diavoli allora così dissero : non è una favola , che il Si¬ 
gnore sia morto per li suoi amici ; ma sto Frate è suo ne¬ 
mico, mentre egli è ancora sozzo dello peccato nero, che ei 
vien di commettere ; gli Angioli soggiunsero, che essendo 
un divoto della B. Vergine, volevano che fosse giudicato da 
quella. Allor risposero ancora i Diavoli : se voi volete pren¬ 
dere il Signore per Giudice, così va benissimo, ma noi della. 
Madonna non ne vogliamo sapere, perchè questa Signora 



è incapace di far giustìzia ; ella spezzerebbe le porte dell’ 
inferno stesso, per salvare chiunque in vita avesse fatto la 
riverenza ad una sua immagine. 

Torna pur quivi a proposito un’ istorietta sentita da un 
mio amico, il quale dissemi, che facendo il panegirico della 
Madonna un Frate scalzo, provinciale emerito, questi nel 
furore di sua declamazione disse, che tanto era il poter della 
Madonna ed il credito, che si godeva in Paradiso, che vo¬ 
lendo, essa potrebbe cavare un’ anima dell’ inferno stesso; 
(ma accortosi dello zelante sbaglio, soggiunse tosto il Frate) : 
la qual anima però vi fosse condannala a torto. 

(60) 

Non si deve rispondere, che se li dogmi del Cristiane¬ 
simo sono assurdi, la morale Cristiana è buona ; perchè 
tutto quello che vi si trova di buono non appartiene punto 
ai Cristiani, ma bensì agli antichi Filosofi, i quali, quantun¬ 
que ci sembri sorprendente, tuttavia conviene confessare, 
che ebbero le più sane idee sulla spiritualità, immortalità, e 
divinità dell’ anima (come ne convengono i Padri stessi della 
Chiesa) ; ed anzi senza alcun principio di rivelazione ebbero 
da per sè stessi la più esalta conoscenza dei primi e più su¬ 
blimi principii della morale, e dei doveri dell uomo verso 
Dio, come lo afferma S. Agostino tom . 3, lib. 2, cap. 40, 
p. 40 de doctrina Christi, il quale soggiunse poi essere im¬ 
possibile, che li Pagani abbiano la menoma virtù. 

Cresce ancora lo stupore veggendo, che i libri mortali dei 
Chinesi, dei Giapponesi, dei Filosofi di Siam, contengano i 
più gran principii della morale, e siansi in questa scienza 



avanzati egualmente che noi Cristiani; anzi quelli di Siam 
nella loro legge composta di 200 articoli abbiano preso il 
passo, e si accordino colle massiine più sublimi e diffìcili 
della morale evangelica. 

Su tal condizione appunto dobbiam sentire con nostro 
rossore, che il viaggiatore Kempher, il quale visitò il Giap¬ 
pone, dica nella storia di questo Regno al lib. 3, cap. 2, che 
la nazione Giapponese somministra una prova evidente, che 
li soli lumi della Ragione, e le savie leggi d’ un Magistrato 
possono dirigere e condurre i popoli alla virtù, e conservare 
loro la purità del cuore. Così pure mi fa onta in sentire, 
che Lattanzio de vita beata abbia pur detto, che se si rac- 
cogliessero tutte le verità dette dagli antichi Filosofi, si ver¬ 
rebbe a formare un corpo di dottrina in lutto conforme ai 
principii della Religion Cristiana ; e finalmente, che il poeta 
nostro Morelli nel suo bel Poemetto della Vestale, abbia pure 
osato paragonare gli antichi Eroi di Roma coi divoli Romani 
d’oggigiorno nei seguenti versi : 

« Dunque gii antichi Eroi Latini e Greci, 

.< Perchè vissuti in altra religione, 

« Stati saran mariuoli o lavaceci? 

« Dunque Licurgo, Socrate, Platone, 

« 1 Camilli, gli Emili, i Muzj, i Deci, 

« Tutta gente da marmi e da medaglia, 

« Oserete voi dir che erau canaglia? 

(61) 

Se la credenza universale, l’erezione de’Templi, e le 


feste celebrale nella nostra Religione, ne provano la di lei 
verità, egli è fuor di dubbio, che Marte, che Diana, che 
Cerere abbiano veramente esistito, quantunque adesso siano 
morti alla grazia: egli è certo ancora, che Castore e Polluce 
hanno veramente combattuto per i Romani, e via dicendo. 
Così perchè furono piantate delle colonne, che mostrano il 
luogo dove passò S. Dionigi portando la sua testa in mano, 
saremo dunque obbligali a credere, che egli l’abbia vera¬ 
mente portata? Così perchè S. Agostino dice di aver veduta 
una nazione d’uomini, i quali avevano i loro occhi nel mezzo 
dello stomaco, avremo noi dunque tanta buona fede per cre¬ 
dere alle faribole di questo Santo? 

(62) 

Essendo cosa dimostrala, e fuori d’ogui dubbio, che lo 
Spirito Santo abbia presieduto e presieda sempre a tutte le 
operazioni della sua Chiesa Cattolica; resta tuttavia interes¬ 
sante il vedere, come egli sia capriccioso ne’ suoi decreti : e 
difatti un Canone del Concilio di Laodicea dichiara scomu¬ 
nicato chiunque pregherà, o saluterà gli Angioli (prova de) 
che S. Epilàne lacerava tutte le immagini della Madonna, e 
dei Santi); e poi il Concilio di Trento comanda appunto il 
viceversa. II Concilio di JNicea nel 325 decretò la consub- 
stauzialilà del Figlio col Padre, mentre li Concili! di Rimini, 
e di Seleucia radunati nel 359, e numerosi di 600 e più 
Vescovi la proscrissero ; ed il Concilio di Costantinopoli ne* 
581 anatematizzò nuovamente il Concilio di Rimini. 11 Con¬ 
cilio d’Efeso nel 440 anatematizzò le due nature in G. C., 
c quello di Caledonia nel 451 confermò c stabilì le due ua- 








iure; Così Maria non fu dichiarala madre di Dio, che nell’ 
anni» 431. Le due volontà in G. C. non furono riconosciute 
che nel Concilio di Costantinopoli del 688; la Chiesa Ro¬ 
mana non riconobbe il dogma, che lo Spirito Santo proceda 
dal Padre, e dal Figlio se non dopo Carlo-Magno. 

Ma siccome avanti al Creator de’ secoli, questi sbaglj di 
data nella cognizione della verità non contano un minuto; 
essi così debbono neppure avere alcun peso presso di un 
fedele armato del telescopio della Fede. 

(63) 

Dal Concilio primo di Nicea fino a quel di Trento, la Re¬ 
ligione è stata modificata, cangiata, e corretta più di cin¬ 
quanta volle. 

(64) 

Macedonio Vescovo di Costantinopoli, riconobbe la di¬ 
vinità del Verbo negata dagli Ariani, e negò per compenso 
la divinità del Santo Spirito, dicendo, che in nissun luogo 
della Scrittura lo Spirito Santo viene chiamalo Dio, e che 
ivi trovasi neppure la parola Trinità; anzi ci aggiunge, che 
G. C. insegnò che per conoscere la vita eterna, basta cono¬ 
scere il Padre ed il Figlio. 

(65) 

Gli Ariani moderni pretendono, che la consubstanzialilà 
del Verbo sia una questione problematica : altri fra di essi 
la credono un errore pernicioso, ed ammettendo resistenza 
della Triade, sostengono, che il padre solo si è la sostanza 
necessaria, ossia la causa suprema, soggiungendo, che il 



-=§ <20 §=- 

Figlio procedendo dal Padre non può essere indipendente, e 
per conseguenza non può esser Dio ; lo stesso dicono ancora 
dello Spirito Santo, il quale procede poi ancora dal Figlio, 
onde ne deducono, che essi esistono, ma inoperosi ed im¬ 
potenti. 

Così Abelardo nella sua Teologia Cristiana pretende, che 
il Padre Eterno sia la piena Potenza, il Figlio qualche Po¬ 
tenza , e lo Spirito Santo niente affatto; anzi che sia nep¬ 
pure della medesima sostanza del Padre e del Figlio quan¬ 
tunque consubstanziale a questi. 

( 66 ) 

Roxelinus insegnò, che le tre persone erano tre cose di¬ 
stinte, come il sarebbono tre Angioli, le quali però face¬ 
vano un Dio solo, perchè avevano tutte e tre la stessa vo¬ 
lontà ; così li Triteisti suppongono, che le tre persone di¬ 
vine siano tre sostanze distinte. 

Paolo di Samosate disse, che le tre persone non erano 
già tre Dei distinti, ma bensì tre attributi, sotto li quali la 
divinità si era manifestata. 

Socino dicendo, che G. C. non era, che un Figlio di Dio 
adottivo, negò la Trinità, come pure la presenza dell’ uma¬ 
nità, e della divinità nell’Eucaristia, dicendo, che queste 
erano favole dell’immaginazione. 

Praxea sostenne, che non vi era in Dio che una Persona 
sola, così pure Sabellio ; i discepoli di Eschines, setta di 
Montanisti, confusero altresì le persone della Trinità. 

(67) 

Nesiorio negava l’unione ìpostatica del Verbo colla uà-* 






-<& t2I 


tura umana, e supponeva due persone distinte nel corpo di 
G. C., cioè egli non ammetteva che una unione morale tra 
il Verbo e la natura umana; e d’accordo con Teodoto di 
Mopsueste , pretendeva, che se il Verbo si fosse ipostatica- 
mente unito alla natura umana, in modo che non vi restasse 
che una sola persona, si avrebbe allora avuto un Dio di tre 
mesi, un Dio ammalato, un Dio alla seggetta e simili. Ycd. 
Cirillus epistola ad Ccelestium. 

Li Giacchiti all’incontro non riconoscendo che una sola 
natura in G. C. non vollero perciò credere, che le nature 
divina ed umana si fossero confuse una nell’ altra ; essi adot¬ 
tarono su questo proposito il sistema dell’ impanazione. Ved. 
Assemann Bibl. Orientai tomQ. 

A questi vi si aggiunge poi Eutiches, il quale tutt’all’ 
incontro non ammetteva che una sola natura in G. C., la 
quale si fosse come neutra, dicendo, che la natura umana 
era stata assorbita dall’ immensità della divina. V. la hi- 
bliothèque de Photius : Gelasius de duah. naturis. 

( 68 ) 

Berengarius diametralmente opposto al sistema di Pasca~ 
sio, di cui in appreso, negò a dirittura la transubstanzia- 
zione, e disse, che il Verbo poteva benissimo unirsi al pane 
ed al vino ; ma che questi non cambiava assolutamente di 
natura, e che restavano non già corpo e sangue di Cristo, 
ina bensì pane e vino mescolati, amalgamati colla divinità. 
y. La-Roque, histoire de VEucarist., P.I,c. 702. 

Rasnage, hist. des Eglises réformées , lom i,lib. 5, cap. S 
pag. 105. 



-=$ <22 

Se Berengario ha ammesso, che la Divinità potesse unirsi 
al pane ed al vino; i suoi discepoli all'incontro sostennero 
ciò essere impossibile, e pretesero, che non fosse che la 
figura del facietis in nomine meo, soggiungendo essi, che 
mai il corpo di G. C., alto per lo meno 40 pollici, potrebbe 
stare in un pezzo di pane; e credettero altresì impossibile, 
che Tistesso Dio e ristesso cor^o che sta in Cielo, possa 
trovarsi in mille luoghi differenti all’ora istessa. Pretesero 
finalmente ancora, che fosse un distruggere la Religione il 
voler far credere, che un Dio eterno ed infinito possa di¬ 
ventar pane, e viceversa che un pezzo di pane potesse di¬ 
ventar Dio. Vid. Abbadie Réflcxiom sur la présence réclle ; 
Traile de la Religion reformée, tom. 1 sect. Rèflex, an- 
ciennes et nouvelles sur V Eucaristie ; Berengarius apud 
Lanfranc. 

(69) 

Pascasio portava il suo ragionamento a segno di preten¬ 
dere, che nell’Eucaristia non siavi solo la trasmutazione, l a 
Iransubstanziazione del vino e del pane in corpo reale e vero 
dt G. C., cioè che il pane ed il vino diventi semplicemente 
Dio; ma pretese, che l’ostia, la quale potrà pesare due o 
tre grana, si fosse l’istesso, l’istessissimo corpo, che nacque 
da Maria, che visse 33 anni, che fu crocefisso, e che risuscitò 
glorioso, ed il quale pesava per lo meno cento libbre di 
Piemonte. 

(70) 

Il Gesuita Sanchez, che nella sua Summa Theo logica vuol 


123 &>-- 


sapere, se lo Spirito Santo quando adumbramt cani abbia 
avuto un piacere veramente carnale, et ut rum semen emise- 
rit, nec nc? e se Maria quoque emisisset? meriterebbe che 
un demonio incubo venisse ad impregnarlo col suo membro 
ardente. S. Agostino almeno disse, che Angelus impregna¬ 
mi Maria per aurem. Questa sodomia auriculare è andata 
in disuso. 

(71) 

Cerinto contemporaneo degli Apostoli, e Basilide disce¬ 
polo di Ciancia, interprete di san Pietro, adottarono non 
solo il sistema delle emanazioni de’ Manichei e de’ Caldei, 
ma non vollero mai credere, che la piena possanza della 
Divinità sia nata da Maria nè che abbia sotferii i martirj della 
passione. Vedi Euseb. hist. eecles. lib. 3 c. 28 ; Loke Chris- 
tianisme raisonnable. 

11 dottor Bury dice, che nei tempi di san Giustino si ri¬ 
guardarono come veri Cristiani quelli, che pensavano, che 
G. C. fosse un uomo nato da un uomo. V.Bibliolhèqueuni- 
verselle tom. 19, pag. 391 ; Basuage Annal. politico-eccle- 
siasl. tom. 2 pag. 664 ; Epiplianes hwres. 69 ; s. Athana- 
sius tom , 1 pag. 635. 

Paolo di Samosate ancora dice, che G. C. non era già un 
Dio, ma bensì un uomo, a cui la divina sapienza si era co¬ 
municata estraordinariamente. V. Epiphan. heres. 65. 

Socino, come pure Praccea e Sabellio sostennero, che C. 
(ì, uoir era tìglio di Dio che per adozione. 

Felice, Vescovo di Urgel, insegnò, che Gesù Cristo se¬ 
condo la natura umana non era che un tiglio adottivo. 



Tcodoto di Bisanzio sostenne, che G. C. non era che un 
uomo. F. Theodoret. hcereticorum fàbulce lib . 2 c. 5 : Gu- 
sebius hist: eccl. lib. 4 c. 28. 

Gli Anabattisti sostengono, che G. C. non era un Dio, ma 
bensì un Profeta. F. Carron histoirc des Anabaptistes. 

Gli Antimariani (Antidico-marìnitcs) negando la vergi¬ 
nità della Madonna, pretesero, che essa abbia avuti degli 
altri fìglj da Giuseppe : mentre nel vangelo vien detto, che 
G. C. avea de’ fratelli : negavano per conseguenza la divi¬ 
nità del Verbo. F. Helvidius. 

(72) 

David de Dinant adottò il sistema di A inauri, il quale 
voleva, che Dio padre si fosse già prima incarnato nel corpo 
d’Àbramo, e che poi il figlio siasi incarnato nel corpo di 
G. C. : soggiungeva ancora, che il regno del Cristo è già 
finito, e che è arrivato quello dello Spirilo Santo : onde 
egli ne deduceva la conseguenza, che gli antichi Sagramenii 
dovessero essere senza efficacia, e che conveniva sostituirne 
dei nuovi. F. d’Argenlré Collection Judaiq ., 1. 1. 

(73) 

Apollinano , Vescovo di Laodicea, disse, che G. C. in¬ 
carnandosi avea preso un corpo limano solamente, ma che 
non aveva presa anima umana, oppure che l’anima umana 
alla quale si fosse unito il Verbo, non fosse nè ragionevole, 
nè intelligente, ma soltanto sensitiva o vegetativa, e che la 
Divinità stessa tenesse luogo d’anima in quel corpo ; onde 
egli crede, che la Divinità abbia altresì sofferto dei tormenti 



las 

della passione. F. Theol. dialoy. de incomprensibili Dei 
natura. 

Li Monoteliti conoscevano altresì un sol principio attivo, 
ed una sola volontà in G. C., e tenendo per base il dogma 
dell’unità personale decretata dalla Chiesa, trovaronsi im¬ 
barazzati nel supporre due Intelligenze, e due volontà di¬ 
stinte, senza supporre altresì due persone : così non ammi¬ 
sero in G. C. che una sola anima ed una sola volontà. Fi d. 
Damascena de duabus in Christo voluntatibus. 

(74) 

11 già citato Macedonio, il quale negò la divinità del Santo 
Spirito, pretese ancora che il Paracielo non essendo gene¬ 
rato da alcuno, egli non sia punto diverso dal padre; che 
se poi egli è stato veramente generato dal padre, egli crede, 
che non debba differire in niente dal figlio ; che se poi que¬ 
sto Paracleto è stato veramente generato dal Verbo, allora 
egli conchiude, che debba esservi un Dio avo e nonno, ed 
un Dio nipote, ossia petit-fils. Socino, Clarke, Wiston adot¬ 
tarono lo stesso errore. F. Greg. Nazianz. orat. 44. 

(75) 

Euphrates ammetteva e riconosceva tre Padri eterni, tre 
Figli, e tre Paracleli. F. Hardonius de triplici baptismo. 

(76) 

1 seguaci di Montan facevano distinzione tra lo Spirilo 
Santo, ed il Paracleto. 

(77) 

Abelardo fra le quattordici sue proposizioni eretiche so- 





-=© l'26 

stenne, che Io Spirito Santo non è della sostanza istessa del 
Padre, e del Figlio; ma bensì, che egli sia l’anima del 
mondo. V. Thesaurus anegdotorum del P. Martin. 

(78) 

Hydro-Offrastes, nome dato agli Encralisti, i quali non 
offerivano che dell’ acqua nell’ Eucaristìa. 

(79) 

^ Artho-Tyrìtes, Setta di Moutanisti, i quali offrivano nell’ 
Eucaristia del pane, e del formaggio. V. Epiphan. hceres. 42. 

(80) 

Gli stessi accordavano il grado Episcopale alle donne, e 
ciò probabilmente dietro l’avviso di S. Gerolamo, il quale 
dice, che le femmine sono gli slromenli i più alti a propa¬ 
gare una Setta, perchè la loro leggierezza fa, che esse s’in- 
capriccino facilmente delle novità; la loro ignoranza le 
rende credule, il loro cicalio fa, che esse spargano facil¬ 
mente le opinioni, di cui esse si sono imbevute. 

(81) 

Gli ElcesaiH si credevano, che lo Spirito S. fosse fem¬ 
mina. V. Epiphan. hwres. 29. 

(82) 

Gli Antitrinitari si suddividono in due Sette, cioè in 
Umtarj, e Triteisti: i primi sostengono, che le tre persone 
non siano che tre nomi della stessa cosa, cioè sinonimi, e 
gli altri pretendono, che esse siano tre sostanze distinte. 

Cosi Sabelius, Praxeas, Sereet, Socinus, Noet scrivendo 



contro li Triteisti Montano ed Eufrates, pretesero che la 
rivelazione, e la ragione non permettendo di supporre più 
sostanze divine, nè di riunire in una sola persona, ed in 
una sostanza semplice tre persone essenzialmente distinte; 
perciò dissero, che il Verbo, ed il Paraeleto non sono per¬ 
sone distinte, ma bensì nomi vari dati all’ istessa sostanza 
divina secondo il vario suo modo d’agire ; così Dio facendo 
dei decreti si chiamerà Padre; Dio, che s’incarna, e viene 
sulla terra si chiamerà Verbo ; Dio penetrando le anime, si 
dirà Paracielo. F. Theodoret. luercticor. fab ., lib. 2, cap. 9, 

(83) 

Noci disse, che non vi esisteva che una sola persona in 
Dìo, la quale cangiava tuttavia di nome. 

(84) 

Stercoranisti venivano chiamati questi Settarj, i quali 
pretendevano, che il viatico potesse essere digerito (F. Ma- 
billou). Questi erano un ramo dei SacrameMarj, i quali 
negavano la presenza di Gesù Cristo nell’ Eucaristia, perchè 
sembrava loro impossibile, che potesse trovarsi in tanti luo¬ 
ghi e contemporaneamente; mentre all'incontro gli Ubì- 
quitarj , setta di Luterani, credevano, che in conseguenza 
dell’ unione ipostatica, il corpo umano di Gesù Cristo debba 
altresì trovarsi dappertutto dove la Divinità si trova. 

(85) 

Sarebbe veramente labor ìmpróbus il mio, qualora io vo¬ 
lessi nel tenue volumetto di mie annotazioni esporre in 
iscena la catastrofe dei delirj sognati dai Teologi e Settarj ; 


-ag 128 


e di fa ili quando vi avrò ancora della la follia degli Adamiti, 
che si mettevano nudi avanti alla Divinità per imitare cosi la 
nudità d Adamo ; quella dei Theopascites , ossia Passionali, 
che pretendevano, che la Divinità stessa sia stata crocefìssa, 
e che il Padre Eterno abbia sofferto ; quella degli Albigesi, 
i quali dicono, che Lucifero era figlio di Dio, il quale es¬ 
sendo stato caccialo dal Cielo, avea creato questo mondo 
sopra del quale egli regnava; e che per ristabilire al fine V 
armonia, il Padre Eterno abbia dovuto creare un secondo 
figlio, cioè Gesù Cristo per mandarlo su questa terra a sal¬ 
vare gli uomini; quella di Lollard, il quale pretende, che 
Lucifero essendo stato ingiustamente cacciato dal Cielo, 
debba rientrarvi un giorno trionfante al suo posto; quella 
di Retorio, il quale pretende, che gli uomini possano mai 
ingannarsi, e che abbiano sempre ragione; quella di Apelle, 
il quale insegnava, che Gesù Cristo per incarnarsi, siasi for¬ 
mato il corpo con altrettante porzioni di materia empirea 
rubata dai Cieli, che dovette attraversare pervenire su questa 
terra, e che ritornando in Paradiso gli abbia poi restituiti, 
ec., ec. Quando, come dissi, avrete letto amici miei questo 
compendio ne più insigni aborti della ragione umana, voi 
non conoscerete ancora che un abozzo di quanti mai esis¬ 
tono nell'immensa mole dei libri teologici. 

( 86 ) 

Papa Gregorio detto il Grande, era cosi accanito contro 
le belle lettere, che gettava al fuoco qualunque libro gli ve¬ 
nisse nelle mani. Quanta occupazione avrebbe questo santo 


-s© <28 

Padre, se risusciiando volesse liberarci dall’infinita mole 
dei libri ascetici e teologici, facendone lauti Aulo-da-Fè ! 

(87) 

Salomone il successore di Davide; quel modello di Santa 
Chiesa, che per promuovere lo spirito di castità, di purità, 
di continenza, aveva trecento mogli, e settecento concubine 
al suo comando ; quegli che in obbedienza del precetto, che 
vieta- di ammazzare, che consiglia ad obbliar le ingiurie, e 
perdonare ai nemici, fece scannare Adonias suo fratello al 
piè dell’altare stesso, che egli abbracciava implorando il 
perdono e la vita ; quest’ impudico autore della Cantica volle 
certamente seguire le pedate del suo gran padre Davidde , il 
divin Profeta, l’uom santo per eccellenza, il quale tuttavia 
fece assassinare il figlio di Jonathas suo amico, Uviah , ma¬ 
rito di Bersabea, Joab suo generale, e Semei suo consigliere: 
e ciò probabilmente per inspirazione divina. 

( 88 ) 

Gli Egiziani ridevano sicuramente quando vedevano sugli 
altari delle scimie e dei gatti loro deità; ma ridendo, vi si 
prostravano avanti con buona fede e riverenza. Così, per 
quanto ridicoli siano gl’ idoli e le cerimonie della Chiesa 
Romana ; per quanto il mondo ne senta 1’ assurdità quando 
rientra in sè stesso , tuttavia si prostra innanzi a quelli, li 
venera, li adora, e scanna senza pietà tutti quelli che hanno 
l’ardire di dubitarne, e di negarvi ossequio. 

( 89 ) 

Al Pegù quando i preti o sacerdoti predicono la morte a 



—450 

qualche infermo, è riputato a delitto il guarire di tale malat¬ 
tia, ed il convalescente resta odiato e schivato da tutti i suoi 
conoscenti, i quali dicono, che se egli fosse veramente buono, 
Iddio l’avrebbe accettato in sua compagnia. 

Diodoro racconta, che nell’Etiopia i sacerdoti di Merco 
ordinavano a loro talento al Ile di cessar di vivere, ed era 
mestieri, ch’egli si uccidesse, se non voleva essere ucciso 
dal popolo. 

(90) 

Sia forza d abitudine, sia mancanza di grazia o che so io, 
tuttavia i figli di Dio quantunque rigenerati, ubbidiscono 
piuttosto alla Legge di gravità, che al desiderio del Crea¬ 
tore, e se ne vanno capitomboli a ciurme a ciurme verso il 
centro della terra, dove cocente schiudesi 1’ orribil Bufera di 
Satanasso ; ragione per cui furono condannati i Semipela- 
giani 7 i quali predicavano, che noi dovevamo essere tutti 
salvi, come altresì i Gettili, ed i Gar amanti 7 perchè G. C. 
aveva versato il suo sangue, ed era morto per far risuscitare 
indistintamente lutti i suoi figlj, gli uomini; ma Innocente 
X nel 4665 finì di dare 1 ultimo tracollo alla specie umana, 
dicendo, che tal proposizione era empia, eretica , bestem— 
miosa ed ingiuriosa alla misericordia di Dio. Alessandro 
VII con due Brevi confermò il decreto d’Innocenzo. Se questo 
è vero , resta inutile il precetto di sperare, e confidare in 
Dio: ma tuttavia melius est abundare.- 


(94) 


Non deve sorprendere, che S. Orsola abbia trovate e re- 


cimale undici mila-Vergini ; mentre gli Ebrei assassinando i 
Madianiti, ne trovarono e presero trenta due mila, con ses- 
sant’un mila asini, i quali non meno che le zitelle furono 
divisi a metà tra i Sacerdoti ed i Soldati. 

1/infaticabil zelo de’Sacerdoti nel coltivare la vigna di 
Cristo, si fu certamente, ed è luti’ ora mantenuto dalla sim¬ 
patìa religiosa che essi conservano per li vasi di predilezione, 
di cui parla la Cantica de’ Cantici. 

(92) 

Voltaire apporta in citazione l’autorità di S. Ireneo, il 
quale pretende, che in Paradiso si beva del vino. Quantun¬ 
que appartenga alla rivelazione codesta idea, tuttavia con¬ 
corda con quanto scrìve S. Gerolamo devino rubro et albo; 
e S. Crisostomo, de vineis ; e quello che mi lascia credere, 
che in Paradiso se ne beva veramente, si è il vedere il Signore 

ìstesso, che s’incontra in un’osteria con Mosè, e quindi ri¬ 
pete ancora 1’ istessa scena alle nozze di Cana, dove s’asso¬ 
cia con degli ubriachi (ilcap. 2. vers, 10, dice inebriati)^ 
ai quali ei cangia ancora l’acqua in vino per finire di ubria¬ 
carli. 

(95) 

Bonifacio, inviato d’Alemagna, avendo consultato Papa 
Gregorio II, per sapere in qual caso un marito possa avere 
due mogli; nell’anno 4726 alli 22 novembre il suddetto 
Papa rispose, che se la donna sia attaccata da una malattia, 
per cui sia poco atta al dovere coniugale, il manto possa 
unirsi ad un’altra, mediante presti i dovuti soccorsi all 
inferma. 




—450 

qualche infermo, è riputato a delitto il guarire di tale malat¬ 
tia, ed il convalescente resta odiato e schivato da tutti i suoi 
conoscenti, i quali dicono, che se egli fosse veramente buono, 
Iddio l’avrebbe accettato in sua compagnia. 

Diodoro racconta, che nell’Etiopia i sacerdoti di Merco 
ordinavano a loro talento al Ile di cessar di vivere, ed era 
mestieri, ch’egli si uccidesse, se non voleva essere ucciso 
dal popolo. 

(90) 

Sia forza d abitudine, sia mancanza di grazia o che so io, 
tuttavia i figli di Dio quantunque rigenerati, ubbidiscono 
piuttosto alla Legge di gravità, che al desiderio del Crea¬ 
tore, e se ne vanno capitomboli a ciurme a ciurme verso il 
centro della terra, dove cocente schiudesi 1’ orribil Bufera di 
Satanasso ; ragione per cui furono condannati i Semipela- 
giani 7 i quali predicavano, che noi dovevamo essere tutti 
salvi, come altresì i Gettili, ed i Gar amanti 7 perchè G. C. 
aveva versato il suo sangue, ed era morto per far risuscitare 
indistintamente lutti i suoi figlj, gli uomini; ma Innocente 
X nel 4665 finì di dare 1 ultimo tracollo alla specie umana, 
dicendo, che tal proposizione era empia, eretica , bestem— 
miosa ed ingiuriosa alla misericordia di Dio. Alessandro 
VII con due Brevi confermò il decreto d’Innocenzo. Se questo 
è vero , resta inutile il precetto di sperare, e confidare in 
Dio: ma tuttavia melius est abundare.- 


(94) 


Non deve sorprendere, che S. Orsola abbia trovate e re- 


cimale undici mila-Vergini ; mentre gli Ebrei assassinando i 
Madianiti, ne trovarono e presero trenta due mila, con ses- 
sant’un mila asini, i quali non meno che le zitelle furono 
divisi a metà tra i Sacerdoti ed i Soldati. 

1/infaticabil zelo de’Sacerdoti nel coltivare la vigna di 
Cristo, si fu certamente, ed è luti’ ora mantenuto dalla sim¬ 
patìa religiosa che essi conservano per li vasi di predilezione, 
di cui parla la Cantica de’ Cantici. 

(92) 

Voltaire apporta in citazione l’autorità di S. Ireneo, il 
quale pretende, che in Paradiso si beva del vino. Quantun¬ 
que appartenga alla rivelazione codesta idea, tuttavia con¬ 
corda con quanto scrìve S. Gerolamo devino rubro et albo; 
e S. Crisostomo, de vineis ; e quello che mi lascia credere, 
che in Paradiso se ne beva veramente, si è il vedere il Signore 

ìstesso, che s’incontra in un’osteria con Mosè, e quindi ri¬ 
pete ancora 1’ istessa scena alle nozze di Cana, dove s’asso¬ 
cia con degli ubriachi (ilcap. 2. vers, 10, dice inebriati)^ 
ai quali ei cangia ancora l’acqua in vino per finire di ubria¬ 
carli. 

(95) 

Bonifacio, inviato d’Alemagna, avendo consultato Papa 
Gregorio II, per sapere in qual caso un marito possa avere 
due mogli; nell’anno 4726 alli 22 novembre il suddetto 
Papa rispose, che se la donna sia attaccata da una malattia, 
per cui sia poco atta al dovere coniugale, il manto possa 
unirsi ad un’altra, mediante presti i dovuti soccorsi all 
inferma. 




-<$ M $>-■ 


(94) 

j>/?\ d’Alambert distingue cinque sorta di morale, quella 
cioè dell’Uomo, quella del Legislatore, quella delle Na¬ 
zioni, del Cittadino, e del Filosofo : io vi aggiungerei quella 
Sacerdotale, e quella de’Patriarchi ; e difalli Giacobbe Pa¬ 
triarca non potendo più aver fìglj nè da Rachel , nè da Lia 
figlie di Labano , e sue moglj, si prende il partito di dor¬ 
mire con Zelfa, e Baia serve di quelle, e loro fa dei figli. 
Convien però considerare, che a quell’ epoca il Popolo eletto 
da Dio, ed a cui era promesso l’impero del mondo consis¬ 
teva in solo quattordici persone, cioè Isacco , Giacobbe, e li 
suoi dodici figli. Ma resta curioso altresì il vedere qual razza 
di gente Iddio avesse prescelta e benedetta ! un Giacobbe, 
che inganna il padre, rovina il fratello, spoglia il suocero di 
quanto avea di prezioso, dorme con le sue serve, ecc., Ru¬ 
ben, che si corica colla madrigna; Simeon e Levi, che 
scannano senza pietà tutti i maschj del paese di Sichem, 
dove erano stati accolli quai fratelli ed amici ; unendosi poi 
agli altri tigli di Giacobbe, che finiscono di mettere a sacco 
il Borgo, facendo prigioni le femmine, ed i giumenti ; questi 
stessi ancora cercano di far perire il loro fratello Giuseppe ! 
Ma per Dio, se questi patriarchi, e candelabri di nostra 
santa Fede vivessero presentemente nella nostra religione, 
quantunque tutta di grazia, tuttavia non isfuggirebbono sicu¬ 
ramente la forca . 

(95) 

Gli Angioli frustarono san Gerolamo per aver voluto imi¬ 
tar Cicerone, ragione per cui tutta la classe monastica e 



religiosa si lece un dovere di non intenderlo, nè di leggerlo. 

(96) 

Tutti i vecchi Libraj posseggono di queste stampe affu¬ 
micate, in cui vedesi la processione della gente che s’in¬ 
cammina verso il Paradiso; mi sovvengo d’aver veduto in 
una di esse un gran Signore, che andava in Paradisio in 
carrozza. 

(97) 

Mi sorprende, che li Teologi si vadano impazzando dietro 
all’idea del Paradiso, mentre G. C. si è spiegalo abbastanza 
chiaro, paragonandolo ad un grano di senapa. Vid. s. Luca, 
cap . 13, vers. 19. 

(98) 

Alessandro V. confermò la bolla, con cui promette, che 
quelli che porteranno lo scapolare de’Carmelitani, non sta¬ 
ranno più di otto giorni in Purgatorio; così il compère Ma- 
thieu scrive, che nell’ arsenale del Paradiso si trova la capra 
istessa, da cui fu tolta la lana per fare detto scapolare. 

(99) 

Vigilanzio attaccò il culto de’Santi, dicendo che si è un 
idolatria, una follia il credere, che questa gente morta, e le 
loro ossa operino tutti li prodigj che si raccontano, mentre 
gli stessi martiri gridano continuamente in vano, pregando 
Iddio, che li vendichi. Manes , Lollard avevano un antipatia 
decisa contro il cullo de’Santi; così pure Calvino instimi, 
lib. 2, cap. 20; Chamier lib. 20, cap. 1; Daille de reliquia- 



- D m f- 


rum cullu; Barbeirac , réponse au Pére Cellier; Lenfant, 
Vossius , Basnage, tulli contrastarono, ed attaccarono il 
cullo delle reliquie, e dei Santi. Claudio di Torino, uno dei 
più zelanti Cristiani del suo secolo, combattè il culto delle 
reliquie e dei Santi ; Sereno, Vescovo di Marsiglia, spezzò 
tutte le immagini de’Santi nelle sue Chiese, ed un Papa 
Gregorio lodò il di lui zelo. 

Nella primitiva Chiesa non vi erano nè immagini, nè reli¬ 
quie; prova del che i Cristiani rimproveravano ai Pagani, 
ed agli Ebrei di essere adoratori d’idoli: ed Origène, Lat¬ 
tanzio, Minutius Felix, Arnobio, lutti dicono, che i primi 
Cristiani non avevano altari. 

( 100 ) 

Nel mio museo spirituale, oltre ad un dente veridico del 
famoso san Cristoforo, e varie reliquie di gran considera¬ 
zione, posseggo altresì una immagine miracolosa di Fra 
Vincenzo da Porres del Perù , ultimamente inviatami. 
Questo Santo è eccellente per fugare i topi ; e difatti nella 
sagrestia di suo Convento egli colla sua benedizione li fece 
correr tutti dentro ad un canestro, e ti ritenne. La formula 
di questo specifico lopifugo si è il recitare 7 pater, 5 ave , 
e 5 angelus avanti a detta immagine. 

( 101 ) 

Se non fossero così generalmente conosciute ed appro¬ 
vale le qualità miracolose, ed il patrocinio degli accennati 
Santi, mi crederei in dovere di rapportare in nota le auto¬ 
rità che ne fan fede ; mentre nessuno de’fatti o delle facezie 


I 






inserite in questo Poemetto, nissuna delle citazioni, o delle 
autorità quivi enunciate trovasi alterata dal vero od arbi¬ 
traria; e se io (come è facile a credere) non ebbi nè tempo, 
nè pazienza da perdere, per leggere tutti i santi Padri da me 
citati; se pare straniera ad un giovane Medico codesta dot¬ 
trina teologica, non crediate amici miei, che per ischerzo io 
abbia voluto imporne ai meno colli ed ai devoti, e farli con 
tal modo impazzire; ma bensì servendomi dell’erudizione e 
delle opere di alcuni scrittori degni di fede, io cercai di 
compilare da quelli un numero sufficiente di citazioni e di 
fatti tutti incontestabili, i quali conosciuti finalmente dal 
popolo, leveranno un grande ostacolo ai progressi dalla ra¬ 
gione e della filosofia, ed alla felicità morale di mia patria. 

( 102 ) 

Quantunque mi mova a dispetto l’idea di vedere un 
Ebreo quale Giosuè a sconcertare l’ordine armonico della 
sfera celeste, con arrestare il Sole e la Luna (nel libro di 
Giosuè ), tuttavia considerando , che in seguito a questo di¬ 
sordine egli fu galantuomo a segno di far impiccare trenta 
un Re per puro scherzo ; pare, che a tal riflesso si calmi un 
poco il mio dispetto, cedendo il luogo al desiderio di veder 
risorgere prò interim questo Patriarca in Europa. 

(103) 

Giuseppe Flavio scrittore Ebreo, il quale per sostenete 
la religione Giudaica allora sprezzata, si va cercando tutte 
le testimonianze de’scrittori Egizj, che parlarono degli 
Ebrei; tuttavia non ardisce di rapportare un solo dei 




13G &— 

miracoli, di cui Mosè si vanta. Questo silenzio è parlante. 

(104) 

Se quest’avventura da Rodomonte sembra inventata da 
una qualche mascella d’asino; non è meno sorprendente la 
presa, che Sansone fece di trecento volpi, che egli attaccò 
tutte assieme per la coda, aggiungendovi delle faci accese, 
per distruggere così le messi de’ Filistei, già abbastanza tra¬ 
vagliali dalla procidenza dell’intestino retto (che s’impu¬ 
tridiva pure a tutti quelli, che osarono rimirare il Taberna¬ 
colo di Dio preso agli Israeliti). 

Dopo l’avventura di Sanson meravigliosa, non devesi 
obbliare quella di Gedeone Ebreo, il quale entrando di notte 
tempo nel campo d e Madianiti con soli trecento Ebrei, 
armati ciascuno di una lanterna, e di un corno, a guisa d’ 
Astolfo , con queste sole armi uccise 120 mila Madianiti, 
èssendosene ancora salvati 15 mila; così pure Jephte com¬ 
battendo contro E/fraim, uccide 42 mila Madianiti uno 
per volta a misura che si presentavano al varco del (Gior¬ 
dano , perchè questi interrogali non sapevano pronunziare 
la parola Schiboleth. 

(105) 

Lazaro , la figlia di Jaìr , ed il figlio dì Naym furono 
riscuscitati da Gesù Cristo ; ma questo certamente avria 
dovuto in pochi giorni mostrare ai Farisei, ed agli Ebrei la 
divinità e piena possanza del Salvatore, e convertire così 
in pochi giorni tutto l’Impero Romano ; eppure ottanta¬ 
nove Imperatori regnarono successivamente, prima che 





-=§ 157 £>" 


cominciasse a spargersi la voce di tali miracoli ; dilani nè 
Giuseppe Flavio, scrittore Ebreo, nè Filone, uè alcuno 
scrittore Greco o Romano ci fa menzione di tali prodigj . 
erano sotto cenere. 

(106) 

Veggasi la vita di S. Domenico, là si troveranno queste 
cose mollo più minutamente descritte. 

(107) 

Trovandosi casualmente sul mio tavoliere la Vita prodi¬ 
giosa di san Vincenzo Ferrerio, distribuita in nove ragio¬ 
namenti dal Reverendissimo Padre Maestro Pier Tommaso 
Campana Inquisitore generale del saniUfficio di Crema, 
stampata in Torino nel 1741 nella Stamperia Reale, per¬ 
mettetemi, amici, che io ve ne trascriva qui un breve 
squarcio, unico nel suo genere, il quale trovasi alle pagine 
90, 91. — « Prostratosi a terra Vincenzo, dopo una breve, 
« ma fervorosa orazione, preso un foglio, così vi scrisse : 
« Fra Vincenzo Ferrerio supplica umilmente la Santissima 
« Trinità, acciò si degni concedere alla presente peccatrice 
« inferma il perdono de’suoi peccati; e piegala la carta a 
» guisa di lettera, la getta in aria, ed alla presenza di tutti 
« i circostanti vola quel foglio, prende la via del Cielo e si 
« delegua. Continua Vincenzo col volto a terra le sua pre¬ 
ti ghiera, e fattosi un profondo silenzio, lutti stanno aspet¬ 
ti tando che mai sarà.... Ecco il foglio volante che ritorna 
« dal Cielo ! tutti tremano, sospirano, ecc.; apre Vincenzo 
« il foglio, e trova scritte a caratteri d’oro le seguenti pa- 

8‘ 


« role : Noi Santissima, Trinità, a riguardo delle suppliche 
« del nostro Fra Vincenzo Ferrerio, concediamo all’ accen- 
« nata peccatrice il perdono di tutte le colpe sue : si con — 
x fessi , e fra mezz’ ora sarà V anima di lei in Paradiso 
* eternamente con Noi. » 

Dal Cielo , Noi Padre. 

Figliuolo. 

Spirito Santo. 

Che ne dite, amici? vengano pure avanti gli Atei coi loro 
sofismi a fronte di simili prove. 

(108) 

Isaia profeta camminava altresì che S. Francesco d’As¬ 
sisi, tutto nudo per le contrade di Gerusalemme ; ed il Pro¬ 
feta Geremia portava un basto d’asino. 

(109) 

Se S. Giunipero avesse letto il Deuteronomio, sarebbe 
stalo certamente meno porco, e meno sozzo ; perchè quan¬ 
tunque ei non avesse trovato in detto libro niente di relativo 
all’immortalità dell’anima, al Paradiso, alla Trinila, allo 
Spirilo Santo, che a quell’ epoca non era ancora fallo co¬ 
lomba; tuttavia avrebbe veduto, come il Signore per bocca 
di Mosè infuse agli Ebrei Y istinto (che possiede ogni gatto 
di coprire i proprj escrementi con terra, e non avrebbe fatta 
tale sporcheria nel letto. 

( 110 ) 

Non è sorprendente, che il giumento di S. Rieul senza 




-<© 430 gp~ 

parlare, sapesse scacciare i diavoli, facendo il segno della 
croce nella polvere colla sua zampa; mentre noi tulli sap¬ 
piamo , che l’asina di Balaam faceva conversazione col 
Profeta, come pure fece l’asino del Dio Bacco, il caprone 
di Frixus, l’elefante del Re Poro, il bucefalo d ’ Achille, 
e così pure quello del Principe Eugenio all’assedio di 
Torino. 

(IH) 

S. Adelmo, ed il Bien-heureux Robert d’Arbrisselle sì 
dormivano con le più belle figlie, che potessero trovare per 
trionfare così del demonio, e della carne. 

(112) 

Fuvvi taluno, che osò tacciare il Profeta Ezechiele d’es¬ 
sere un animale immondo, perchè egli si mangiò dello 
sterco sul pane; ma quando gli fu mostrato il libro d’Eze¬ 
chiele al cap. A. vers. 12, dove si legge V espressa volontà 
di Dio, che gli ordina prima di mangiare sterco umano, e 
poi si contenta, che mangi quello di bue; allora il nostro 
critico ha cangiato linguaggio, e si stupì nemmeno, sentendo 
l’infame discorso di questo Profeta colle belle Golia ed 
Oliba, discorso che moverebbe il vomito al più sordido Bor- 
dellista. V. Ezech. cap. 15 e 23. 

Per tal ragione appunto diverse persone pie sentendo, 
che Osea Profeta venne inspirato da Dio di cercarsi una 
meretrice per averne dei figli (cade, sume tibi uxorem for 
nicationum , et fac libi filios fornicationum: Osea, cap. 9), 
seguendo l’inspirazione del Profeta, fondarono e conscr- 





-<© l ift gi¬ 
vano luti’ora in piede gli ospizj di maternità, ed i laz¬ 
zaretti. 

(113) 

Questi si è il famoso Nàbucodonosor Rex, qui in diebus 
illis etc.; la Maga Circe cangia i Greci in bestie; Diana l’a¬ 
mante in cervo ; la Maga Alcina i Pailadini in piante. 

(114) 

Non deve sorprendere, che Iddio abbia puniti gli Ebrei 
perla loro insubordinazione, mentre tutti i Pagani vantano 
delle punizioni miracolose di taluni che osarono profanare i 
templi, gli idoli, e segnatamente i sacerdoti. 

Celso stesso si vanta di poterne addurre molti di questi 
esempli : così pure Lactantius, e S. Eusebio . 

Anche la poesia è piena di simili racconti, come si può 
vedere nelle metamorfosi d’Ovidio. 

(113) 

Egli è certamente disgustoso per un Cristiano il sentire, 
che san Paolo, dopo d’aver visitate le meraviglie del terzo 
Cielo, non abbia voluto lasciarcene almeno una breve des¬ 
crizione ; ma egli è probabile, che il Signore non gli abbia 
mostrato che il suo derretano, come fece a Mosè sulla mon¬ 
tagna. F. l’Esodo. 

Questo san Paolo non contento di essere salilo al terzo 
Cielo, dice ancora di essere stato un giorno ed una notte al 
fondo del mare. (F. la sua seconda lettera ai Corinti al 
cap. 9.) Tutto questo è innegabile, ma tuttavia non so ca¬ 
pire, come questo primo e grande fondatore di nostra Re- 




441 g- 


Iigione non abbia mai scritta, nè accennata in tutte le sue 
Opere la parola Trinità, quantunque già inventata da Pla¬ 
tone !.gli sarà probabilmente restata nella penna. 

(116) 

Avrei pur anche una lista rispettabile di miracoli insigni 
quà e là raccolti e compilati ; ma credo meglio il prescin¬ 
derne, per non lasciar credere ad alcuno, che io voglia in- 
grossire queste mie note con una erudizione miracolosa, 
comune pertanto a tutti i Fedeli, che avranno lette le 7 
trombe, le meraviglie di Dio ne’ suoi Santi, il leggendario 
de’ Santi stravaganti, gli Ada Sandorum, i martirologi, e le 
leggende private de’Santi canonizzati. 

(117) 

Mr. di Frontenelle diceva, che se egli potesse stringere 
con sua mano tutte le verità che al mondo esistono, egli si 
guarderebbe certamente di aprire il pugno, e di lasciarle 
vedere agli uomini. 

Così Aristìppo diceva, che il pensare si è un volersi ti¬ 
rare indosso l’odio irreconciliabile degli ignoranti, dei su¬ 
perstiziosi, e dei corrotti, i quali si scatenano contro di tutti 
quelli, che cercano di conoscere il vero, e V essenziale nelle 
cose; così, per esempio, se un Medico, il quale non per¬ 
metta di mangiar confetti, venisse accusalo dai Confettu¬ 
rieri ad un tribunale di ragazzi, ognuno prevede quale ne 
sarebbe la sentenza ; tale appunto si è il caso di un Filosofo 
accusato dai Preti al popolo. 

Accusent me mille licet, incus conscia recti 
Stai tamen, et nunquam judicis ora tìmet. 





<-S2 

(118) 

La Circoncisione cosi espressamente voluta dal Cielo, ed 
intimata agli Ebrei, popolo eletto, che ciò malgrado preferì 
tante volte il prepuzio al divino Eden, era altresì in gran 
credito nell’ Asia e nell' Egitto ; e difatti Luciams de Dea 
Syria dice, che i Preti della Dea Cibele acconsentivano di 
farsi eunuchi, per essere iniziati nei misterj della Dea. Niuno 
certamente dei nostri Preti acconsentirebbe di perdere un 
affare di tanta importanza per puro amor di Dio, e lauto 
meno vivendo nella legge di grazia, la quale accorda ai pre- 
puzj l’entrala del Paradiso. Masculus, cujus caro circum- 
cisa non fuerit, delebitur anima illa, etc. 

(119) 

Quantunque G. C. abbia fatto per treni’anni il Falegname 
con suo padre Giuseppe, tuttavia nei tre ultimi anni di sua 
vita ei fece tanti miracoli da empire il mondo scrivendoli. 

J (S. Gio.) E questo mi sembra verosimile, mentre, al dire di 
Fréret , si contano venti evangelj differenti, ed in cui si tro¬ 
vano nuovi e diversi miracoli, e secondo Dupuys si ponno 
coniare cinquanta leggende, ossia vite di Cristo tutte dis¬ 
cordi. Questo essendo vero , non farebbe che accrescere la 
somma del miracoloso. 

( 120 ) 

Li Nasarei Ebionili, ossia i primi Cristiani, al dire di 
S. Ireneo, S. Epifanio, e S. Eusebio, non riguardavano 
Gesù, che come un uomo figlio di Gioseffo e di Maria, chia¬ 
mato Dio per le sue virtù ; e difatti la contesa di S. Barnaba 




-<§ 143 g=- 

con 8. Paolo, di cui la menzione il vangelo, nacque dalla 
predicazione di S. Paolo, il quale insegnava contro la cre¬ 
denza di Barnaba, che Gesù fosse un vero Dio. 

(m 

S. Atanasio nel suo trattato contro Apolliuario sull in¬ 
carnazione del Signore, fu il primo ad inventare la di lui 
ascensione al cielo, e ciò 350 anni dopo la di lui crocefis- 
sione. S. Clemente Romano, per dare una prova delta 
possibilità della risurrezione di Cristo, adduce 1 esempio 
della Fenice, che rinasce dalle sue ceneri. 

(122) 

Quante siano state le persecuzioni fatte dagli Imperatori 
Romani contro de’ poveri Pagani, ognuno le conosce, e 
basta leggere Frérct, per veder la serie di questi Impera¬ 
tori ; ma quante poi siano state le crudeltà de’ Cristiani 
preti contro de’ Cristiani eretici e settarj , non si possono 
enumerare , nè sentire senza fremere. 

E così quanto non è il martirologio de' miseri e virtuosi 
Anabattisti? Florimond de Raymond (de la naissance de 
l’hérésie lib. t c. 6, 7) racconta, che questi miseri veni¬ 
vano a truppe abbruciati vivi, strangolati, annegati, tor¬ 
mentali con tanaglie roventi, senza che esalassero un so¬ 
spiri» di lamento ; dice che parevano teueri agnelli strasci¬ 
nati al macello: tanto erano innocenti, virtuosi, umili, 
pazienti e perseveranti nella Religione. 

I Luterani , al dire dello stesso citato Florimond loro 
implacabile nemico, non furono meno costanti nel soppor- 




tare eoa animo eroico i supplizj. Difatti egli racconta, che 
anche le semplici donnicciole, le figlie andavano a gara ad 
incontrare i tormenti, per far prova della loro buona fede, 
e si avanzavano verso il rogo tutte festeggiami, e cantando 
lodi al Signore , per la cui gloria esse andavano a perire tra 
le fiamme^ dice, che gli uomini allegravansi nel vedere 
l’apparato, egli strumenti di morte; e semi-arrostiti ed 
abbrustoliti, contemplavano con intrepidezza i colpi di ta¬ 
naglia ricevuti, e si morivano tranquilli. 

I Montanisti spaventati dalla terribile persecuzione de' 
Cattolici, e dall’ infinito numero de’ suoi martiri, si sono 
perfino rinchiusi essi stessi ne’ proprj Templi, ponendovi 
il fuoco di lor mano; amando essi meglio di perire così tulli 
assieme soffocati, che di vedersi scannare senza perdono 
dai carnefici Cristiani. Vedete amici quai sono gli effetti 
d’una Religion dominante! 

(152) 

Se le persecuzioni esercitate dagli Imperatori Pagani non 
estinsero radicalmente il Cristianesimo , questo si deve alla 
fortunata circostanza, che esse persecuzioni non furono ge¬ 
nerali per tutto l’impero Romano, e scoppiarono per inter¬ 
valli ; ma nel Giappone all’ incontro , dove si decretò de¬ 
finitivamente di annientare la razza dei figlj rigenerati alla 
grazia, quivi non trovasi neppure un sol Cristiano. Vid. 
Ambassade mcmoràble des Holland. au Japon, pag. 197, 
par le Pére Lecompte. 

(124) „ 

Negli annali della Religione che scrivousi attualmente in 




-cg U5 @>- 


Francia si pretende provare, che la prosperità di quella Na¬ 
zione non potrà ottenersi finché il Governo non proclami la 
Religion Cristiana dominante e nazionale. 

Rispettando quell’ opinione, io credo che il solo mezzo 
di rendere la pace agli uomini, di promuovere la morale, le 
virtù sociali, e la prosperità delle Nazioni, sia quello all’ 
incontro di distruggere li dogmi che ci dividono, e di sve¬ 
lare al mondo la verità. Questo si è il principio che mi per¬ 
suase a scrivere le presenti Follie Religiose. 

(125) 

Tutto il mondo parla dell’ uomo nello stato di natura, 
delle meraviglie della natura, della religione di natura, ne 
loda la semplicità, l’eccellenza, Futilità, e tuttavia ritiene 
gli antichi costumi, i pregiudizj, le cerimonie , delle quali 
si ride rientrando in sé stesso ; io voglio credere, che 
F uomo nasca di natura propenso a rendere omaggio al Crea¬ 
tore; ma in tal caso , quale sarà la religion dell’ uomo, se 
non il puro Teismo tanto abborrito dai preti? qual religion 
più bella per rendere F uomo morale e sensibile? Ma per 
fondare questa religione conviene esiliare la superstizione 
ed il fanatismo, la qual cosa non va d’accordo coll’ interesse 
dei preti, i quali trovano la loro pastura nel popolo , e nella 
sua credulità. 

Divitias cleri peperit devotio valgi, 

Degenerem prolem , religiosa parens ; 

Presbiteri labiis orant, la'icique laborant; 

Plebs, dum prò populo prwsbiter orai, arai. 

OWEN. 




Così da principio si andavano a visitare li sepolcri de 
Santi in memoria delle virtù loro ; quindi in appresso questi 
sepolcri fecero de’miracoli, e rimisero le peccata. Ma la 
tomba del Signore, e la terra Santa doveva certamente avere 
maggiore efficacia, ed ecco nati li pellegrinaggi ; ma la terra¬ 
santa si trovava ingombra d’Eretici e di Turchi: ed ecco 
nate e decretate dal Cielo le crociate sante ; ma nelle cro¬ 
ciate si versa il sangue degli infedeli: ed ecco ancora .1 
dogma, con cui si fa credere, che si ponno cancellare le 
più infami colpe versando il sangue degli infedeli; ma tutti 
gli Eretici, e Protestanti sono infedeli : ed ecco che si deb¬ 
bono scannare gli Eretici ed i Protestanti; ma quali sono 
questi Eretici? tutti quelli che non credono all’ infallibilità 
del Papa, all’ acqua santa, al peccato originale, all’ unione 
ipostatica, all’ asino di Balaam, ai miracoli di Ezechiele, 
di S. Francesco da Paola, e del Beato Lorenzo da Brindisi ; 
cosa meritano adunque codesti increduli? meritano di essere 
abbruciati vivi in questo mondo , ed abbrustoliti per mi¬ 
lioni di secoli nell’altro. . . . , . 

Vedete adesso quale sia la morale delle religioni domi¬ 
nanti.... No, dice il Teista, 

« No non saran banditi 
« Da Dio i figlj sui, 

« Nè i culi abbrustoliti 
« Daran mai gloria a lui. » 



-<$ 147 s>- 

(126) 

Isaia diceva al Re Achaz, che conveniva mangiare del 
burro e del miele, per sapere scegliere il bene, e rigettare 
il male. Che secreto interessante per la morale Cristiana ! 

(127) 

Egli è da ben lungo tempo, che si aspetta questa fine 
del mondo ; eppure Gesù ha predetto , che sarebbe arrivata 
nella generazione in cui viveva. Ved. S. Luca , cap . 21. 

S. Paolo l’ha medesimamente predetta, scrivendo ai fa¬ 
natici di Tessalonica, che presto sarebbero venuti con lui 
per aria nelle nuvole, per andare incontro al Signore che 
tra poco doveva venire a sterminare il nostro globo. 

(128) 

Noi abbiamo dopo morte un giudizio particolare, ed i 
Pagani ancora avevano Minosse che faceva quest’ uffizio ; 
gl’indiani ed i Giapponesi seguaci di Buda, hanuo il loro 
Zomo o Jamen, che fa le stesse funzioni ; li Kalmucchi 
hanno Erlik-kan ; i morti presso i Pagani erano condotti 
al giudizio dai Genj custodi, i nostri morti il sono dagli 
Angioli. 

(129) 

Li Cristiani non portarono certamente mai le austerità 
religiose al grado eminente, a cui giunsero i Gentili dell’ 
Indie, le penitenze de’ quali sembrano incredibili (Ved. 
Strabon, lib. 15, pag. 713; Bayle, art. des Bracmanes.) Di¬ 
falli vi sono all’ Indie degli uomini, che vivono perpetua- 




mente nei boschi e nelle montagne mangiando d’erbe e di 
fruiti : si stanno nudi, o colla faccia sempre rivolta al Sole. 

Bcrnier nei suoi viaggi dell’Indie al toni. I, pag. 121 
racconta, che vi sono dei Fauquirs , Derviss , o Santoni 
Indiani , che si vivono nudi per tutto Tanno, sotto ad Un 
albero coricati sulla cenere , o sempre in piedi, appoggian¬ 
dosi solo di quando in quando ad una corda tesa vicino ad 
essi, oppure tenendo perpetuamente le braccia, od un sol 
braccio in alto, a segno di non essere più in istalo d’abbas¬ 
sarli, perchè si sono incalliti i tendini, inarditi i muscoli, 
e riempiute le cavità articolari ; altri fanno lunghissimi 
viaggi, strascinando seco enormi catene di ferro ; altri si 
stanno dell’ ore intiere a capi-tombolo colle mani in terra e 
i piedi in alto. 

Così glj abitatori di Jagrenate città posta sul golfo di 
Bengale, nella festa di un loro Oracolo, vanno a gara per 
gettarsi sotto le ruote dell' enorme carro che porta in trionfo 
quella statua, e quelli che vi restano schiacciati, o soffocati 
nella folla, sono invidiosamente guardati come tanti eroi. 
Così pure fanno i Chinesi in onore del loro Dio Amida 
( Ved . TAmbassad. des Hollandais, pag. 218.) GTIndiani 
Orientali si lacerano con uncini il corpo, per ottenere delle 
raccolte abbondanti. 

(130) 

Cosa serve esser utile alla Patria, caritatevole, virtuoso, 
onesto, se si vien mancare alla messa, al digiuno, al ro¬ 
sario, all’ Angele-Dei ec.? La verità non conosce mislerj 




essi non appartengono che all’ impostura; e difatti la pro¬ 
bità, e le virtù cristiane consistono in fabbricar delle Chiese, 
dei Conventi, e ad impinguare li preti e frati, et non plus 
ultra. 

(131) 

S. Agostino al cap. 13 del libro della perseveranza con¬ 
danna i fanciulli non battezzati ad atcrnam mortem. 

(132) 

Per placare la collera delle Nereidi, si videro de’ popoli 
civilizzati ad annodare Andromeda ad una Rocca; per pla¬ 
care Diana, ed aprirsi la strada di Troja, noi vediamo 
Agamennone egli stesso condurre la sua figlia all' ara, e ’l 
buon Calcante a scannarla; per appagare il capriccio di 
Adonay, noi vediamo il sacrifizio di Jephle e quel d ’lsa£co; 
in una parola, ogni qual volta si parla di divinità si deve 
sempre supporre qualche vittima umana scannata in onor 
suo. 

(133) ' , 

Quando io dico le sette religiose funeste all’ umanità, non 
fia però che io creda dannosa al popolo, alla prosperità 
degli Stati una religione; quanto io dissi nelle mie prime 
note ne serve di.prova ; ma non saprò già persuadermi, che 
una religione fatta potente, e la quale per domma insegni, 
che tutte le altre son false, che ne son dannati i seguaci 
che le professano; la qual dica, che si deve distruggere 
ogni altro culto, e ridurre colla forza ogni infedele: questa, 






dico, non sarà mai la religione amica della libertà dell’ 
uomo, e de’ principj repubblicani: e per l’appunto tutte 
le religioni misteriose che vantano rivelazioni e miracoli, 
saranno sempre funeste alle Nazioni, quando esse diver¬ 
ranno potenti o dominanti : l’intolleranza e la persecuzione 
ne saranno gli effetti necessarj, ed il sangue umano potrà 
solo estinguere la sete del fanatismo e del dominio reli¬ 
gioso. 










■m 














IL DIAVOLO IN STATI OUO 


SOSTO TOS2&TO 


4 

Lasso di più restar fra queste mura, 

Che il celeste Leon, lo Sirio Cane 
Con caldo soffio, e con penosa arsura 
Rendon cocenti al par dell' Affricane 
Aride spiaggie, mentre le verdura, 

Il fresco, e l’aria, e l’ombra, e le fontane 
Chiaman gli abitator dal Sole adusti 
Sui monti a respirar fre lieti arbusti ; 

2 

Lasciando in abbandon la ricca e bella 
Cittade augusta, che all’ Impero Perso 
Fu gloria un giorno, ed Ispahan si appella, 
Li cui fasti son noti all’ universo, 

Mi prendo il mio baston, la mia guarnella, 
Con la valigia mia così per scherzo, 

E scorto dal mio can che mi accompagna, 
Dirigo i passi miei ver la montagna. 








--Ì3 'Si 

3 


(.lutisi solingo in velia di quei monte 
Che sorge ira Neubendian e Bassora, 

E mostra ad Ispahan sua eccelsa fronte. 
Contento del mio viaggio, essendo allora 
Il Sol presso a cader dall'orizzonte, 

Erravo incerto pel giardin di Flora, 

E sulle mie vicende meditando, 

Men givo piau-pianin botanizzando. 

4 

E cupido lo sguardo in quei contorni 
Mentre i’volgeva, a me si scopre un lago, 

A cui fan cerchio alti dirupi adorni 
Di pin selvaggi, che in aspetto vago 
Richiamano alla mente i prischi giorni, 

E del primo giardino oflron l’immago, 

Dove tranquillo il cor lieto soleva 

Post prandium passeggiare Adamo ed Èva. 

5 

Ma intento a proseguire il mio cammino, 
Astratto col pensier, cogliendo fiori, 

Pur vidi in sulla destra a me vicino 
Un tugurio abitato da pastori, 

Ai quali mi accostando-(qual meschino) 
Poiché le stelle ornai spuntavan fuori, 
Addomandai, se mi darien ricetto 
Per quella notte sotto al loro letto. 



108 @>- 
(1 

Essi con schietti modi ed innocenti 
Qual ospite mi accolgono festosi, 

E senza più domande o complimenti, 

Di latte e di butir nappi copiosi, 

Di pretto cascio quelle buone genti, 

E di lambrosca pampinDodorosi 
Mi apprestano giulivi, indi mi fanno 
Seco seder sopra sdrucito scanno. 

7 

Ed io fra-mezzo a lov lieto sedendo. 

Rapito in contemplar quell’ innocente 
Beata vita, seco discorrendo 
Mi stea del gregge suo, che lentamente 
Fra que’dirupi avea scorto pascendo, 

E ragionavo pur della nascente 
Ubertosa raccolta, e lor famiglia. 

Che mi riempiva il cuor di meraviglia. 

8 

Così vario alternando il mio discorso 
Con essi mi ristetti più d’un’ ora ; 

Quando veggendo alfin eh’ era trascorso , 
Gran tratto della notte, e che già fuora 
Con sua faccia d’argento a mezzo il corso 
Sorgea la Luna : impaziente allora, 

Poiché non ero ancor dal sonno adesco, 
Dal tetto uscii per respirare al fresco. 



—=8 156 

9 

E rivolgendo i passi miei per quelle 
Romite rupi, e fra silenzio sacro 
Fiso col guardo a contemplar le Stelle 
Opra del Nume eterno e simulacro, 

Sciamai assorto.oh voi lucenti e belle 

Figlie del Gielò, a voi tutti consacro 
1 voti miei ; voi proteggete e siate 
Propizie a mia parucca o men sdegnate. 

10 

In ciò dicendo sull’erbetta assiso, 

Mi appoggio ad una rupe a cui dappresso 
Alto-sorgea rivolta al Paradiso 
Croce di legno, che copria me stesso 
Coll’ombra sua ; qui da sopor conquiso 
Mi addormentai : indi dal sonno oppresso 
Vidi spettaclo tal, si fìer portento, 

Che in rammentarlo sol mi dà spavento. 

11 

Io vidi in cerchio attenebrarsi il Cielo 
D’atro vapor caliginoso orrendo, 

E misti fra quell’ ombre e nero velo 
Guizzar razzi di bragia, che cadendo 
Rombano misti a tempestoso gelo, 

E scoppian tutti al saettar tremendo 
De’ lampi e tuoni, e con fragor si forte, 

Di cui non fìa maggior l’urlo di morte. 




137 @>- 

12 

E in mezzo di tant’ orrida tempesta 
Udivansi frammisti orrendi suoni 
Di trombe e di timballi, e più funesta 
La voce spaventosa dei Demonj, 

Che sparsi in sui cilìon, per la foresta 
Scorgevansi al chiaror de’ lampi e tuoni, 

E sopra me passavano ululando, 

Mentre stavan per l’aria volteggiando. 

43 

lo volsi il guardo, ed apparir mi vidi 
Misto drappel di spettri e diavoloni. 
Ch’hanno la pel più nera dei Numidj, 

Con ceffi di dragone, e di scimiotti : 
Assordan l’aria cogli acuti stridi, 

E mormoran diabolici strambotti ; 

E distribuiti in queste parti e in quelle 
Piantan lor campo e fan le sentinelle. 

14 

Turbato dal veder quella griffagna 

Legion di mostri, che entro a quell’ oscura 
Caligine correa per la montagna, 
Semi-morto mi stetti per paura, 

Qual fora un augellello nella ragna, 

Non osando mutar di positura, 

Per tema, che se alcun m’avesse visto. 

Non isfogasse in me t’odio di Cristo. 


—IS8 g=— 

15 

Ma per fortuna un grande Basilisco 
Vestito alla Spagnola e col turbante, 

11 qual correa del campo per lo disco 
Ai diavoli facendo il comandante, 

Con certo suo parlar ch’io non capisco. 
Suonando una trombetta fiammeggiante. 
Fece sentir col gesto e colla voce, 

Che ognun stesse lontan da quella (flroce. 

16 

Appena inteso questo, il mio timore 
E lo spavento mio fu dissipato, 

Mentre mi vidi esente dal furore 
. Dei diavoli, fra cui m’ero inciampato ; 
Allora racquistando il mio vigore, 

Benché tutto mi stessi rannicchiato, 

Spiai attentamente e con riflesso 
Quanto si disse e fece in quel congresso ; 

17 

E veggio che si avanza immensa schiera 
Di Scheletri, di Mostri, e d’Icneunomi, 

1 quai portano alzata una bandiera, 

In cui dipinti stan due grossi pomi ; 
Parecchi in sul guarnel, sulla visiera 
Si portano segnati i loro nomi ; 

Ed altri sotto lor strane divise 
Si veggion trasformati in mille guise. 



iso &>- 

18 

K tanti io ne vidi che all’ aspetto 
Parevano deformi pipistrelli ; 

Altri con le sembianze di un porchette 
Vestiti eran di penne come augelli; 

Altri la bocca e gli occhi avean nel petto, 
E’1 corpo disnodalo in tanti anelli; 

Altri la forma avean di farfallone, 

Di rospo, di lueerta, e di scorpione. 

19 

Altri ne vidi ancor più contraffatti 
Aventi sette gambe, e cinque braccia, 

La pelle variegata come i gatti, 

Di ragno le fattezze, e d’uom la faccia ; 
Certi il davante aveano dei ratti, 

La rene, e il podiceo da beccaccia ; 

Altri la testa avean di tartaruga, 

E’1 corpo somigliante a sanguisuga. 

20 

Altri dall’ ampia bocca e' dalle nari, 

Dall’ ombilico e pur dal deretano 
Sbruffan coreggie in guisa dei somari, 

E gettan fumo e fiamme da lontano ; 
Altri fosforeggiami in color vari 
Di magico splendore sovra-umano, 
Pisciavan saltellando in lor costume 
Acceso zolfo e liquido bitume. 



T 


-c© IUO &=" 

21 

Altri di Larve informi e stravaganti, 

Di Furie, di Centauri, e di Ciclopi 
Hanno le forme esterne e li sembianti, 

E digrignan li denti come i Lopi ; 

Altri la mole avevan di Giganti, 

Altri parean più piccioli dei Topi ; 

Altri distrutti appien col collo ritto 
Parean Mummie secche dell’Egitto. 

22 

Certuni poi, che il viso avean da prudi, 

E grave la fierezza e’I camminare, 

Nel gesto minacciosi altieri e crudi 
Portavano l’arnese militare 
Con spade musulmane e greci scudi ; 
Cert’ altri si allacciar lo scapolare 
Con una sopraveste assai bizzarra 
In forma di farsetto, o di zimarra. 

23 

Vestiti altri sen van da Imperatori 
Portando il mantel rosso e la tracolla ; 
Altri di Potentati, e di Signori 
Si portan la gualdrappa e la cocolla ; 
Taluni mi sembrar Procuratori 
Dal chiasso che facevan nella folla ; 
Altri collo spadino incipriati 
Avevano il sembiante d impiegati. 




-<© 461 &»- 

24 

Ve »’ erano poi tanti che vestiti 

Eran di pelle d’orso o di cinghiale ; 

Altri bisunti e lordi quai romiti 
Portavan veste quasi ehiericale; 

Altri per scherno dei romani riti 
Portavan la beretta col piviale : 

E sotto del pivial sportava in fuori 
La coda variegata a più colori. 

25 

Giunta colà quest’ orrida ciurmaglia 
Al suon di roca tromba che l’invita. 
Balzando per le rupi si sparpaglia, 

E corre verso il lago inferocita , 

Quasi leon, che dal covil si scaglia ; 
Quivi dai maggior duci distribuita 
In varie classi, un ampio cerchio e vago 
Di diavoli formossi attorno al lago. 

26 

Ma quanto in me si accrebbe lo stupore 
Quando mirai frammisti a quella schiera 
Cotanti che con gloria e con splendore 
Nel mondo si acquistar fama guerriera, 
E menan nell’ istorie alto romore ! 
Eppur codesta gente così fiera, 

Eroi, Conquistatori e Potentati 
Coi diavoli si stan tutti dannati. 


<62 §=- 

27 

Così io vidi là di Macedonia 
L’alto Signor, e ’l Figlio di Pipino, 

E ’1 prode Witikind della Sassonia , 

E degli Assirj il primo rege Nino : 

Belesi, Assaraddon di Babilonia, 

L’Eroe di Timbra, il re del ponte Eusino*, 

E Giulio e Augusto il domator del mondo , 
lUtavio, Antonio, e Y Affrican secondo. 

28 

lo vidi pur l’emulator d’Alcide 
Sesostri antico illustrator d’Egitto ; 

Alarico primiero, che si asside 
Coi Goti suoi nel Campidoglio invitto ; 

Otton crudel, che di sua mano uccide 
Di Roma i Padri in suo regai convitto ; 
Guglielmo primo il gran guerrier Normanno , 
Attila dell’ Italia orrore e danno. 

29 

Vidi il flagel di Roma Genserico 

Quel vandalo Corsar di terra e d’onda , 

E ’l padre di Clotario Chilperico 
Drudo della crudele Fredegonda ; 

E ’l successor di Clovis Childerico, 

Cui tolse Bodilon 1* anima immonda ; 

E vidi ’l rio tiran Eliogaballo, 

L’infame e sozzo Re Sardanapallo. 


* Ciro. 




-<§ 163 

30 

E dei Mugolìi il prode Gengiskano 

Di Re conquistatori a niun secondo , 

E ’1 rivai d’Alessandro, Tamerlano, 

Truce coi vinti e zoppo e furibondo, 

E di Selimrae il figlio Solimano 
Terrore dell’ Europa anzi d,el mondo, 

E d’Amurat l’ardito Bajazette, 

Di cui vivranno eterne le vendette. 

31 

E là conobbi lui che detto è grande, 

E torbe a’ popol suoi la brutta scorza ; 
Quella che sì illustrò con sue nefande 
Usurpazion , famiglia delli Sforza; 

E quegli, che di Carlo il sangue spande 
Gridando Libertà, poi colla forza 
Ne usurpa’l regno, e mostrasi rubello, 
Questi, sì dissi allor, questi è Crourwello. 

32 

E quanti là ne vidi in concistoro, 

Che pinti già mirai coi cintoioni 
E le gualdrappe ricamate d’oro, 

1 quai potenti un dì mille milioni 
Rubarono ai vicini, e in premio loro 
Dell’ Isole Marianne o dei Ladroni 
Avean lo scettro, e delle Filippine , 

Dell’ Ibbridi, Molucche e Caroline ! 



164 Jg&~ 

33 

Se fui così sorpreso in rimirando 
Dannati e misti alli demonj brutti 
Cotanti eroi famosi per il brando, 

E che migliaja d’uom hanno distrutti; 
Quanto Io stupor crebbe allora quando 
Sconci li vidi, e malmenati tulli 
Prestar sue mani all’ opre più servili , 
Costretti dalle verghe e dai staffili. 

54 

Così io vidi Siila e Caldina 

Portar fra li demon la scopa in spalla: 
Vestiti poi da sguatler di cucina 
Vidi Neron, Tiberio e Caracalla; 

E vidi Domizian, V orda Tarquina 
Misti colli staffier, garzon di stalla; 

Ed altri insigni eroi co’ lor capotti 
Pulire gli stivali ai diavoloni ! 

35 

Del resto eran sì monchi e contraffatti, 
Cenciosi e incapucciati di gramaglie, 
Ch’ io riconobbi a stento i lor ritratti, 
Benché perito i’ sia di medaglie; 

E ben creduto avrei che fosser matti, 
Se per la cognizion dell’ anticaglie , 
Veggendo quella patina vetusta, 

Non conoscessi in lor la tempra augusta. 


IG5 @s~ 

36 

Intanto i maggior duci e li sergenti 
Tifone, Draghignasso e Barbassoda, 
Graffiacane , Malagigi e Tiradènti, 
Calcabrina , Timoncerro e Malacoda, 

Ed altri che non nomo più di venti, 
Urlando attorno affin che ciascun gli oda , 
Comandano silenzio, o con sua lista 
Alla turba minor dan la rivista. 

37 

Allor con qual stupore poi ne intesi 
A nominar taluni, e riconobbi 
In mezzo a tanta folla, in strani arnesi, 
Cotai che riccamente un giorno addobbi 
Splendevan come il Sol per li paesi, 

E van di loro colpe onusti e gobbi ; 

E tanti, che al veder credetti estranei, 

E poi conobbi miei contemporanei ! 

38 

Tal fu quel sozzo Frate, sodomita , 

E T Cinico che estorse le propine ; 

E dalla faccia tonda e colorita, 

Dal lubrico sembiante e 1’ armelline 
Di cui erari le lor salme vestite, 
Conoscere pensai quelle volpine 
Ombre rubelle delli duo Prelati, 

Che furon contro me già congiurati. 



■-<§ 46C 

39 

Pur vidi il successor del Rege Ebreo, 

E ’l Finanzier della parucca tonda, 

11 qual tenea per man l’empio Trouvéo, 
Della Paglia il maresciallo, e quella bionda 
Che suffraga con grazie il suo Sichéo ; 
Quella dei neri augei, coll’ altra immonda, 
A cui stava dappresso il pidocchioso 
Ed arido Dottor calamitoso. 

40 

Io riconobbi pur fra quello stuolo 
Quel Cicerone inane e saputello, 

E vidi '1 vecchio indagator del polo, 

E quei che il sangue pur di Rino bello 
Con strana alchimia in or converte e dolo; 
E lui che di Culagna altro modello 
Con inesperta man, però non munca, 

Agli infelici i marenchini adunca ! 

41 

E quanti ancor ne vidi là in funzione, 

Che il volto avean dimesso per rossore , 

(Di cui non voglio quivi far menzione) 

I quali della patria nel core 
Tinser la spada , ed all’ estremo agone 
La scorgendo, col labbro traditore 
Dall’ altra piaga ne succhiaro il sangue 
E la prostrare al suol vittima esangue ! 






-c§ 167 &>- 

42 

Stando così i demonj tutti in fila 

In riva al lago che cingean d’intorno, 

( Poiché ne vidi più di ventimila 
Venir correndo allo stendardo intorno) 
Gran stuol di scarabei, che corre e sfila 
Passò per l’aria a voi suonando il corno; 
Le schiere a tale suon gridaron tutte 
Hallà-Hallà venir Kan-Belzebutte. 

43 

Qual suole appunto in la stagione estiva 
Meteora notturna in fiamma rossa 
Strisciar correndo per alpestre riva 
Senza che la ritenga argine o fossa ; 

Tale mi parve allor quella che arriva 
Ardente in suo fulgor strana carrozza, 

La qual rade il terreo con piede snello, 
E ratta corre a noi come n’ augello. 

44 

Avvinti a lo timone eran dieciotto 
Indiani abbrustoliti del Bresile, 

E ognuno avea sul collo un diavolotto, 

11 qual tenea la briglia e lo staffile : 

E dietro alla carrozza novant’otto 
Satelliti a cavallo in vario stile 
Al Demone maggior con pompa e fregio 
Servivan di custodia e di cortcgio. 


~ag ICS 

45 

E quivi oh qual stupor !.... senza fermarse 

Entra nel Iago, e via legger sull’ onda 
La veggio ognor più addentro incamminarse 
Qual scorre in sul terren lieve na fronda ; 

E senza profondar, senza bagnarse 
La fiamma, che splendente la circonda 
Più lucida parea, più vivo il foco 
Sopra lo stagno in quell’ oscuro loco. 

46 

Non sì tosto comparve entro ’l suo carro 
Il magno Belzebù , che mille e mille 
Ardenti faci, e più che io non narro 
Risplendono d’intorno, e sue faville 
Mandano al ciel ; 1’ orrendo tintamarro 
Tosto si acqueta, e non v’ha un sol, che strille 
Anzi dimessi e pieni d’obbedienza 
Si curvan sette volte in riverenza. 

47 

Intanto dal suo carro a piè discese 
Il gran Satan, avvolto in mante! bigio, 

Cui sotto rimirai lucido arnese; 

E tosto un tetro odor di suffumigio 
Spandendosi appestò tutto il paese : 

Attento in rimirar simil prodigio , 

Considerai qual siasi quell’ Ente, 

Che regge a suo voler T estinta gente. 




48 


Vidi, eh’ egli era un uom alio ire braccia 
Con pipa in bocca e la parucca nera, 
Avente duo gran corna, e dalla l’accia 
Spirando atro livore ed aria fiera ; 

Uccide rocchio suo quando minaccia, 
Torce le zanne aguzze in ria maniera: 

Si porta duo gran baffi, e, s’io non erro, 
Son fatti di metallo o fil di ferro. 

49 

Ei fè tre passi, e colla destra alzando 
Il magno scettro, in guisa pur di fìomba 
La smisurata coda roteando 
Diè scoppio tal, qual fora d’una bomba; 
Tremar gli spirti tutti a tal comando, 

Allo fragor, che per lo stagno romba; 

Ed ei poiché lo sguardo attorno fìsse, 
Aperse il labbro, e poi mugghiando disse 

50 

Stirpe di Maltimorr, figli d’averne 
Abitator dell’Èrebo profondo, 

Tremendi spirti, e satrapi d’inferno, 
Arbitri delle sfere, e sir del mondo : 

Del mio voler, del mio potere eterno 
Àtri ministri... . affar d’immenso pondo 
A voi mi tragge, e voi qui pure apporta, 
Mi sia vostro saper lumine e scorta. 


10 



51 


Voi rammentate pur qual era in prima 
Misera e scarsa, a mendicar ridotta, 

Quella che Costantin fece sì opima 
Cristiana Lega, che da noi sedotta 
E combattuta, in or pare ci opprima 
Col fasto della sua mole corrotta, 

E fa di suo poter cotanta mostra : 

Questa richiede o miei l’atlenzion vostra. 

52 

Sovvengavi soltanto con qual arte 
E quanto sangue sparso ella n’invase 
D’Europa i regni, e pure in questa parte 
Nell’ Asia e nel Mogollo gettò base : 

In occidente pur co’ remi e sarte 
Portò ’l vessillo suo, e a strane fase 
Del Sole i figli adorator converse, 

E i fidi nostri annichilò, disperse 1 

53 

Sovvengavi con quale alto dominio 
In ogni dove rabida calconne 
Quella che meditò nostro sterminio 
Stirpe di Levi, ed assecla d’Aronne ; 

Con quanto scherno poi, quanto ignominie 
Perfin dagli imbecilli e dalle donne 
Venisser discacciati e vilipesi 
1 fidi miei per tutti li paesi ! 



54 

Però non sempre a noi sì avversa e fella 
Vittoria funne, e la temuta gente, 

Alla mia possa, al nostro imper rubella 
Dall’ Asia discacciammo e dall’ Oriente ; 

Altra palma non già minor di quella 
Megli Antipodi ottenni e in Occidente, 
Quando riconquistai la Pensilvauia, 

E V isole e l’impero di Briiamna. 

55 

Quante le glorie fur di Manometto, 

Di Nicon, di Nestorio e di Calvino, 
DiFozio, Cerulario e di Noetto, 

Di Wicleffo, Edoardo, e di Scemo, 

Di Perni, Barclay, di Fox e di Servette, 

Di Pelagio, Simon, di Valentino, 

Di Valdo, Matisone e di Muncéro, 

Di Marcimi, di Montano e di Lutero ! 

56 

Ad essi poi, all’ indomato ardire 
Di questi che nomai lìdi Campioni, 

Le palme noi dobbiam tutte attribuire 
Di tante già cattoliche Nazioni, 

Che ridersi al mio Numine servire: 

E i Baiavi, e li Prussi, e li Bretoni, 

E Ginevra, e Lamagna, e Fiandra, Elvezia, 
E Russia, e Danimarca, e Gallia, e Svezia. 







57 

Così Sumatra, lava e Mindanéo 
E Ceylan, e Malacca, e le Maldive, 
Calfurnia, Cuba, e san Barlolommeo, 
Le Canarie, Luccaje e le Sandwive, 
Formosa, Niphon, Luzon e Bornéo 
Massulipalanam, le Lakedive; 

Quest’ isole eran tutte per l’addietro 
Ancelle riverenti al mio gran scettro. 

58 

E non ha guari ancor Persia Cristiana 
Co’ suoi tanti milion da noi fu vinta, 

E per due lustri interi alla collana 
Serva di mio poter si stette avvinta ; 
Dal Papa maledetta, e già profana 
Tutta piovea da noi sua gente estinta ; 
E tai venìan laggiù l’alme a V inferno, 
Quai fioccano le nevi nell’ inverno. 

59 

Ed or voi tutti quanti chiaramente 
Comprendere potete quanto scarso 
Diventisi lo flusso di sta gente 
Dallo scader di Phamenot e Marzo, 

E ’l deficit e tanto trascendente, 

Come dal libro mastro in’è comparso. 
Che se non si previen colatila botta, 
Farem su quella Piazza bancarotta. 



—=§ 173 
60 

Io so che ornai la guerra terminata, 

Sospesa in ogni dove la vendetta 
Essendosi e le stragi, anche scemata 
Debb’ esser la raccolta; ma corretta 
Spero giammai sarassi, nè emendata 
Questa tribù dal Papa maledetta, 

Perchè non gli torran l’abito reo 
Tutte le assoluzion del Giubileo. 

61 

E come mai levar da un cor Persiano 
La sete d’ oro, onde giammai satollo 
A prezzo venderla ’l genere umano ! 
Come lussuria avviticchiata al collo, 

La mollezza, l'incuria, il lusso insano, 
La frode, la viltà, ’l genio Mogollo, 

E i delitti suoi togliere al Perso 
Senza formare a questi un cuor diverso? 

62 

Eppur mi vien riferto che codeste 
Genti perdute e guaste ora premesse 
Si tornano osservar le antiche feste, 

E sono fervorosi in sentir Messe ! 

11 so, che in parte sono senza teste ; 
Peraltro non vorrei che succedesse 
Quello, che vidi in altre occasioni, 

Cioè la conversione dei Ladroni ! 




•-<§ m §>- 

65 

E quel che più mi cruccia e mi rammarica. 
Si è ’l veder la stirpe religiosa 
Da noi già discacciata, entrare in carica, 
E ritornar sul pergamo gloriosa ! 

Che se codesto celo ancor si radica 
Nel pingue sol di Persia, inutil cosa 
Eia ’l tentar di sradicarla, e ratto 
Daracci o tardi o tosto il sacco-mallo. 

U 

Perchè se essi saran quai sono altrove 
Pastori onesti e cheli, e solo addetti 
A dare di umiltà sublimi pruove, 

A coltivar la vigna coi precetti, 

E colla carità, che i cuor commove ; 

Allor gli armenti suoi, quantunque infetti, 
Veggendo dei pastor la man sì pura, 

Si affideran tranquilli alla lor cura ; 

65 

E tutte le fatiche e li sudori 
Che noi versati abbiam, iiau dati a’ venti ; 
Mentre tutti costor negli oratorj 
In santi cangieran le nostre genti. 
Mandandoli lassù negli alti cori ; 

E noi ne’nostri baratri bollenti, 

Ricetto sol de’ topi e delle ragna, 
Potremmo farvi cuocer le castagna ! 




175 

66 

Così poiché chiarissimo io veggio, 

Che questo mal si accende come 1 esca, 

E che v’ è da temer succeda peggio, 

Mentre io veggio ornai 1’Arabia adesca, 

U* pare già vacilli il nostro seggio; 

Se voi trovate un argine che riesca, 

Un metodo sicuro : ascesi al rostro 
Spiegate francamente il parer vostro. 

67 

Ciò detto Belzebù grave si assise 

Sopra un demon, che si è curvalo in scanno, 
E tutte da stupor folli e conquise 
Guatandosi tra lor mute si stanno 
Ce schiere, e i spirti, quali se improvvise 
Del nibbio predator mirano il vanno 
Le passere o gli storni, e quali sono 
Le pecore in sentir mugghio di tuono. 

68 

Allor fuori del rango sì avanzando 
Il truce Malacoda, che primate 
Si porta la tracolla e cinge il brando, 
Curvatosi profondo per tre fiate, 

E lutti gli assistenti salutando, 

Montò sopra le rocce, che elevale 
Torreggiano sul lago : e l’ampia gola 
Aperse intanto e prese la parola. 







I7G Qs— 

69 

Salve Kàn Belzebù, salve Arimanne, 

Salvete Baal, Cosbi, et Astarotte, 

Delial, Nesroc, Pliogor, et Satanne, 

Acharon, Nehabas, Sokotbenotte, 

Astarten, Molocli, Chaimos, Leviatanne, 
Beelpbegor, Marobaal, Stinkenimotte ; 

Salvete o spirti tutti, che presenti 
Udite i gravi miei magici accenti *. 

70 

Qual siasi il ripar, V argine e 1’ opra 
Onde evitar nostra rovina e ’l danno, 

E la tempesta che ne sta disopra, 

E de* nemici il meditato inganno 
Pria di espor, convien eh’ io vi discopra 
L'origine e cagion d’ogni malanno, 

E poi additerovvi lo spediente, 

Onde la Persia a noi torni obbediente. 

71 

Noi visto lo tracol, che il Kan Tyoung^verre 
Portò con tanto ardire ai preti e ai frati ; 
Veggendo i Persi tutti, e fin sue terre 
Da Roma con furor scomunicati, 

Ad eccitare altrove insane guerre, 

Ci siam lutti rivolti e trasportati, 

Lasciando Persia sola in tal periglio, 

In man di gente vuote di consiglio. 

* Tali nomi si trovano pure nel Compendiura artis oxorcisticm , 
eui nihij simile xisnm. 




72 

Onde successe poi, che il primo spasmo , 

La prima convulsion sendo acquetata , 

E dissipato il libero entusiasmo 
Onde in prima si fu Persia invasata, 

Essa repente cadde in un marasmo, 

In tale consunzion, per cui spossata 
Dovette aprir le mal difese porte 
All’ inimico che rientrava forte. 

75 

E se per esperienza conoscete 
Quai sieno le vendette religiose, 

Voi tutti immaginar ben vi potete 
Lo scoppio di lor armi vittoriose ; 

Questo sorprese allor, come sapete , 
Tutte le menti fiacche e timorose, 

Le quali in riveder le stole nere 
Disertano a milion nostre bandiere. 

74 

Ma quel che dee sorprenderci davvero , 
Nel misurar qual scredito ci apporto 
La nuova apparizion del ceto nero, 

Si è ’l veder la lubrica coorte 

Dei ciacchi e dei zerbin dal piè leggiero 

Con tutta la Legion del dente forte, 

Le spugne e li Vampir della Nazione , 
Far pompa di morale e religione. 








17* 

75 

Intanto abbiamo ormai tutta perduta 
La ricca Persia, e, diventata pia , 

Ci par dal prisco sbaglio ravveduta ; 

Nè veggio altro sentier, niun’ altra via 
Per cui possa esser vinta e combattuta, 
{Volendo secondar l’opinion mia) 

Fuor di lasciar lo stato difensivo, 

E preparare un colpo decisivo. 

76 

Ma scegliere dobbiam per lo contrario 
Di quel che noi facemmo per l’binanti, 
Non già certi marzupj a formolario, 

Ma sol quelli Stregoni e Negromanti 
Che han rossi i nomi lor sul calendario, 
E sono Capi-mastri tutti quanti : 

A questi noi dobbiam fidar l’impresa 
Dell’ esito essenzial della discesa. 

77 

Discender noi dobbiam da questo monte 
Uniti e fatti in cento-tre drappelli, 

E forti quali siam, coll’ armi pronte 
Piombar sopra le terre dei ribelli, 

E là del nostro mal toglier la fonte, 
Portando lo sterminio a tutti quelli, 

Che noi fugammo , e or sono rientrali: 
(Inlendomi parlar dei preti e frati.) 




78 

San essi quei, che in ogni loco e sempre 
Ai spirli ed ai demon fecer la guerra , 

E mai non cangieran d’odio e di tempre 
Inlìn che non saran tulli sotterra ; 

Ed io ve lo ripeto e dirò sempre , 

Che mai su questo globo della terra 
Temuto si vedrà T poter Diabolico 
Infìn che esisterà ’l germe Cattolico . 

79 

Del resto non si dee creder sincera 
La conversion di tutta questa gente. 

La qual noi ridurrem tutta qual era 
Di te gran Belzebù serva obbediente ; 

Ma struggere convien la legion nera, 
Perchè senza di ciò faremo niente ; 

E poi sul volgo ignar compreso in massa, 
Potremo all’ occasion menar man-bassa. 

80 

Perchè la plebe ovunque è un animale 
Che quanto più si molce e si accarezza, 
Divien tanto più fiero e più brutale , 

E rompe ogni ritegno , ogni cavezza ; 

E per tenerlo in freno mancomale 
Ci vuol severitade e non dolcezza ; 

Così per gli serbar l’umiltà fresca 
Conviene usar la virgola tedesca. 


porla- Inferi non prvvaiM od versus eam. 



81 

Or questo è ’l mio pensier , questo è ’l sol mezze 
Onde evitare il nostro danno e scorno : 
lo libero parlai qual sono avvezzo ; 

Questa è mozion di urgenza, e in questo gior 
Dovete pronunciar senza ribrezzo; 
indi fatto un inchino tutt’ intorno , 

Rivolto a Balzebù, disse.gran Fiuto 

E voi spirili lutti io vi saluto. 

82 

Ciò detto , per lo circolo s’intese 
Un muto susurrar, un batter d’ale, 

Segno d’applauso unanime e cortese, 

E intanto Belzebù con amicale 
Sereno sguardo , alzatosi, riprese: 

Malacoda fratei non dice male, 

Ma affin di prevenir ogni disordine , 

Sentiam Moloch procurator dell’ Ordine. 

83 

Allor frate Molocche al rostro asceso 
Comincia il suo discorso in questo tono : 

Signori.tutti voi avete inteso 

Di quale affar si tratti, ed io non sono 
Per dimostrarne qui la forza e ’l peso, 
Dirovvi solamente, che men buono 
Apparvemi il pensier tuttora esposto, 

Perchè son di parere in senso opposto 


. 







•-''3 IH» 

84 

E in vece di annientar tanti Prelati 
Obesi e freschi e ricchi e pettoruti, 

Di sciorre i monasteri e tulli i Frali, 

E neri e bianchi e scalzi e li barbuti, 
Francescani, Osservanti e Riformati, 
Convenluaj, Camaldolesi, e li Trappuli ; 
Mi par che noi ponessimo sul sito 
Servirsi di costor, trarne partito. 

85 

Benché sian essi quei che hanno banditi 
I Dervi, li Fouquir, li Bonzi, i Lama, 
Essendosi in lor vece stabiliti 
In Persia, nell’ Hohestan, nel Korasama. 
Dove li popol tutti han convertili 
Dal golfo di Kormuss al Turkestaina; 
Lonlan dal fargli guerra ed annientarne 
Dovressimo all' incontro approfittarne. 

86 

Che se io deggio dirvi il mio pensiere , 
Lontan d’essergli avversi e discacciarli, 
Dovressimo all’ incontro far mestiere 
Che crescano infiniti e propagarli ; 

Perchè coi falli in man vi fo vedere, 

Che noi col favorirli e accarezzarli, 
Possiam con poco studio ed anzi niente 
Riconquistar l’Impero dell’ Oriente. 


il 



-<£ m §>- 

87 

Iiifaiii. se costor saranno molli, . 

Vorranno farsi ricchi e possidenti ; 

Saranno dati all’ ozio , e lutti incolti 
In preda a’ sensuai trattenimenti. 

Senza pudor, senz’ ordine e disciolti 
Suoi vizi spanderanno infra le genti, 

Le quali si staran tutte gabbale 
Per seguitar di questi le pedate. 

88 

Il mondo essi terrari sempre diviso * 

Spargendo la discordia in le famiglie ; 

Ed invocando i santi e ’1 paradiso 
Procureranno di sedur le figlie ; 

Fingendo divozion , composti in viso, 
Promettendo del Ciel le meraviglie y 
Estorqueran dai vecchi e moribondi 
Legati per le messe e censi e fondi. 

89 

Tenendo i Regni intier nell* ignoranza, 
Superstizion trionfa e la paura ; 

Essendo tra di loro in discordanza 
Sui donimi, e la version della scrittura , 

Sui riti eli precetti di osservanza, 

Pochi conosceran qual sia la pura 
E vera Religion, e per tal baja 
I mille piomberai) nella caldaja. 

* Ne sia prova l’attuale Svizzera,e direi meglio 1' Europa intiera, 
ove essi hanno piede e potere. 




183 @s- 

90 

Inoltre questi sono il gran pontello, 

Su cui fulcìte stan le Monarchie : 

Ed il Soffi Persian vedrassi aneli’ elio 
À suggellar le loro simonìe ; 

Questi, forti del i*obore di quello , 
Permelteransi indegne trufferìe, 

Indi prostituiran le assoluzioni 
Ai Principi, alle Dame, agli Epuloni. 

91 

Ditemi infatti voi, non è egli vero, 

Che ciò, che vinse i Persi, e li ha sedotti, 
Si furon li disordini del Clero, 

E li costumi suoi sozzi e corrotti ? 

Dunque per soggiogar codesto Impero , 

Ai Protestanti tutti, agli Ugonotti 
Si deve preferire mancomale 
II celo religioso e monacale. 

92 

E riflettete sol, che i preti e i frati 
Li quai si stan là-giuso in scaldatorio , 

Son tutti posteriori alti Deodati, 

A Benedetto primo , al gran Gregorio : 

All’ epoca cioè , che furon dati 
Da Costantin per atto imperatorio 
Di Roma i campi, e ’1 Campidoglio al destro 
Ippocrita Pontefice Silvestro ! 


-c@ 18j 

95 

E se nei primi tempi di Anacleto, 

D Iginio, di Sotero, e d’Evaristo, 

I)i Urban , di Zeffìrino, e di Aniceto, 
D’Eusebio, Marcellino, e di Calisto 
Era così ammirando questo ceto , 

E tutti eran discepoli di Cristo 
Zelanti, puri, onesti, e commendabili, 
Allora erano pochi, e miserabili 


Ergo, signori miei, ecco provata 
La tese in cui sostengo necessario, 

Che venghi ancor di più moltiplicala 
La stirpe dei Leviti, a Cui contrario 
Si oppone Malacoda , che annientata 
Quella vorrebbe infin dal calendario : 
Udiste mie ragioni, or giudicate, 

E tu gran Belzebù abbile grate. 

95 

Avea finito appena il suo discorso 
il gran Molok, che ratto in piè levossi 
Giuda Iscariotte orrendo al par di un orso, 
Cogli occhi più che bragia ardenti e rossi ; 
Curvando riverente il nero dorso 

Così prese a parlar. Benché mi fossi 

Rapito dal parer di Malacoda , 

La tese di Molok credo più soda. 



-50 185 §>- 

96 

E credo esser dovere e necessario 
Di propagar lo stipite de’frati, 

E di piantar per tutto un Seminario : 
Perchè quando costor flan radicati 
V’ accorgerete poi quanto divario 
Vedrassi in sulla lista dei dannati ; 

Ed io son di parer, che ogni convento 
Profitterà per noi cento per cento. 

97 

Allor vedrete poi quante verranno 
Per posta giù da noi beate ancelle, 

Le quali in arrivar ci mostreranno 
Le cintole che han sotto alle gonnelle 
Coi loro reliquiarj, e canteranno 
Li Salmi di Davidde e li Kirielle ; 

E masticando un certo responsorio 
Rifiuteran di entrare in Purgatorio ! 

98 

E quanti ne verranno in processione 
Vestiti colla sacca, e col cappuccio, 

Li quai professeran con divozione 
Una moral diversa da Confuccio ! 

E quanti che per troppa sommessione 
Piegando gli orecchioni come il ciuccio, 
Per esternar lor zelo e lor fervore 
Faranno da mezzani al confessore ! 




99 

E quanti, che sul fior d’adolescenza 
Sedotti, o per timor si faran frati, 

E in vece di dar calma alla coscienza 
Verran da noi o matti od arrabbiati ! 

E quanti che in virtù dell’astinenza 
Per conservarsi casti ed illibati 
Volendo trionfar del senso frale, 

Faran girar la ruota alLospedale! 

100 

Nè voglio qui contare li spergiuri, 

1 ladri, gli usuraj, bancarottieri -, 

Li quai si crederanno assolti e puri 
Perchè dotati avran de’ monasteri, 

Eretti dei pilon, pinti sui muri 
San Rocco, Sant’ Antonio, e San Ferreri. 
Persuasi di poter salvi rubare 
Tenendo un lume acceso a qualche altare ! 

101 

E quanti a solo fine di ottenere 
Una corona angelica di giglj, 

0 per comprarsi in Cielo un bei-vedere, 
Torranno i beni e ’l sangue ai proprj figlj, 
Ai miseri parenti, che giacere 
Dovran della miseria fra gli artiglj, 

E ciò per meritare dal Priore 
Il nome di fratel-benefattore. 



-=© m &■- 

102 

E quelli, clie imitando i prischi oracoli. 

Per ingannar gli alocchi e squattrinarli, 

Si vanteran di fare dei miracoli, 

(Di far cioè che nn morto e corra, e parli) 
E chiusi nelli loro ricettacoli 
Diran, che i santi vengono a trovarli, 

Per gli portar na tonaca, un rosario, 

0 recitar con essi lo breviario ! 

103 

E lutti questi lai che ho nominati, 

Di cui ascende il numero a milioni, 

Non esistendo in Persia i preti e i frali 
Avrebbero tutt’altre inclinazioni, 

E non si troverebbono gabbati 
In aspettar dal Ciel le assoluzioni ; 

Da probi cittadin sarian vissuti, 

E foran per noi diavoli perduti ! 

104 

Dunque conchiudo anch’io, che per politica 
Dobbiamo procurar che sian moltissimi 
Gli alunni della sobole romitica, 

Li molto reverendi e colendissimi ; 

Perchè codesta gente ognor prolifica 
Gi renderà servigi importantissimi, 

Anzi dovrem da quella anco vedere 
Dimesso in statu quo nostro potere. 





Or dunque da sio monte discendendo 
Per ritornare in Persia, noi dovremmo 
Non già menar remore, andar correndo ; 
Ma in vece cheli-cheti cercheremmo 
Di spandar la discordia, e seducendo 
1 religiosi tutti, noi faremmo, 

Che sian corrotti e molti e dissoluti, 
Perchè se saran buon, sarem fottuti. 

406 

Non sì tosto finì l’ultimo accento 

L atro Iscariolt, che un tal fragor tremendi 
Rombò d’intorno, quali se trecento 
Dirupi enormi a rotolon cadendo, 

In concavo metal frangansi addrento ; 

0 quai, se mille con iscoppio orrendo 
Tuonanti bronzi in cavernoso speco 
Odansi misti al rimbombar dell’ eco. 

407 

Tanti erano i clamor, gli urli e le strida, 

I sibili, gli strepiti, e i frequenti 
Batter di palme, e le sonanti grida 
Dei Diavoli dal circolo applaudenti 
Al voto d’Iscariotte, in cui si affida 
I. atra Legion delle tartaree genti : 

Ch’ io mi credei la terra in precipizio, 

<> d’essere nel giorno del giudizio. 









-=© 18 » 

108 

Riscosso dal fragor, per cui credetti. 

Che spalancato il monte rovinasse : 
Prostrato in ginocchion io mi ristetti 
Qual fora un passeggier che si trovasse 
1 ladri attorno minacciosi e stretti ? 

Àllor benché la mente si sognasse 
Svegliossi pel romore, e in un momento 

I Diavoli fuggir qual nebbia al vento. 

109 

Io mi risveglio, e in ginocchion mi veggio 
Presso alla rupe, dove prima assiso 
Mi addormentai : e presso me riveggio 

II fido can, che mi guardava fiso ; 

Alzo le luci, e in suo lucente seggio 
Rimiro il Sol che splenderai sul viso, 

E dove in tetro orror slava Megera, 

L'aspetto rimirai di primavera. 

110 

Sgombra la mente allor d’ogni timore, 

E conoscendo pure a chiare note 
Non esser che illusimi cotanto orrore, 
Fantasmi (intendo) e sogni, ed ombre vuole 
Ridendo fra me stesso dell’ errore 
Attonito esclamai: quanto mai puote 
Illusione a renderci infelici? 

Or voi de’sonni miei ridete amici. 


il 



La triste invention de la Croix 
Et l’in ventimi du Carènte, 

Soni toutes deux, cornine je croi». 
De rinventioù du Diable inéme; 
L'une a fait mourir le Seigneur, 
L’autre tue ses servileurs. 

Dieu peut-il ótre charme 
De voir languir en Carènie 
Le corps affatoli, décharné, 

L’oeil enfoncé, la face blème? 

Ne serait-ce pas là, morbleu, 

Un cruel plaisir pour un Dieu? 

Le croiriez-vous, gens de bon sens, 
Qu’un chapon te met en colère, 

Et que de manger un hareng 
Soit le seul tnoyeii de lui plaire? 
Là-haut, de sa gioire occupò, 
Pense-t-il à nolre souper? 



-<£> 191 


Ce sont donc ces fourbes cagots, 

Dont tout homme d’esprit se berne, 
Qui pour avoir l’argent des sots, 

Qnt inventò ces balivernes. 

Rions, chantons, soyons joyeux, 

Et moquons-nous du Carème et d’cux. 


♦ 












lo v' offro i carrai alla stagion del pianto; 
Ma canta il Cigno allorché muor, nè Ila 
Chi nieghi al Cigno moribondo il canto. 

Deodatà Saluzzo. 





La favola è un frullo di lulli i tempi, e di tulle le na- 

Di falli dopo un tempo immemorabile gli Asiatici vantano 
e conservano le favole di Lochman, eliminato da essi pei 
ragion di queste il Savio ; gli apologi di 
mano, dimostrano quanto remota sia Porigine della favola, 
già coni,scinta però dopo tanti secoli dalla piu antica e po¬ 
mosa nazione del mondo, come pure dagl. Lgizn, . qual. 
LtL parlare con delle immagini, delle allegorie e co» 
parabole. La metempsicosi ancora, persuadendo che 
anime umane passassero poscia ne’ corpi degl, 
molti dei quali si vuol supporre un linguaggio, lasco credere 
che essi potessero esprimere, parlando, le Imo i , 
quindi i poeti si permisero di far quest, 

lare, servendosi di tal finzione, per iulro urre i 

morale a confronto coi vizii,,e mostrale a mano 

m Z:C iuGreeia (quantunque schiavo) creò e rese 
pubbliche le sue favole ; presso i Romani, e sotto li regno 


stesso di Tiberio, Fedro scrisse le sue favole : e dopo lui 
Aphtonius, Aviemis, Gabrias seguirono tal norma, come 
pure Fwrnes , Abstenìus, Camerarius verso la fine del 16° 
secolo. Cento anni dopo comparve in Francia Hegemon, e 
sotto al diffidi regno degli ultimi Luigi, La-Fontaine, Mar- 
montel, Voltaire, La-Motte e Dorat scrissero le loro fa¬ 
vole. 

In Italia pure il Passerotti, il Roberti, il Pignotti, il Sac- 
chetti si distinsero in tale carriera, come pure Gay in In¬ 
ghilterra, Yriart in Ispagna, Gellert in Sassonia, Lessing, 
Gleim, Lichtwehr, Pfeffcl, Hagedorn in Alemagna. 

La favola adunque è un frutto di tutti i tempi, e di tutte le 

Nazioni . nè de ve sorprendere, se in Piemonte, e in 

questi tempi ancora, trovisi taluno, il quale colle deboli 
sue forze, tenti di seguire il padre Esopo. 

Io adunque chiamato al sollievo de’ miseri in questo San¬ 
tuario de’ sospiri, e cinto sempre dall’ immagine del dolore 
e della morte, non fia meraviglia, se per solazzarmi un poco 
intraprenda a scrivere favolette. 

Carminibus quaerens miserarum oblivia rerum. 

E. Calvo. 










L’ ÌNTENDENT E ’L 1»0 U.1 


Vers l’an dia creassion mila e trzent, 

Cioè dnans del diluvi, j’animai 
L’ avìo la parola, e ’l sentiment ; 

Anssi j’è chi pretend eh’ al Paraguai, 

Ani ’l Mississipì ancora adess 
Le bestie e j’abitant a parlo ugnai : 

Così soula coul clima alò permess 
Ai givo, ai prpojin, ai can, ai gat, 

1)’ risponde biff e baff al Re isless : 

E mi ant un manuscrit rusià dai rat, 

I l’hai irouvà na nià de sti racont, 

Ch’ a son luti data dal seni e quat. 

Fra j’ailri ai n’ era un lepid pr 1 apponi 
Tra un Pouj, e n’ Inlendent, eh’ era Comess 
D’ Xersse, ’l qual regnava si’ Ellespont ; 

Sto si l’ era un fachin costrutt espress 
Pr slè con la canaja sui canton 
A ramasse i stivai, vende se stess. 



—=§ 'OJS 


Ma pur la bona grazia d’ so patron 
L’ ha fané un Intenderli li su doui pè, 

Con spa, pruca, e visti caria d’galon. 

Senza conosse l’ombra d’so meslè , 

Savend appena scrive e fè so noni, 

L’è stait an dontrè di brav fìnanssiè ; 

Scordava lant i rich, com i povr’om, 

Creava a ogni stagion di neuvi tass, 

Trattava coul pajis Nosgnour sa com ! 

Vestiendsse un dì, s’ è vist coure su un brass 

Un Pouj.mes an riand : E li, birbanl, 

(Ai dis) sui me galon t’ na vas a spass? 

E credeslu ch ! i sia un mendicant, 

Un gheu, un om dia plebe, un disgrassià, 

Un scianca fanga, un pover, un furiant? 

A l’è coula geni li, eh’ son condanà 
A esse rusià viv dai verni, dai pouj, 

Ma nen un om eh’ a l’ha T or a palà ! 

Che gran distanssa j’elo peui tra noni 
(L’autr ai rispond), savive forsi nen 
Ch'j’ouma Tistess impiegh e mi e voui ? 

La diferenssa a l’è tra ’l pi e ’1 men : 

DI rest noui i vivouina el’un e Paul 
DI sang dia povra geni e di so ben ; 

E coni ant la natura un mangia l’aut : 

L’aragn mangia la mosca, e peu i slrunei 
Ciapo 1’ aragn , e peu ’I far che II pi aut 




199 §>- 


Grimpa quand e j’ arriva j’ ai tri osei, 

Fin tan cV 1 struss, o l’aquila , o 1 milan 
Divoro peu ’l farchetl da bon fratei ; 

Così T è pi che giust, che un Pouj pian pian 
A rusia pr drit publich n’ Intendent, 

'L qual l’ha già rusià '1 gener uman. 

Oltre d’lolì, noui doui souma parent ; 

E mi, se i 1* hai da dive la vrità , 

I son vostra progenie an discendent; 

Mi son fait da na Lendna mac jer dia, 

La qual a Y è peui fìa d’ coule tai 
Clfj’ avie ant i cavei quindes dì fa. 

Bit lo ’l Pouj vola via, e l’aut sonai 
A resta tut broda con tanto d’nas, 
Sentiend che ’l Pouj e chiel a l’ero uguai, 

E fait di’ istessa pasta e di’ istess vas. 


{ 









LE SANSSDE E ’L HOMO 


A Pera ant la stagion che ’l Sol bujeni 
A brusa la sicoria e i barbabouch, 

E tulli a scapo a l'ombra e serco ’l vent ; 

Un pover Borgno vej e patalouch, 

Noujà dal gran calor e tormenta 
Dal mosche e dai tavan, tut a tatouch 

Andava apress disnè darò d’ soa ca , 

Dov’ j’era na bialera e un sit ombrous, 

E là s’strojassava e piava d’fià ; 

E bin che chiel a fussa timorous , 

Savend d’esse sicur, d’nen esse vdù, 

A piava soens di bagn bin dèlissious. 

Un dì fra j’ailri, essend là patanù, 

Ass sent morde le gambe, e dè d’pssion 
Pi fori d’io eh’a l’aveissa mai sentù. 

Cos’è so? chielo eh’ mord?.... Tut a taston 
Treuva eh’a son d'baboje an forma d’ pess, 
Ch'a dvento curie a lunghe a l’occasion ; 




—=© 201 

Quantunque a l’abbio faje un po d’ribress, 

Ai dis.Soure baboje, lassè stè, 

Voulì rusieme viv sì bele adess? 

Una Sanssua ai rispond : Lassene fè; 

Noi i tirouma nen che ’l sang già guast, 

Pr tant eh’ i deurve j’ ceui, peusse sciairè ; 
Noi aitre i conossouma dall’anast 

Dov’ a j’è d’ sang cattiv, e nostr’ istint 
A P è d’sagnè la geni coni i poulast. 

’L Borgno sentjend lo 1* è sta convint, 

E subit ai rispond : Sa l’è così, 

Suore baboje , ij prego- a deje drint; 
di’ a ciucio pura tan eh’ ai fa piasi, 

Basta con lo mi peussa deurvì j’oeui, 

E vede ancour na vota ’1 sol d’ mesdì 
DI resi i m’ raccomando, prchè peni 
A l’abbio discression ari sul rifless, 

Che i son un om d’età, pare d’ set fieni 
Ste Boje eh’ ero veuide già da un pess 
(E tanto pi eh’a vnìo da lontan), 

A son virassie antorn senssa ribress ; 

A P han ciucià sto Borgno fin a tan 

Ch’ a comenssava già tni ’l col pr stort, 

E eh’ a argrignava ’l gambe, e i di die man. 
Allora ’l pover Borgno lui smorl 
Ai disPr carità ciuciè papi, 

Lassè eh’ i pia d’fià, son quasi mori ; 

I m’avi lusingà d’feme guarì, 

D’ rendine la vista, e ’lvenie ’l sang cativ, 
Ma voi lo tire tut fin eh’ ai n’ è pi : 

• % 







Aveiine compassion , lasseme viv : 

Possibil chi sie peui tant afamà, 

Chi veuje védme d’ pianta a l’ablativ ! 

1 T era dai tavan perseguita, 

Le mosche am tormentavo e ’lvavo d’ peis , 
Ma pur tant a l’avio un po d’ pietà ! 

Voi aitre i se tacante com l’apeis, 
l rusie tant ’l maire com '1 grass : 

Mangerìe ’l bin di sett Gesie an dontrè meis. 
Così parlava ’l Borgno ant coul paciass ; 

Ma j’ai tre fasend fìnta d’ nen sentì 
Lo seguito a ciucè sensa ambarass. 

A P era verament li pr muri : 

E j’aitre a seguitavo.a segno tal, 

di’ appena l’ha avù d’ fià pr podei dì : 
Pietà, soure baboje, eh’ am ven mal; 

Ch’am crdo, chi son mort, i son dstiss, 

L’ai pi nen d’ sang da empì mes un bocal. 

Di fatti as’è argrignasse com n’ ariss, 

A l’è restà convuls , e strepitand 
A j’ ha schissaje mese ani coul mojiss. 

Sta favola chi lese an sghignassand, 

Veul dì eh’ venta guardesse da coui tai, 

Ch’ a vivo pr ’l mond an criassand 
Balsamo e sparadrap pr luti i mai. 








PLATON E I P1TO 


Nojà dal sempre vive an caponera, 

Da siè sarà ant ’l giouch, e d’esse rana 
A spass con un bachet da uà vacherà, 

I Pilo ch’ani l’onour a son dlicà, 

E eh’a son nen bagian com ’1 mond penssa, 
Centra d’j polajè l’han congiura, 

Decis d’ ricuperò l’indipendenssa, 

E d’vive an comunion com j’aitri osei, 

Ch’a mangio ant ’l granò dia providenssa. 

Pr lo tut ant un nen, veri fratei, 

Fasend i so com plot da nascondion, 

A son levasse an massa da ribei : 

E l’han spedì sul camp na commission, 

La qual, second la norma ch’a j’hau daje, 
Doveis poetesse subii da Platon, 

Pregandlo ch’a l’aveis un po agiulajc 
A fesse na republica dco lour, 

Da già eh’lolì pr chiel ero d’friaje. 


r~--; 

-c£, 2(14 @=— 

Van da Platon, e là cousti oralour 

Slongand so pouret rouss con j’ale basse 
A pio la parola con calour, 

Disend : Salve, Platon.souma portasse. 

Noi aitri si da voi, tuit deputa 
DaiPito, eh’ finalment son solevasse, 

Prchè eh’a veulo vive an libertà, 

Parei die grue, di tourd, die anie sarvaje, 

Di cornajas, die passre e die pondrà; 
y ebreo e i polajè j’han obligaje, 

A forssa d’crudeltà, forssa d patele 
(Avendne scanà tanti e peui rusiaie) 

A dè peui fmalment an ciampanele, 

A ribelesse tuli e gros e peit, 

Prlan salvò soa pel da ste gabele ; 

Onde i vorouma un codice pr scrit, 

» Doni ai sio notà precise e ciaire 

Le legi, ’1 pat social, e i nostri drit; 

Pr lo voi, gran Platon, se pur i paire, 

I deve nen neghene sto favour, 

’L qual a cousta a voi poc o pavaire ; 

Voi fè Ioli an riand, nufiand na fiour : 

Voi na costitussion la fè sout gamba, 
Mentre a couslrìa a n’aut pene e sudour; 
Se pur nostra domanda a l’è nen stramba, 
Pormene na republica an manera, 

Ch’a senta ’1 democrat, o eh’a s’j aramba. 
Groupandse i baroulè con na zartiera 

Platon senza guardeje.0 che mincion, 

(Ai dis) scussi pr voi l’è na chimera : 







SOS. g>- 

Ai veul pr ariussì lo di talento», 

Ai va di fìnassiè, di generai, 

D’ministr, dì comissari, e nen d’coujon. 

Se i veule me proget mi v’ lo darai : 

Ma pr l’esecussion, e pr capilo 

l manche d’coule teste originai. 

Scusò, mssè Platon : ognun peul diio, 

S’la nostra rassa l’è bona, e s’a riussiss, 
Anssi i tre quart di mond peulo sostnilo. 

Noi ait j’aroma d’Pilo eh’ a stupiss 

A vede quant savej l’han ant la gnuca. 
Quanta robassa a l’han ant ’1 cupiss ! 

A son d’ originai tuti da pruca, 

Tajà pr esse intendent, esse minisi, 

E lo chi v* conto sì l’è nen na cuca. 

Guardò . . . senssa studiò, senssa avei visi 
Gnun leu, mac sul teatro le bataje, 

A dvenlo generai, e fan i trist *, 

Mostrand ’l mondo novo a le maraje 
Amprendo a regolò j’affè d’stat, 

E buto ’l drit die gent con batiaje. 

Lesend Bertoldo’a dvento diplomai : 

Lesend Guerin Meschin, minist d’fmanssa; 
Fasend ’l saccagnin dvento avocat. 

Anfin podoumo diio con baldanssa, 

Ch’ an tuta sort d’impiegh pi luminos, 
l Pilo han conserva la maggioranssa. 


12 



20 G 


Platon sentiend ioli, tut pensierous, 

Ai dis : Mia cara geni, vad a occupenie 
A compileve un Codice pressious : 

Intant i peule andevne e nen secheme, 
Portò la neuva ai ait, dije cosi, 

Ch ! a l’abio la passienssa d’aspeleme. 
Così T han fait, e tuli a son partì ; 

Intant un messagè ven avertije 
Che ’l Codice l’è fait e l’è finì. 

1 Pito a sauto d’goi, eas’ buto a rije 
Criand tuti d’ accord : Presto, dov’ elo? 
Lese j’artieoi fori, venta sentije ! 

A s’buto tuti ansem a scrutinelo, 

E peui esaminand a l’han trouvà, 

Che lor savio un foutre com dovrelo. 
Sta favola veul di’, eh’a venta pa 

Cariesse pi d’fagot ch’un peni portene ; 
E pr fè ’l cont dia speisa ant nostra ca 
A venta ciamè gnun eh’vena agiutene. 









1 SCALAVltON E J’ AVIJE 


Na nià d* Moscon scapa dant un tornei 
A forssa d’ scopa» e d’ abuton 
Intra ant un buss d*Avije pien d’ainel. 

Ste si l’han avu pour d’ coui barbison 

DI mouro piai, di vésti scur, di stiva, lust, 
E son stérmasse tute ant i canton. 
j- aitri trovand l’aroel eh’avìa bon gust, 
Trovand j’Avije divise an doui partì, 

Son fasse lour padron com a l’è d’ giust ; 
3’è sta pignun mojan d’ feje surti. 

L’ero crudeiedurcom d’ scalin, 

E a forssa d’ ujonà s’ fasivo ubdì. 
Vedendse a la miseria, na matin 
J’Avije pi decise a fan consei, 

D'andò trouvè V Argina ani so cambrin, 
Pr vede qual partì, saria sta ’1 mei 
Pr dò la pala al cui a sii lavan, 

Ch’ j’avivo già rusiàmes i coulei . 


* Gli alveari. 







-=§ 208 @5- 


’L vout preponderant di gran divan, 

L’è stait d’spedi prest n’ ambassadour, 
Ch' andeissa vers la vai di Rabadan, 

Dov’j’era su la sima d’una tour 
Una tribù famosa d’ Galavron, 

Ch’ a fasìa mae la guera pr l’onour ; 

E là eli’a j’ esponeiss la situassion 
Die soe finansse povre e di so buss, 

E la rapacità di brut moscon. 

Disendje: Se ant vost coeur ancor ai fuss 
Un po d’ misericordia, e un po d’ pietà 
Pr tante povre Avije eh’ son ai uss, 

Adess T è temp d’usela, e d’avnì là 
Con na legion antrega d’ tiralieur 
Tuti caussàj visti, e bin arrnà. 

’Lcap di Galavron zin-zon-val-fleur 

(Ài dis): Ambassadour, crussieved' nen, 
Noi souma penetra d’ vostri maleur ; 
Risponde a vostra Argina eh’ son an tren 
Tuti i me bravi, e voi an dontrè dì 
I rivedrò V aurora e ’l ciel seren. 

Noi i vnirouma espress pr custodì 
Vostr’amel, vostra sira, e vostre ca : 

Cioè pr libereve e niente d’ pi. 

Eroe Galavron, dunque a sarà 

(L’autr ai ripet) da coui bruti barbis 
Netià la ca d’j’Avije e liberà? 

Ah voi i sarò sempre nostr’ amis: 

Noi i farouma an sira un inonumeul, 
Tribut d’ riconossenssa a vost pajis ! 





-=g 209 

Dit lo soupata j’ale e pari coment, 

Porta la neuva ai aitre, e a Y indoman 
Sento sonè le trombe vers ponent. 

L’armada arriva li tambour batan : 

As vedo contra ’l sol tuli a lusì 
J’abitatour dia vai di Rabadan. 

Taco bataja, eliiMoscon ardì, 

Apress esse difeis con gran calour, 

A son restà désfait e sbalurdì ; 

Ma appena i Galavron son vincitour, 

A son butasse lous a comandè, 

E j’ han robaje ’l resi eli’ avìo ancour ; 
j’ Avije disperà s’ buio a piourè, 

Disend : Oh iniquità ! elo così 
Chi r havì promettune d’tratè ? 
Zin-zon a 1* ha promess d’ mandeve si 
Pr avnine liberò, dene bras fori, 

Ma nen pr saccheggiene i nostri ni. 

E voi pr la rason chi se’ pi fori, 

J’avi scassa i tavan pr piene ’l rest : 
Oh com l’è deplorabil nostra sort ! 
Giovnot, i parlo a voi con sto pretesi ; 
Sta si l'è mac na Favola, 1* è vei : 

Ma pur a V è un esempi manifest, 
Ch’arriva luti i dì fin tra fratei. 


1-2 ' 








osy 




LA PASSILA SOLITARIA E LA BERTA 


IN a Berla eh’a scapava dal pajis, 

Distruta dala l‘am, dala vérmina 
A l’era capità dssa di Monsnis ; 

Virami pr la pianura sta sgualdrina, 

E svolassand pr là vers di Sangon, 

A s’era ritira aut una boschina, 

E là cantaud al solit soa canson, 

Faseud di sgari raucb, mila smorbasse, 
Mostrand ’I cui, sercava a desse d’ton. 

A s’ era con ste ghemne caparasse 
I merlo, i torsacoi, j’orieui e i gai, 

E tuli d’ sta pest son ’namorasse. 

Sercavol’un prl’autr d’ feje d’ regai, 

E citila a j’antascava le grumele, 

Fasend ancor le smorfie a sti sonai : 

Disendie eh’ 1’ ero goffe soe furnele, 

di’a 1’ ero bone a nen, Y avio gnuu deuit, 
Eh’ a sudavo pr cantò tante crivele, 





-agl 211 &>- 

Sii [)ovri torsacoi eh’a l’ero cheuit, 

Sentiend couste rason, luti pien d ira 
Ai guardavo pi neo nè dì, nè neuit. 

Le cose a l’ero vnue a cousta mira, 

E sle povre fumele désgrassià 
Fondìo an piorassand parei dia sii a. 

Distruta dal sagrin e soffoca 

Forssa d’ sangiouss naPassra solitaria 
Al’ha sercà d' commeuve soa metà, 
Butandse na matin a cantò n aria 

Piena d’ cadensse e d’ son tan melodious, 
Ch’ avrìo commoss na tigre sanguinaria ; 
Disendie con un ton e con na vous 

Piena d’ amour.E voi voulì chiteme? 

E voi veule pi nen esse me spous? 

Che ombra d’ mancament peule imputeme ! 
Nen aut prchè chi v’ hai amave trop, 

E pr lolì voi veule abbandoneme ! 

Disendie lo, lo ved eh’ andava sop, 

E eh’ a poudìa pi nen sauté sle rame, 

Prchè tutti i branche», j’ero d’intop. 

La Passera ai soggiunss.Cos’ m’eve fame ? 

Dimlo, feme ’l piasi, parleme ciair? 

Oh si t’saveisse (ai dis) lo eh’ m’ e rivame . 
La Berta a m’ ha sedout e ornarne al sgair : 

A m’ ha tacame ’l mal dia caussinera, 

E peni apress d’lolì m’a fa» fè ciair ! 
Possibil (chila ai dis) eh’ lolì sia vera ? 

Che trop (l’aulr ai rispond), e tu» j’ad 
A son tuli tralà d’ sta numera ! 









’L Torsacol l’è tisich, e l’è andait ; 

'L Merlo as’è ciapasse un porta eoa : 
L’Orieul l’ha ’I prò eh’ai dagna e mesdesfait. 
’L Gai a I* ha dco chiel trapà la soa ; 

E mi, cara mojer, s’a va così, 

Miraco se i poudrai pi fè la roa ! 

Àmprende voi, giovnot, e guardò li 

Cosa as guadagna a coure après die berte 

Ch’a veno da lontan.Scontente mi, 

Lasseje ai cornajas, a le laserte. 




ws 




’L CAN lì L’ OSS 

Pr là sle rive d’Doira drìnt an foss, 

Soutrà tut ant la nita, e mes rusià 
Un Can passavolant 1’ ha trova n’ oss, 

Ch’ era T avans d’ un Tor desi'ortunà, 

’L qual robust e grass, e su so bon, 

Tacà dal mal die bestie era crèpa ; 

Yedend coula pilanssa an abandon, 

Sto Can ch’era un eroe pr l’aptit, 

A se virassie antorn a sganasson. 

Fasta di strangojon tut aut che pcit: 

Tacava con le grinfe e con i dent ; 

Quand l’Oss tut.despolpà, tut derelit 
Comenssa a fè un sospir, peui un lamenl, 
Disend : Ferma, crudel Can affama, 

N’ astu nen prou, sestu ancour nen content ? 
Guarda eh’ i son un Oss scarnifica : 

To frei 1’ han già mangia le polpe e 1 coeur - 
1 resto sì mi sol lui desolà ! 



-e® 2M g&- 

Ch’ a t’ tassa compassion sio me maleur, 
Penssa dii j’era un Tor desidera 
Dai vsin ch’ero invidious di me boneur. 

A Y è già da tant lemp eh’ ì son cougià 
Drint a sta lampa, e gnun am dà rinforss, 
Anssi dai me pi cas son scarpisà ; 

1 peus pi nè criè, nè fè gnun sforss : 

I m’treuvo sì distrut, e pr mia sort 
Espost a esse rusià da can e porss ! 

Scouta, ai rispond '1 Can.I t* has gran tort 

A mime sto discours: e sastu nen, 

Che lai è sempre sta '1 drit di pi fori? 

Le cose andaran sempre su sto tren, 

Prchè Natura a veul, che j’animai 
Pi gros mangio i pi peit ; ma bada ben, 

Che i gross an tra lour ailri a s’ mangio mai; 

E venta che i cardlin, com a l’è d’ giust, 

A servo per pitanssa ai Papagai. 

DI resi prchè conteme i lo désgust : 

Mi scouto nen Ioli quand’ j’hai aptit; 

E peui sii nom d’ pietà son nom già frust. 
lt deve esse content d’ lo chi t’ hai dii: 

Se it veule piourè, pioura, am na fa poch : 
Mi i seguito a riusiete, e tiro drit. 

Così T ha fait; ma pr maleur un iodi 
DI’ oss eh’ a rusiava ai resta ant ’i gariot, 
Piantà ant la garsamela com un sloch. 
Scussi v* serva d’esempi a voi, giovimi, 

Pr mai bravè la geni désforluuà, 

Nè mai tratè j’ opress da Ottentot; 











Credine, che tante cose giàsoutrà 
Arsuscito quaich vota, e pio 1 voi, 
E tante eh’ nn je cred già tracana, 
A peulo peui restene un dì ani I col ! 


"«MB» 





LE PECORE E l PASTOIJR 


A j’era sua montagna un bon Pastour, 

’L qual avia rimesstute soe Feje 
Ant j’ unge d’ un birbant so servitour ; 

Stossì non pa d’ nutrije e d’ pastureje, 

A V era neuit e dì tavola an tren 
A pieje '1 lait, e ’lbur, e tosoneje; 

Un dì li vist e pris, sensa di’ nen, 

Mentre i mouton, ’l troup l'era ant la stala, 
Tut sol, zichin-ziehet, ’l padron ven. 

Le pecore dia goi ai sauto an spala, 

Sclamand tute d’acord.Ah seve sì ! 

E chiel a j’ ha risposi : E bin com vaia? 

Va mal, com a peul nen andelo d’ pi, 

I souma sì ridotte a le bsognétte 
Sensa podei criè, fesse sentì ; 

A j’è coni vosi garsson, pr vagnè d psélle, 
Ch’ an buta tute quante ai isiboè, 
Gavandne, se a podeiss, fin le grassette. 






Disend lolì, j’arìva sto grivouè, 

El’autrs’ j’ è vira antourn,e ai dis: Coni eia 
Cos elo sto trafili, sur Fransouè? 

Sapia, chi n’ hai già piena la scudela ! 

E ’llait, letoume grasse, ’1 bur, j’agnei, 

La lana eh’ t’ has roba.porco, dov’ eia? 

Scoutè, me car padron, venta savei, 

Che si tuli a l’intourn pr ste boscaje 
1 luv a son pi spess quasi eh’ j’ousei ; 

E i dnè eh’ j’ hai guadagnà, j’hai impiegaje 
A feje dè la cassa dai paisan ; 

E voi peule pensè eh’ j’abbia robaje? 

Na pecora ai rispond.Oh che bagian ! 

Prchè scortiene tan pr dè la cassa 

Ai luv, eh’ j’ ouma nen vist nè noi nè i can ! 

Pr conia li, me car, a l’è trop grassa : 

L’è na rason tacà mac con dè spuv, 

1/ è voi chi se’ farsive la pansassa ; 

L* è voi eh’ n’ avi rusià, son nen i luv ! 






LA SPA E IA LUMASSA RABLOIRA 


Ant un d’coui castei Trust ch’ai sta le masclie, 
Famous ant i so temp pr soe gran tour, 
Sgarblà, tut mes distrut, cuvert d’frasche, 

Pr là ant na caverna a j’ era ancour 
Soutrà’n ines al rotara, e la rumenta. 

La Spa eh’un dì portava coul gran sgnour; 

A l’era mancomal luta rusnenta, 

Ma tant an mes al ruso, un seri barlum 
Mostrava ancor l’origine lusenta. 

Rablandse, coni a 1’ è ant ’l so costum, 
Slungand i corn, na Lumassa rabloira 
A j’è montaje adoss caria d’bavum. 

La Spa s’buta a criè.... Son pa na mssoira, 
Am pijsto pr na ressia o pr un fausset, 

Pr n’appia, pr na ranza, o na tisoira? 

Sapia che mi, ant’ 1 secol d’ Bajaset, 

Ai temp del He Arduin e d’Carlo Magno, 
Tajava i Paladin coni d’ravanel! 




~<§ 219 


E adess (l’autra ai rispond) mi l’scarcagno ; 
S’i veui mi il pisso adoss, e con i coro, 
S’ mi m’ bateiss con ti, tanl it guadagno. 
Sta Faula a dev gaveje’l capéstorn 

A coui eh’a vivo mac pr ampisse d’boria ; 
Butè na pugna d’paja drint an fora, 

A fa l’istess eflel la nostra gloria. 





LA C10USS E LE POLLE 


Venta nen ambrassè tut lo eh' fa goi, 

E nen mesurè ’l vin mach da la ponga, 
Se un veul nen esse pià parei di foi ; 

Ass perd chi monta an barca su na sponga 
E prima d’anfnoujesse ant quaich’ affò, 
Venta consultò i vej eh* a la san lunga. 

Na nià d’Gaiine giovo, da mariè, 

Forssa d’ sentì vantò’l marca, la fera, 
Son pignalrasse ant lo d’voreje andò: 

A l’han tirà daspart la Masovera, 

Pregandla ch’ai buteissa ant un cavagri, 
E ch’ai arcapiteissa an quaicb manera ; 

Disendie, ch’lour I’ avio già i so agn, 

E eh’ a vorìo nen dventè pi vej e 
Pr védsse tanti such sétà su un scagn. 

La Masovera ai dis pr consoleje, 

Ch’ a steisso pur sicure, eh’ saba eh’ ven 
J’ avria porta a Turin pr arcapiteje ; 




Ste Poule sentiend lo, senza di’neri, 

A couro da la Ciouss.... Mare, ariegreve 
Saba Catllna an porta a vive ben. 

Oh fie spensierà ! cosa penseve : 

Apena arriva là v’ sautran a col 
Sinquanta cusinè pr palpegieve ; 

Toucand pr drit, pr stort, e ’l dur e ’I mol, 
E voi chi se' pitost li polpassue 
A risigo sul coulp d’tajeve’l col ! 

Av piumran tute, e bele patanue 

Av casso ant na marmila, av fan ruslì, 

E voi, mie povre done, i se’forslue! 

A la sita le gent, l’è nen '1 di’, 

A son così galup d’ mangè d’carnassa, 
Oli* a treuvo’I bon, e’1 gram lu(, savurì. 

La povra vaca grisa.... eia mairassa, 

Ch’ i luv sarìo pignanc andaje antourn, 
A T Ospidal han dit, eh’ a 1’ era grassa ! 

Guardò !.... mi stessa, mi l’avrìa pour, 
Quantunque i sia na Ciouss veja stransìa 
Che là quaich sour Economo Inspetour 

Am feissa con tut lo passò pr ila. 








’L BUON VOLANI E LE GHIE 


Un gros Baimi volant, eh’s’era eleva 
An aria con un ton d’magnificenssa, 
Incontra un voli d’Grue pr la stra ; 

Ghie! si, gonfi d’ sestess, dia soa presenssa, 
Pensand d’esse patron di ciel, di verit, 

A j’ha ciamaje tute all’ ubidienssa, 

Disendie : E voi chi seve?.... e che ardiment 
D’avnine an paradis scchè la gloria, 
D’andè così spasgiand me appartament? 

I veui pi nen suffrì sta vostra boria, 

E s’voi pretende ancor d’aussè ’1 cachet!, 
Pensò eh’ i peuss fiacheve la sicoria. 

Le Grue sentiend lo, piene d’dispett 
A j’han rispost.... E voi che bestia seve? 
Chi v’ha portava si, l’elo’l Foulett? 

Prchè ch’jaspete ancheui mach a mostreve? 
D’allora eh’noi i vnouma su da si, 

E pur n’è mai rivaue d’inconlreve ! 






(Ai replica ! 1 Balou) adess a ini : 

Gher, chi vad a leve na bignèia ! 

Parli, gheusaja, presto, eve capì ! 

Ma disend lo, s’déStaca la scionféta 
Doni a j* era '1 leu sout, e’1 gran Balou 
A l’è restà rupi giust coni n’ erbéta. 

Sta Faula a veul di’ eh’ a son d’mincion 
•Coui lai eh’a son d’ subrich e s’ievo an 
Prchè eh’ a son guarnì d’ piume d’ pavon ; 
Venta pensò eh ’l vent quaich vota a varia, 

E coui eh’ a son mac gonli a forssa d’fum, 
S’ai capita na bisa un po contraria, 

A perdo ’l feu da sout, e so voluin. 





S8 


LE TUE VIRTÙ’ E L’OSTARIA DLA PAS 


Aveud, com i savi, fati bancarouta, 

Trovandse a mal partì, d’pianta a le grele, 
Con na scudela d’bosch, e con soa bouta 
Andavo tapinand le doe sorele, 

Cioè la Bona Fede e la Speranssa, 

Vendend j’armanà neuv, le storie bele ; 

E pr la pi curiosa circostanssa 

Essend assassina, strache dal viagi, 

All’ ostarla dia Pas V ban pia na stanssa 
Pr desse un po d’ciadel ai so bagagi, 

E casualment tra lour vnend a dèscoure, 
Esclama la Speranssa.... Fècouragi ! 

I spero chi Pavroumo finì d’coure, 

Prchè s’me canocial m’ha nen tradirne, 

I sarouma a bon port fra poche ore ; 

L’è vera eh’ fin adess i son falime, 

E chi F hai sempre visi d’ castei an aria : 
Sorela.... Ma i se’voi eh’ j'avì ’ndurmime 


-=§ 22K ;; 


Disend Ioli, s’ presenta con un’aria 
Smorta, mesa scarna, luta piourosa 
Na Dona verament nen ordinaria : 

Ma a l’era mal fourgià, bruta, scarousa, 

E andava barboutand ’l dies irce, 

Ciamand pr le sing piaghe un po quai cosa. 
Chi seve? (una ai rispond).... forse chi vire 
’L mond coni fouma noi.... Da dont avnive 
A smia ch’j’abie mal, e chi sospire! 

Am riconossve nen? Prchè stupive? 

1 son la Carità vostra sorela : 

E voi, mie care soeur, seve ancor vive? 

DI colp j’ailre l’ambrasso pr basda : 

E elida a j’ ha soggiunt.... 0 Fije, guardem 
(Juardè ani che stat a venta ch’iin rabda! 
A j’è pi nen un can ch’veuja aiogieme; 
Trovandole dispera, son fin andaita 
Ciamand ai Ospidaì pr ricovreme ; 

Ma cosa servlo mai ! Tant i son staila 
Sforssà dal freid, la fam, e la miseria 
A scapè da là drint, suo j’ era faita ! 

Pr vive così esposta all’intemperia, 
Abandonà da luit, sempre schergnìa, 
Sorele, i 1’ hai decis d’andè an Siberia. 

Eh bin noi iv farouma compagnia : 

E forsi eh’ ant coul clima noi trouvrouma 
An mes a coula gent dura, abrutìa, 

La pas e coul boneur chi sospiroma. 




13 




1 STIMEl K 1 MERLO 


Tre Merlo setisa pnass, mairi e spnicì, 

C1T andavo pr lo mond serchè fortuna 
Prchè eh’a so pajis l’ero sbianchi, 
Viagiand na bela seira al ciair dia luna 
L’ han visi su na briccola un castel vei, 
Ch’era mes ruvinà, scur com na truna, 

À smiava propri fait mach pr j’ ousei : 

E casualment anloura ant coui drocheri 
A j’abitava un voli d’Strunei, 

I quai fasìo un tapagi, un armisteri 
Subi and e gasoujand fica là drilli, 

Lontan dai guai, dal mond, dai inlemperi 
Sti Merlo senliend lo, second so istint, 

Son presentasse là con loia franca, 

Criand antra lor tre, com fusso vini; 
Disend : Noi vnoumo adess da Salamanca, 

J’ouma pensa d’fermesse ant vost,pajis, 
Pr vende i nost pachet d’magìa bianca; 



-=@ 227 @>- 

Ma coni noi aitri i souina bon amis, 

Prchè eh' i nost costum, '1 tap, la lingua, 

A veulo che tra noi vivo indivis, 

Talment, eli'a mala pena pi ass distingua 
Dai unge e dal bech giaun Merlo e Strunel, 

E la rivalità, l’odio s’estingua ; 

Così s’javeiss bsogn ant vost Castel 
Pr d’roba d’interess, d’economia, 

D’un pian pi ratina, verament bel ; 

Pr deve un contrassegn d’Merlantropìa 
I souma si dispost, fè capitai, 

Noi comodrouma tut a maravia. 

Portene piuma, carta e caramal, 

E lasse fè da noi, con dontrè zero 
1 liquidroma i frutti, e ’1 capitai. 

Dit lo, ’1 Strunel pi vej, eh’ era un bodero, 

Àn mes a doui Lachè con d’lanternin 
Ai dis.... Ben arriva, compare Pero ! 

E subit piandie tuti pr n’ ongin 

Ai meno a pè sopat ant l’assemblea 
Con j’aitri so Strundi consitadin ; 

Disendie : Guardò si nostra ciambrea, 

I la trouvrè nen vaire d’vostr gust ; 

Ma sti temp si fan strense la courea ! 

Noi aitri iss n'abitouma st castel frusl, 

Prchè di’a l’è lontan d'ogni tapagi, 

E eh’si vivouma an pas e sensa sust; 

Ma un Merlo a j’ ha soggiunt.... a l’è un darmagi 
Oibò.... scussi 1’ è grani.... oidè.... uiaipì : 
Coni elo, chi v’ ua ste ’n cousl annitagi? 





'-c§ 228 g=— 


Da noi che diferenssa! aulche soussì : 

Da noi tut a Fé rich, tut a respira 
La pompa, F eleganssa, e ’l pur piasi; 

Da noi le pere a son mole coni sira, 

Da noi la mana a pieuv fina sul gioucli : 

Da noi le cose a son tut autra mira? 

Voi ait, mia cara gent, se’ d’ patalouch, 

A venta deve d’ton, piè d’energia ; 

Guardò, davsin a noi se’ d’barbabouch ! 

E Fautaj’ha rispost.... Mavussuria 
Dovrìa dco insegnene a durvì j’ oeui, 
Mostrandne a riforme nostra famia : 

GIF a s’buto, e eh’a comensso fin d’ancheui, 
GIF a fasso tut second ai laca ’l vèrlo ; 

Lour ait faran da pare e noi da fieui ! 
Starourna tuti chiet, gnun farà d’ F èrlo, 

E nost boneur i spero eh’ a sarà 
L’effet dia gran bontà d’iour sgnouri Merlo. 
Sensa che mi lo dia un presumrà, 

Qual a Fé stait’l frut d’soa bona fede : 

1 Merlo han fait i Singher, son scapa; 

E coula sarà sempre la mercede, 

Ch’a l’avran i Badola, i Foifotù ; 

Le gent a fan j’amis pr le monede, 

Ma lo fan mai pr coeur e pr virtù. 






Ne sutor ultra trepidai». 


STANZE 

A T è un proverbi antich, ma tant pi giust, 

Ch’a bsogna eh’ognun fassa so méstè, 

Ch’j ciavatin tacouno j’ savat frust, 

Ch’a fasso offele coui ch’a fan j’ offlè, 

Senssa andesse a sércand d’i crussi, e d sust 
Ficand ’1 so mes sold ant d ailri affé, 

Prchè a l’è dit eh’ a farà mai nen d’ ben 
Tutt’ om ch’as buia a fè lo eh’ a sa nen. 

Ti it ses medich, me car, all’ ospidal 
Da lo ch J i eu sentì di', Mssè Edovard : 

Massa dunque, o guariss coui ch’a 1 han mal 
Con gius d’ sìcoria, d’ barbaboucb, o d card, 
Studia medssina, e lassa la inorai *, 

Prchè it podrie pentite un dì trop tard 
D’avei fica to nas, d’este mescià 
Ant ’j affé d’j’ajtri senssa esse ciamà. 

t Si allude alle tavole morali scritte dal medico Edovardo Calvo. 


—=© 230 @>- 


Cos vaslo a romite j’ ciap con j’ animai 

Ch’ a son <T bestie eh’a i’ han nen l’us d’ rasoi], 

Sonne forse mach coui del Paraguai 

Ch’a parlo, e eh’a pretendo dè d’lession’? 

Tuti i pajis a l’lian so papagai, 

E un sent pur trop soens le sue cansson, 

E d’ gai, e d’ berte, e d’ean, e d’ povre avije 
Sna ved a boulichè pi eh’ d’ furmije. 

Coul poui, coul intendent caria d’ galon, 

Coul borgno, e lebaboje, e coui tavan, 

Coule avije, coul bus, e coul zin-zon, 

Coule berte, coui gai, coul rabadan, 

Coui pito malcontent, e coul Platon, 

Coul tòr, coul oss pianta at 1 col al cau, 

Son stait interpreta con na tornura 
Clx’ a fa argrignè i toson pr la paura. 

A j’è staje li subii certa gent, 

Ch’ a 1’ ha sempre paga mal volontè, 

Ch’ a l’ha dii eh’ coul poui, coul intendent 
L’ero ’l ritrai d’ coui eh’ an ciapo i dnè, 

As mordrio la lenga an mes ai dent 
Sii bourieh s’a leseisso un cert papè, 

Com j’eu let mi, eh’a preuva all’evidensa 
Ch’ as paga molbin mane eh’ 1 mond an pensa \ 
Coul borgno, e eie baboje ant ’l mojis 
A j’an paragonale ai Piemonteis, 

* Vedi il rapporto del commissaro Hennet fatto al Generale Jour- 
sulle contribuzioni del Piemonte, pubblicato colle stampe. 



-cg 231 

Ch’ a veulo di’ eh’ a son giumai déstiss 
A l'orsa perde d’ sangh, e portò d’ peis ; 

Ma ’1 diffetl’ è del sangh eh’ l’è giauu esliss, 
Nen die baboje eh’a lo ciucio areis- 
’L rimedi, a l’è vei, l’è un po’ violoni. 

Ma deje temp a na saran coment. 

A l’han dit eli’j’avije, e i Subalpin 
A 1’ avio an tra lor d’ analogia, 

Quasi com di’ 1’ han fait i barberai 
Lo eh’ 1’ han nen fait i barbari : oh busia ! 
Bsogna dstingue ant tut ’I com e ’l fin. 
Confrontò lo eh’ ass dà con lo eh’ ass pia : 

J’ajtri han mangiane, e peui l’.lian foutù 1 cuti, 
Stissì P han liberane dai tavan. 

J’ è slaje fin chi s’ è ’ncalasse a di 
Ch’ i pilo e j’ Italian l’ero fralei. 

’L mond a P è pa gnanca ancour finì, 

E a l’ero pa tant pito i nostri vej. 

Le storie a parlo ciair, e forsi un dì 
Faran vdde ch’a son nen osei, 

Ch’a s’anfouto de Platon, e d’ quanti ai sia 
Magister, e scoulè d’filosofia. 

Ch’ai sia vnuje na berta dal Monsnis 
As peul pa nen ciamè na novità ; 

Ansi pr onour e gloria d’ nosir pais 
A bsogna di’ eh’ ai n’è dco andaiue an là ; 

Ch’ chi cour après d’ le berte a resta sbris, 

A l’è na cosa eli’ tutt ’l mond la sa. 



-<© 232 §=- 

Dunque ’l tort I’ è d’j merlo, a 1’ è d’j orieui 
Ch’a 1’ han eouruje après, oh che subieui ! 

Ant la carcassa d’ coul ceri tòr rusià 
Dal can a 1’ han preteis d’ vdde Turin, 

Ant coul toc d’ oss eh’ a j’è resta pianta 
Ant’I col coni unstoch, la mala fin 
Ch’a spetta a coui eh’ a 1’ han assassina. 

S’la cosa a fus paria a dirìo bin, 

Ma bsogna di’ eh'a le nen vei, prchè 
A stampo all’ incontrari ant i papè. 

Guarda li, me car medich, an sostanssa 
Lo ch’a 1’ han dit d’ toe faole i lo nimis, 

E se ti i t’ere nen grivoè d’ la ganssa, 

A t’arrivavo a còl coui d’j barbis, 

Ch’ at brlicavo bele là ant toa stanza ; 

E forsi at sario vnute i cavei gris, 

Ch’ at tacava mai pi scur ’l gali 
D’ stussichè le berte, i poui, e i gri *. 

E quand it fusse stait ant ’l taffus, 

At avrìa Servite niente affait 
’L di’ eli’ it criticave mac j’ abus, 

Nenie presone com Esop 1’ ha fait, 

E bin eh’ at fussa smiate un po d’angrus, 

A bsognava ste a l’ombra ancor marlait, 

E tutt al pi t’avrìa salvò Ponour 
La favola adatà d’ 1 can pilour. 

* Il citt. medico Calvo fu accusato d'aver manifestato un spirito 
sedizioso nelle sue favole, epperciò fu decretato il suo arresto, da 
cui si liberò colla fuga di alcuni giorni. 





Dunque mi i tourno a di’ lo eh’ i ai già dit, 

Ch’ a bsogna eh’ ciascun fassa so mstè, 

Prchè senza d’Ioli le bel e scrit, 

La machina del mond peul nen andò ; 

Andarla pr stort lo eh’ va pr drit, 

E lo eh’ va dnans un Io trovrìa dare. 

A srìa squinterna ’l moral, e ’1 fisici), 

A srìa na roba da muri tuit tisicli. 

Suponte un po pr ipotesi un moment 

Ch’ as troveissa ant ’l mond un quaich stat, 

Doe pr disgrassia ai fus sautà ’nt la ment 
A dontrè scaussacan, o scanagat, 

Ch’ a l’aveisso nen d’ bon mac j 1 ongie, e i dent 
D’voreje arvirè ’l mond, e eh’ sti mat, 

Pr la virtù de brlich oppur d brloch, 

A l’aveisso riussì st proget baroch, 

Ch’ a buteisso alla lesta a comandò 

Un sargent eh’a mneis tuit tambour batan, 
Créeisso generai quaich stalè, 

Ministr chi 1’ ha mai pia la piuma au man, 

Ch’ a feisso un ciapaciapa finanssiè, 

E coui eh’jer 1’ ero medich s’ 1’ indoman 
Lassand Galeno, e la farmacopea 
Ai toccheissa d’ fè d’ legi d’la diarea. 

Pr l’istessa rason, pr ugual disgrassia 
I médich bosarrio la giustissia ; 

Coni n’ avocat eh’ voreissa, exempli grassia , 

Fè ’l medich pr ignoranssa, o pr malissia, 




Pr dè un calefacient darìa d’ cassia, 

D’amer coni tossi a chi ha bsogu d’argalissia 
Ordinrìa a un mess tlsicli le copétte 
Con d’ vissicant, e d’lavativ d’ brochétie. 

Ch’ an conseguenza d’ sto bel iravai 
It védeisse a lachè i beu dop dèi cher, 

J’aso arabastà all’inverss, e eh’ i cavai 
À feisso i carossè sta sul seder, 

Ch’ i pess voleisso s’j’ erbo coin i gaj, 

Ch’ as vdeissa i bourich lavè i bicier ; 

Ch’ani’i pajis d’ sii bastian contrari 
A fusso fina i gat rusià dai giari ; 

Disme un po la vrità coum at smia, 

Avrjistu nen un poc d’ compassion, 

Pr coul pover pajs qualunque a sia, 

Vittima dsgrassià d’ tanta ambissimi, 

Bosarà, desola da l’anarchia *? 

Esclarnrisiu nen d’ co d’ lutt d’ to bon, 
Ch’a fasso offele coui eh’a fan j’ offlè, 

Suo la barella d’ 1 mond peul nen andè? 

Dunque, me car, contente d’ co ti 

D’esse ministr d’ natura oppur d’la mori, 
S’it veule vive an pas ’l rest d’j to dì, 
Piche s’il ses gavà pr bona sort 
Na vota, un’ autra it na gavras pa pi ; 

Ch’ Natura as lassa nen fè lauti lori * 


* Vedi il decreto 12 germinale, anno IX. 






-t@,25b <&- 

Impuuement; sicur a la pagrà 
Chi la insulta, un bel dì, cara e sala. 
Dnanss d’ fluì sta legenda am ven an testa 
di’ pr dè leugh a gnun a pensò mal, 

A. T è di ben eh’ i fassa na protesta : 

Mi i 1’ ai parla dia lege an generai 
Dia Natura, ma i seu peui dco d’la resta ; 
Ch’ ogni legge a l’è sempre manco mal 
Sogetta a d’eccession, e un na treuva 
Bele ant l’istess Piemont la pi gran preuva. 
’L Piemont a Tè adess, com tuti san, 

’L pajis dia cocagna e dia prosperità, 

Ass podrìa andò prlì con 1’ or an man, 

Tant a son sicure le proprietà. 

Ass rend giustissia gratis fin ai cari ; 

J’ dnè le bele dit eh’ un j’ha a palà. 

A j’è pi gnun impost, gnune angarìe, 

J’abus, le prepotensse son finìe. 

Eppur s’un aveis da giudichè 

Second la lege ut supra eh’ i disia, 

As dovrìa ben di’ ’l Piemont a 1’ è 
La sede del disordin, di'anarchia, 

Prchè dj medich a le mai stait alle 
La politica, e la diplomassi ; 

E un generai fainous pr na vittoria 
Da rair d’ magistrat i’ ha dco la gloria. 

Viva dunque ’l Piemont, viva Giordau, 

Ch’ a la rendulo tanto fortuna ; 



Viva i tre Carlo, e tuli coui eh’ a 1’ han 
Al nostr comun boneur coopera. 

Dj so fait, dj so noin a s’ n’ arcordran 
1 fieni di nostri fieui, e soe masnà. 

Gli’ a fassa ’1 Ciel lo eh’ noi podoma nen, 
Ch’ai annerita chial com as conven. 



l'ETISSION D’J CAN 


A l; ecelenssa ’l ministr f la poliss 


Ecelenssa, ilustrissim Sitadin, 

Cosa j’ hanne faje mai i povri can 
Del circondari, e dia sita d lurin, 

Ch’ai veul tuli mort d’ancheu a domali 
Dal pi gros Còrs fin al pi pcit Doghili, 

Senza gnanca butè un Consideran, 

Ch’ a l’è pr coust, o pr coul autr deli! 

Ch’an condana a la mort, ean’ ha proscrii? 

Àn conclusion i souma tuti uguai, 

La lege a 1’ è pr tuit, o tut almanch 
S’a l’è nen a dovrìa esse parai, 

L’ han diio i ciarlatan fina sui banch, 

Ch’ a fè giustissia giusta mai e peui mai 
(Scusene s’i parlomà un po trop franch ), 
Tant ant ’l Criminal, eh’ ant’l Civil 
As dev condanè gnqn senza sentii. 

Ch’ a sospenda un moment dunque, Ecelenssa, 
E eh’ an lassa parie prima, e eh’ an senta 




■--§ 258 @>~ 


Dnans fè eseguì coula fatai sentenssa; 

Ch’ a lesa i nosl pape, e ch’as contenta 
D’esamineje bin, e peuj eh'a penssa 
S’j’ouma tori, o rason ciaira e patema, 

E s’a T è nen, parland con poc rispet, 

Na vera porcarìa coul so Decret. 

Tut nostr delit, da lo eh’j’ouma sentì, 

A consist peni, eh’ un d’ sti dì passa 
Un can a la mordù andasand prlì 
Un gal eh’a svolastrava antna contrà. 
Coust gal becofotù, prnen di’ d’ pi, 

S’ è Lutasse a criè eh’ l’ara anrabià; 
Chiel a drittura, prchè a l’era un gal, 

A veul fè un cagnicidi universa!? 

Già eh’ a l'è vera, i lo negoma pa 

(Ch'an casca ’l pnas sì dioma la busia), 
Gli’ i souma dal pi al mane tuit anrabià ; 
Ma a l’è nen nostra rabia idrofobia: 
Nostra rabia pr dila coni a va, 

A l’è un mal neuv ch’as dis gallofobia, 
Prodot da l’odio chi j’ouma conira i gaj 
Autor d’ nostre miserie, e d’j nostri guaj 
A dev savej eh’ i gaj ant nost pais 

Son sempre staitd’osej d’ cativ auguri, 
Ch’a son considerà com d’inimis 
Ant la sita, an campagna, ant i tuguri ; 
Guaj dov a fico ’l bec, magara amis, 

A V han pi grimi riguard, a son d’ diuri, 







230 


Às peul pi tien regnè nè dì, nè neuit, 

Fin di’ un i lorsa ’l col, e eh’ a sio ccouii. 

IV podeje intré ant ca sti bosaron 
Dan da intende eh’a veno pr guarnè, 

(ih* a saran vigilant, e eh ’l padron 
A peul durmìlranquil, e fè i so afte; 

Ma guai s’ai cred, e guai s’a fa ’l cojon, 
Ch'a s’audreuma un moment, cousti sparve 
Ai sauto al col col bec, e ai gavo j’oeui 
Senza misericordia al pare, e ai fieni. 

E peui après as buio a sganassè 

Coni s’a l’aveisso fait quaic cosa d’ bel; 

Di’ un po eli’ un as voreis mac Jamenlè*? 
Anlora sì ch’a fan un bel ciadel ; 

Anlora as parla subii d' amassè, 

E pr torment maggior, e pi crudel 
Pretendo eh’ ai dijo ancor bin obligà 
D’aveive gavà j ! eui, e assassina. 

Noi aitri chi l’avouma pr natura 

E’ istint d’esse fedel a chi ’n dà d’ pan, 

I lassouma, Ecelenssa, ch’as figura 
S’i podouma sulfrì (bin chi sio d’ can) 

N’ ingiustizia tant neira, e tanto dura, 

Da d’ foutù gaj, ch’a veno da lontan 
Mairi, spluffrì e tuit pien d’ prpojn 
Pr vnì a robè, e comandò a Turili. 

,1’ dirouma nen aul eh’ sti baloss 

Dop d’avejè mangia e’l bone ’l mej, 




-=@ 240 <§s- 


Dop d’avejerobà, ma giù a l’ingross, 

Tute le provision e ’l fondo vej, 

A pretendo pr lour fin coni quatr’os 
Dscarnà, dspolpà, eh’ a smio d’ rastei, 

E eh’ a son sempre stait, coum a saran, 
Fin eh’ mond a sarà mond, roba d’j can. 

Son nen content d’avejne pia la pel, 

Mangia le cara, e f l coeur, la frieassà, 

D’avejne ciuccia’l sang,j’euj, e ’l servel, 
D’avejne sciampairà fin fora d’ ca, 

E avejne roba ’l pan, butà arabel 
Pi d’lo eh’ a fusso lor dnans d’ vnì an sa, 
Ch’a veulo sta geneuria malandrina 
Fin piene j’oss pr fesse d’ geladina. 

La passienssa a va bin fin a na mira, 

As seufr fin ch'as peul, ma al fin di fin, 
Dis ’l proverbi, a scianca-chi trop tira: 

J’ouma fait i nostri cont, e pensa bin, 

Ch’ pr muri a peit feu, rusià da l'ira 
Pes eh’ i sciav ant le man d’j Tunisin, 

A F era rnei vireje un poc i dent, 

Posto eh’un dev muri, muri content. 

Chi T a sercane i prim, a son stait lor, 

Noi aitri senssa lor stasìo tanto bin ! 

A pena son ficasse sti impostor 
A n’è toccane d’ fè la mala fin : 

Lor pretendo la vita, i dnè, e l’onor ; 
Dunque, a dije so noni, a son d’assassin, 




241 @s>- 

E a mostra ’l drit d’ natura, e coul d’le geni 
S’un a t’ veul morde ti, ti virie i dent. 

Noi j’ouma dit: ades a tocca a voi 
A decide la cosa imparsialmeht, 

A giudichè chi abbia rason d’j doi, 

0 i povri can, o i gaj impertinent, 

E s’ coula arseta eh’ i avi fait pr noi 
A conven nen a lor pi giustament, 

E s’ pr lini ant na vota tuli i guaj 
Sarìa nen mei tirè ’l col a luti i gaj. 

Ma noi aitr’ i ciamoma pa nen tant, 

I souma pi discret d’ motobin ; 

Ch’ a ciapo macso cui con le doe man, 

Ch’a vado al diavo lor, e i so prpojn, 

E eh’ as fermo mai pi fin ca saran 
Tantlontan com ades a son d’avsin; 

Ma lolì va fait subit, e i giuroma, 

Basta mac ch’as na vado, ij perdonoma. 

Ma s’ mai a pretendejsso ancora d’ ste, 

A l’avran mai pi pas su nostra tera, 

S’ i veule, i se’ padron d’ fene massè, 

I muriroma, ma a sarà mai vera 

Ch 5 i meuiro da poltron : tutt’un a l’è, 

Muriroma glorios fasend la guera, 

E guera a mori ; levevlo pur dan lesta, 

Ch’a massrà ancor so nimis 1’ultìm ch’ai resta. 


14 




Vedi il decreto del commissaro di Pulizia in data delti 
20 termidoro, anno XII (luglio I805j. 

Proprium erat Docloris Physici Calvi Taurinensi* Auricola* 
teneras mordaci radere vero. 





SU LA VITA D’ CAMPAGNA 









SI LA VITA 




ODE 

a» 

\ 

Com l’è bisbetica 
Com l’è mai drola 
L’idea eh’ a domina 
Certi badola, 

Ch’ant le vilotole, 
Uoa ass fa na vita 
Gofa e patetica 
Parei d’j’armila , 

Là sol ass vegeta, 

Là mac ass goda 
Ani la mei moda ! 


Piche eh’ là ass pratica 
D’ gran personagi, 

J’ è d’ ca magnifiche, 

D’ bei echipagi, 

D’bouteghe splendide, 
D’ gran eleganssa, 

D’ Magister d’Musica, 
Di Metre d’Danssa ; 

L’è pien d’Orefici, 

D’meste eh’ frastourno, 
IV soldà eh’ tambourno ! 

3 

Eia pur l’ultima 
Pi gran arsourssa 
Portè con enfasi 
La spa e la bourssa? 
L’avei dia si pria, 

D’ visti eh’ a luso , 

Tratè d’ bellissime 
Ch’ s’ampiastro ’l muso 
Vive da machina , 

Sciav di caprissi, 

Di pregiudissi? 





~-'-g 247 


2 

Prchè eh’ là ass traliga 
Con d’ leste dure , 

S’ ved die ca semplici T 
Gnune viture, 

D’ bouteghe topiche, 
Nen d’ simetrìa, 

Là j’è nen d’ Musica, 
Nè un bai eh’ arvìa ; 
J’è nssun Orefici , 
Gnun meslè an moto, 
Nè d’ soldà eh’trote ! 

3 . 

Klo na massima 
Tant d’importanssa 
L’esse misantropo 
Sensa eleganssa? 

« D’lassè la si pria, 

« i’abit eh’ a luso, 

Pr d’ foumne rustiche 
Cuverte d’ ruso : 

Vive da tapari 
Sciav d’un’ idea 
Cosi plebea ? 


4 


Cos mai significne 
Tante fandonie, 
Tichette, regole, 

E sirimonie ; 

Tute eie visite 
Pr convenienssa, 
Smorfie ridicole 
Faite an cadenssa : 
Sechesse all’ Opera , 
A la Comedia, 

Muri d’inedia ? 


5 

Pur cousl immagine 
Forma la soula 
Beatitudine 
Ch’a meuv la goula 
Ble gent pi comode, 
Pi colte e sode, 

Ch’a meuiro martire 
Senssa mai gode 
Nè di’ aria libera, 

Nè dia verdura , 

Nè i don d’ natura. 



-=-£> 241) 


4 

Sonne nen lepide 
Cle fiere usanse 
DI Cinic Diogene, 

Cle mal creanse 
D’ mai vede n’ anima 
Sensa interesse, 

Nen descomponise, 
Mai inchinesse ; 

Abori T Opera, 

Tut’i speliaco!, 

Pr fè T ouracol ? 

5 

Pur j’è chi s’augura 
D’vive sta vita, 

S’tre uva chi specula 
D’ meuire trapi la : 

J’è d’ geni richissime , 
D’ persone dote, 

Ch’ van a nascondise 
Com le marmo te, 

Oh’ san gnanc pi l’epoca 
0 ’l dì eh’a vivo, 

Nè i cas eh’ arrivo. 




6 


(ìoui dì eh’ a ni’ limila 
’L destin ancora, 
Poudeissne gòdèmie 
Fin 1 ’ullim’ora 
Com i desidero, 

A na campagna, 
Lesend me Seneca 
Soul na castagna, 
Sentiend le Lodole, 
J’ouseich’ tripudio 
Mentre eh ’i studio ! 

7 

Che vita placida, 
Contenta e chieta 
Pr P om eh ’a medita, 
Pr chi s’ dileta 
Di piasi semplici, 

D’ na sort onesta , 

Ch’ veul vive, e s’ evita 
Lo eh’ lo molesta ; 

Che vita angelica. 

Che sort fiourìa. 

Pr mi a sarìa ! — 






251 g=- 


6 

Fin eh’ j’eu sta fìsica 
Povra esistenssa, 

Mi m’la veui gotlèmla 
Com diligenssa, 

Coni i la giudico, 

’Nt le sità industri, 
Lesendme j’ opere 
D’j’autor illustri, 
Scoutand le dispute 
Di dot eh’ a sciairo , 

Fin tant eh’ i pairo ! 

7 

Che vita angelica, 
Contenta e vaga 
Pr l’ora eh’a s’applica, 
Pr coul eh’ a indaga 
Le sode pratiche 
Dia gent attiva, 

Ch’ veul gode, e medita 
S’ lo eh’ lo ravviva ; 

Pr mi delibero 
Su le altrative 
De sto bel vive ! 


- ?j 2S2 §-•- 


8 

Così m’acàpillo 
Ch’ i veui nen leso, 
Ciapo na gorbina, 

Vad pr cerese, 

Vad sercliè d’ampoule, 
D’ nespo, d’griote, 
Smeno d’tartifoule, 
Pianto d’ carote ; 

.Tento die mandole, 

Vad pouè la vigna : 

E chi s’ n’ambrigna. 

9 

S’ lolì am nausea, 

Che T estro am passa, 
Me can am seguila, 
Seurto a la cassa : 

Vad pr le gérbole 
Sniciand le tane, 

0 eh’ im industrio 
Pr ciapè d’ Rane ; 

Tendo die trapole, 

Dj lass, dj arssie , 

Lolì m’ fa rie. 



-=§ 2S3 


8 

S’ la ment s’intorbida, 

Ch’ le studi ’m sécca, 

J’è ’n truc eh’ a m’incita 
Dovro la stécca ; 

Bagat ’m stussica 
N’ autra pania ; 

Vad a na musica, 
Treuvd’ compania : 
Prultim analisi 
J’ è na pitura, 

S’ ved na scultura. 

9 

S’j’eu d’aut eh’ am bustica 
Cambii de scorta ; 

Serch l’aria libera , 

Vad fora d’ porta : 

J’eu ’n bocc ch’ass agita 
D’ mille manere, 

Fa ’l bagn, s’arviscoula , 
Peui gava d’pere ; 

Clnel cour e s’ anima : 
Taca na rusa ; 

Lolì m’amusa. 


-=© 234 g&- 


10 

Oppur i in’ occupo 
Crousiand le rasse, 

Fass cantò d’ Passare, 
Parlò d’Àjasse : 

J’anlevo e propago 
Diverse bestie, 
D’Colomb e d’ Tortore, 
D’Anie domestie, 

Die Crave d’Angola , 

D’ Gaiine Indiane, 
D’Oche Mantouane. 

11 

J’erbe specifiche 
Pr coui eh’ a s’tajo, 
Coui eh’ l’han la colica, 
Le frev eh’j tnajo ; 

Pr coui die scrofole, 
Coui eh’ son brasasse, 
Le foumne isteriche, 

Pr le scarvasse, 

P'r fè di balsamo 
Mi ste erbe i choeujo 
Quand i m’anceujo. 







-=© 255 


10 

0 eh’ i in’ approssimo 
D’j’avis eh’ ass taco, 
J’entro all’ esamina ; 

E fra i miraco, 

Vedo d'fenomemi 
D’ varia natura , 

D’ osei, d’ quadrupedi 
D’ogni figura ; 

Osservo d’ macchine 
Souens ingegnose, 

D’ forsse curiose. 

11 


Oltre la serie 
Die cose scorse, 

S’le piante m’ occupo, 
J’eu d’ bele arsorse ; 

Là ant le botaniche 
1 viaggio a la China 
Tra j’erbe celebri 
Dia medicina; 

Conoss l’origine 
Die spessie fine 
D’ nostre cusine. 



12 


Se ’l ternp s’intorbida 
Ch’ass buia a pieuve 7 
Treuvo an meccanica 
D’j arsoursse neuve ; 
M’angigno, i fabbrico 
D’j atrass d’ campagna, 
Mila giargiatole, 

D’ gabion d’ cavagna : 
Turnisso d’$otoIe 7 
Fass die ghingaje 
Pr le maraje. 

43 

Ma quand s'approssima 
La stagion bela, 

Quand la canicola 
Choeus la servela ; 
Oppure all’ epoca 
Ch’ ass fa ’l vendummie, 
Cantand an musica, 
Ciapand die summie 
Con la combricola 
Dia gent dia sapa, 

L’è un slè da Papa ! 





-e@ 257 §=- 


12 

TSe ’l temp s’ annivola , 

Sa ven guastesse, 

J’è peu an meccanica 
Dco d'amusesse 
Ant le Metropoli 
Con avantage, 

Tratand j’artefici 
Ch’a 1’ han d’usage, 
Trouvand air ìmpeto 
’Nt un’ ocorenssa 
J’ ordegn d’ urgenssa. 

13 

Quand a predomina 
’L Sol su la tera, 

Ch ’ 1 caud incomoda 
Nostr’ emisfera, 

Al fresch die publiche 
Ombre d’ verdura, 
Ligà con d’esseri 
Ch’ a P han d’coltura, 
S’fa die magnifiche 
Bele partie 
Ch’ a invito a rie. 





-<§ 2K8 


14 

Tuli alegrociter 
Con soa botelia 
Destiand la canova, 
Sfoujand la melia, 
Con nostra tavola 
Sout na nousera, 

Le foumne e j’omini 
Setà pr tera, 

Contand die frottole, 
Mangiand d'salada , 

S’ fa la balada. 

15 

Li peui se ass capila 
D’ apress dia sina 
Quaicbun eh’a bustica 
’N violin, na crina : 
An mes dia ciulica 
Con eie matote 
Leste com d’Rondole, 
Ch’ fan virè ’l cote , 
L’è propri un godise 
Balene un paira 
Li bele ant Taira ! 



2Hft @>- 


u 

Tuli d’un’idole 
Per divaghesse, 

S’ propon le trifoule, 

S’ van a mangesse, 

Con die belissirae 
Ch ’abrevio 1’ oure, 

D’autre eh’ ass modero 
Pr fesse coure ; 

Svoidand peui V animile, 
S’ parla an poesìa, 

S’ god T allegrìa. 

15 

S’ le seire anticipo, 

Ctrai sia chi baia, 

Mac con un organo 
Pr li ’nt quaich sala. 

S' ved già die motrie 
Ch’a ’nparadiso, 
Sauland an regola 
Mentre ch ’a friso , 

Ch ’a amuso j’omini, 
Serco d’piaste 
Con die foulìe. 



Nissun s’immagina, 

Gnun peul descrive 
Quant mai a giubila 
L’om eh' a sa vive 
An solitudine 
Su na bricòla 
Con la gent rustica, 

Con di badòla , 

Cli’a studia e s’occupa 
D’ lo eh’ ai peul rende 
Senssa dipende ! 

17 

Lassand le massime 
Die Sita grande , 

Chiel va con d’ soccole, 
Seurt an mudande ; 

Mai nen l’intorbida, 
Gnun Comissari, 

Gnun rompa scatole, 
Gnun sour Vicari, 

Gnun dia Statistica, 
Gnun d’ coui die Boule 
J’ sécco le mioule. 




16 


Chi mai determina, 

Chi peul prescrive 
L'aura benefica 
DI’ om eh’ a sa vive 
La vita energica 
D’j leugh notabil, 

Con d’teste d’ordine, 
D’ soget trattabil, 

Ch’ ass buta an cariga, 
Fa so interesse 
Senssa abassesse ! 

47 

Lassand ch’i satrapi 
Trascuro 1’ mode, 
Chiel vest con enfasi, 
Procura d’gode : 

Mai niente l’altera, 

« Gnun Comissari, 

« Gnun dia Statistica , 

« Gnun sour Vicari ; 
Dossil al codice, 
Pagand soa taja, 

Pi gnun lo tnaja. 



Così chiel evita 
I)’ sentì ’l ciapétte 
Dìe gent politiche , 

D’ coni die gasètte ; 
Ved gnun Ippocrita 
Da doui carater, 

Gnun d’ coui tai esseri 
Ch’a mastio d f Pater, 
Ch'a dovro disillabe 
Sucrà, turnie, 

Peui son d’Arpie. 


19 

Tranquil ant l’anima 
Chiel va cougiesse ; 

S’arvoita e sgambita , 
Peui torna a Ivesse : 
Mangia doui seleri 
Con quaich facenda, 
Peui disna e replica 
’N bocon d’ marenda, 
E intant a vegeta, 

S’ na fa na vita 
Da ver Armila. 


-=# 263 §a~ 


18 

Sé ’J cas j’accapita , 
Ch’ ai riva d’ sente 
Su la politica 
D’ gare insolente ; 
Sa ved die raaraole 
Uampè con d’vissi, 
D’perfid ipocrita 
Pien d'artifissi, 
Chiel ass dissimula, 
Gassa sie plissé 
Pr divertisse. 

19 

Content eh’a giubila 
Chiel va arposesse ; 
Deurm in Àpolline, 
Stenta dèsviesse : 
Ciama quaich’ bostica 
S' P applit lo tenta , 
Peui mangia a tavola 
Lo eh’ ass inventa, 
Fratant a prospera, 
Viv con coul brìo 
Ch’i sens consìo. 


-<© 264 


20 

Oh voi chi strepile 
Pr trouvè d’ gloria ; 
Voi ait chi v’ lambiche 
D’ vive ant Y istoria ; 

E voi chi giudiche 
CU’ le Sita a sio 
Un ver emporeo, 

’L pajis d’iddio, 

Sì, voi rispondiate , 

S’ l’è nen mei vive 
Com i l’hai dive ? 









Voi aii chi fabbriche 
Vost ni’nt na bouta; 
Voi ait chi v’ occupe 
D’ sta condouta ; 

Voi ait chi v’ releghi 
’Nt una campagna. 
Chi fè d’j’antipodi 
’N pais d’ coucagna f 
Adess difendive, 

Sno di ehi stime 
Ste don tré rime. 






mmm 


Agli amici. 

FOULIE RELIGIOOSE. 

Cant, I. 

Cant, Il. 

Cant. IH. 


Annotazioni... 

Il diavolo in stato qoo. 

Faoole morali. 

Introgolone.' . 

Faula I .-L'Intendente IFou) . 

Faula II. — le Sanssue e J l Borgno . 

Faula ITI. — Platon e i Pito- • • •. 

Faula IV- - l Scatenan e) Am)e ^ _ ■ • ■ 

Faula V. - La Passra solitaria e la Berta ... 

Faula VI. — "l Can e l Oss .. 

"Faula VII. — Le Pecore e i Pastour.. — 
Faula Vili. - La Spa e la Lumassa rabloira. 

Faula IX. — La Ciouss e le Poule . 

Faula X. — ’l Balon volani e le Grue . 

Faula XI. — Le tre virtù e V Ostarla dia pas. 


Faula XII. — 1 Stunei e i Merlo . 

A mssè Edovard. — Stanze. 

Petission d’j can , .. 

Ode so la vita d’ campagna e d’ sita . 
Su la vita d’ campagna. — Ode d’ Calvi. 
Su la vita d’ sità. — Ode d 1 Prunet . 


Pag. 

5 

9 

ibld. 

36 

57 

69 

151 

193 

‘195 

197 

200 

203 

207 

210 

213 

216 

218 

220 

222 

224 

226 

229 

237 

243 

244 

245